Salute 28 Ottobre 2019 13:00

Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»

«Va fatto sì che la sanità umbra – ha dichiarato la neo governatrice in un’intervista a Il Messaggero – possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l’utenza che vi si rivolge». Tesei ha vinto raccogliendo quasi il 37% dei voti della Lega e l’oltre 10% ottenuto da Fratelli D’Italia

Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»

Donatella Tesei è ufficialmente il nuovo presidente della Regione Umbria. L’ex sindaco di Montefalco e candidata della Lega ha ottenuto, secondo i dati definitivi diffusi dal Viminale, 255.158 preferenze pari al 57,5% dei consensi, staccando di 20 punti percentuali l’avversario Vincenzo Bianconi, sostenuto da M5S e Partito Democratico, fermo al 37,4%. Una vittoria frutto di una coalizione di centrodestra che ha visto la Lega ottenere la maggioranza dei consensi, arrivando quasi al 37% dei voti e un contributo sostanzioso di Fratelli D’Italia che supera il 10% dei consensi; Forza Italia, invece, si ferma sopra il 5%. Dall’altra parte la coalizione Pd-M5S non convince l’elettorato. Il Partito Democratico tiene rispetto alle europee e si ferma poco sopra al 22%, crolla invece il Movimento 5 Stelle che ottiene il 7, 4%.

Sarà la sanità pubblica il primo punto del programma della neo governatrice. In un’intervista a Il Messaggero, Donatella Tesei preannuncia che dopo «concorsopoli», lo scandalo e gli arresti che hanno coinvolto i vertici della passata amministrazione a guida PD, la parola d’ordine sarà «merito», «merito come elemento determinante in ogni scelta». Sanità pubblica, che «ha avuto ed ha ottime professionalità che devono essere messe nella migliore condizione possibile per lavorare» sostiene la neopresidente regionale. «Va fatto sì che la sanità umbra – aggiunge – possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l’utenza che vi si rivolge». E per un settore che assorbe l’80% delle risorse regionali, spiega Tesei, «è necessaria una razionalizzazione della spesa che riesca ad ottimizzare i servizi offerti e renderli più efficienti».

LEGGI: #DESTINAZIONESANITÀ IN UMBRIA. CONTI IN ORDINE SULLE SPALLE DEI MEDICI?

Tesei ribadisce il cambio di passo, sostenendo come la sua vittoria «vuol dire tornare ad avere una speranza per il domani. Vuol dire aver detto no a un sistema e ad una gestione che ha costretto la regione a un lungo periodo buio». De resto, questa tornata elettorale è stata il frutto della caduta del governo dem di Catiuscia Marini in seguito all’inchiesta sui concorsi truccati nella sanità che tre mesi fa travolse l’intero centrosinistra in Umbria, portando ai domiciliari anche l’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini.

Articoli correlati
Elezioni amministrative, tempo di bilanci: ecco chi ce l’ha fatta tra i professionisti della sanità
In Calabria quattro i camici bianchi ad entrare in Consiglio regionale. A Milano passano la presidente di Federfarma Racca e il medico Marco Fumagalli. Niente da fare per l’ex presidente dell’OMCeO Bologna Giancarlo Pizza. A Latina confermato sindaco il cardiologo Coletta
di Francesco Torre
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid
Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»
di Federica Bosco
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Sanità, Filippi (Fp Cgil Medici): «Cambiare organizzazione lavoro del Servizio socio sanitario»
Per il segretario nazionale «la prospettiva organizzativa che dobbiamo intercettare è che nella riorganizzazione del lavoro tutti i professionisti abbiano un solo datore di lavoro e possibilmente lo stesso tipo di rapporto contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?