Salute 12 Febbraio 2018 17:59

Elezioni, Di Manici Proietti (M5S): «Medici penalizzati, Italia in ritardo rispetto all’Europa»

Il cardiochirurgo, che ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo nel Vecchio Continente, è candidato in Umbria alla Camera per il Movimento Cinque Stelle. La sua denuncia: «Medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire»

«Voglio tentare di essere felice nella polis, nella comunità». Con queste parole il professor Gino Di Manici Proietti, candidato per il MoVimento Cinque Stelle per la Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Foligno (Umbria), ha riassunto le motivazioni alla base del suo impegno politico in vista delle elezioni del 4 marzo. Di Manici è un cardiochirurgo molto noto: ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo in Europa presso l’Università di Berlino e l’Ospedale Deutsch Hertzentrum dove ha lavorato. Oggi lavora all’ospedale di Perugia, dove si occupa di cardiochirurgia mininvasiva. Il suo impegno sarà per una sanità che resti prevalentemente “un settore pubblico”. «Medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire», spiega Di Manici Proietti a Sanità Informazione.

Professore, dopo anni nel mondo medico cosa l’ha spinta ad entrare in politica?

«Credo che ci debba essere profonda continuità tra la sfera privata e quella pubblica.  La felicità dell’individuo non può esistere se non condivisa in una comunità anch’essa felice. È l’idiotès (l’idiota) l’archetipo dell’individuo che è incapace di vivere la propria felicità al di fuori del proprio piccolo mondo, egli vede la collettività come un ostacolo alla sua realizzazione e l’idiotès, secondo l’etica classica, è destinato all’infelicità. Io sono un professionista con una famiglia bellissima, sono realizzato pienamente nel mio lavoro, ho uno stipendio decoroso, una pensione quasi assicurata ed una vita sociale piena e direi “fiorita”. Ciononostante non posso nascondermi nel mondo che mi sono costruito perché non riesco ad essere indifferente alle sofferenze e alla deriva qualunquista che la nostra comunità ha ormai imboccato. Voglio tentare di essere felice nella polis, nella comunità. Le forze politiche che hanno governato sinora hanno una visione anomica del “governare”, indifferenti e persino ostili ai bisogni dei cittadini. Ritengo il M5S l’unica forza che rifugge da una visione da “idiotès” della politica, dove l’unica felicità che conta è quella del “politico” di professione».

Il mondo della sanità vive un momento delicato, il 23 febbraio sciopereranno medici e infermieri. Quali sono secondo lei le misure in ambito sanitario che non possono più essere rimandate?

«Se lo sciopero verrà confermato verranno evidenziate in sintesi le seguenti problematiche. Il contratto di lavoro è sostanzialmente fermo da circa otto anni, il lavoro dei medici è sempre più penalizzato con riduzione delle retribuzioni, freno delle carriere, ore lavorate in eccesso e reperibilità erogate senza retribuzione. La media dei medici italiani, dei posti letto, e delle retribuzioni è scandalosa al confronto con le medie europee e avvilente nei confronti di Germania, Francia e Inghilterra».

Nella sua presentazione sul sito del Movimento Cinque Stelle parla di “infiniti obblighi procedurali e burocratici” a cui sono assoggettate le professioni mediche e infermieristiche. Può farci qualche esempio? Come si può intervenire?

«Faccio solo l’esempio più eclatante: medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire. Soli soprattutto quando si devono affrontare procedimenti che poi si risolvono con un nulla di fatto lasciando spesso i professionisti sfibrati, impauriti e indebitati con spese che non verranno in ogni caso rimborsate. I medici devono spendere risorse importanti per assicurazioni sulle responsabilità penali la cui attivazione, quando occorre, risulta farraginosa e spesso insufficiente a coprire gli importi eventualmente dovuti. Il tutto si ripercuote sull’incremento della cosiddetta “medicina difensiva” che incide significativamente sulla spesa sanitaria».

Lei ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo in Europa presso l’Università di Berlino e l’Ospedale Deutsch Hertzentrum dove ha lavorato. Grazie alla tecnologia le frontiere della medicina si spostano sempre in avanti. Quale sarà il prossimo traguardo in ambito cardiologico?

«Le cosiddette frontiere della cardiochirurgia sono molte, mi limito ad accennarne solo alcune utilizzate, quando indicato, anche nel centro di cardiochirurgia di Perugia nel quale lavoro.  In primis lo sviluppo della ricerca sul cuore artificiale totale e sulle assistenze ventricolari per il trattamento dello scompenso cardiaco. Si sono fatti progressi impressionanti in tale ambito e presto si arriverà al loro impianto con numeri sempre più consistenti e con minori complicanze. Poi voglio citare la progressiva miniaturizzazione degli accessi chirurgici per eseguire interventi sulle valvole e sulle coronarie: è la cosiddetta cardiochirurgia mini invasiva del cui sviluppo sono responsabile nel mio centro».

Articoli correlati
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40
Tassi fissi e rate più basse, c'è tempo fino al 9 settembre
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Decreto Aiuti, da Enpam erogati già 16mila bonus 200 euro ai pensionati
Si attende decreto attuativo per erogarlo anche ai liberi professionisti
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale