Salute 28 Ottobre 2019

Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»

«Va fatto sì che la sanità umbra – ha dichiarato la neo governatrice in un’intervista a Il Messaggero – possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l’utenza che vi si rivolge». Tesei ha vinto raccogliendo quasi il 37% dei voti della Lega e l’oltre 10% ottenuto da Fratelli D’Italia

Immagine articolo

Donatella Tesei è ufficialmente il nuovo presidente della Regione Umbria. L’ex sindaco di Montefalco e candidata della Lega ha ottenuto, secondo i dati definitivi diffusi dal Viminale, 255.158 preferenze pari al 57,5% dei consensi, staccando di 20 punti percentuali l’avversario Vincenzo Bianconi, sostenuto da M5S e Partito Democratico, fermo al 37,4%. Una vittoria frutto di una coalizione di centrodestra che ha visto la Lega ottenere la maggioranza dei consensi, arrivando quasi al 37% dei voti e un contributo sostanzioso di Fratelli D’Italia che supera il 10% dei consensi; Forza Italia, invece, si ferma sopra il 5%. Dall’altra parte la coalizione Pd-M5S non convince l’elettorato. Il Partito Democratico tiene rispetto alle europee e si ferma poco sopra al 22%, crolla invece il Movimento 5 Stelle che ottiene il 7, 4%.

Sarà la sanità pubblica il primo punto del programma della neo governatrice. In un’intervista a Il Messaggero, Donatella Tesei preannuncia che dopo «concorsopoli», lo scandalo e gli arresti che hanno coinvolto i vertici della passata amministrazione a guida PD, la parola d’ordine sarà «merito», «merito come elemento determinante in ogni scelta». Sanità pubblica, che «ha avuto ed ha ottime professionalità che devono essere messe nella migliore condizione possibile per lavorare» sostiene la neopresidente regionale. «Va fatto sì che la sanità umbra – aggiunge – possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l’utenza che vi si rivolge». E per un settore che assorbe l’80% delle risorse regionali, spiega Tesei, «è necessaria una razionalizzazione della spesa che riesca ad ottimizzare i servizi offerti e renderli più efficienti».

LEGGI: #DESTINAZIONESANITÀ IN UMBRIA. CONTI IN ORDINE SULLE SPALLE DEI MEDICI?

Tesei ribadisce il cambio di passo, sostenendo come la sua vittoria «vuol dire tornare ad avere una speranza per il domani. Vuol dire aver detto no a un sistema e ad una gestione che ha costretto la regione a un lungo periodo buio». De resto, questa tornata elettorale è stata il frutto della caduta del governo dem di Catiuscia Marini in seguito all’inchiesta sui concorsi truccati nella sanità che tre mesi fa travolse l’intero centrosinistra in Umbria, portando ai domiciliari anche l’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini.

Articoli correlati
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»
Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Umbria, l’assessore Coletto: «Rinnovare la programmazione per migliorare la sanità»
La presidente della Regione Donatella Tesei: «Razionalizzazione e specializzazione saranno le parole chiave della nostra sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...