Salute 12 febbraio 2018

Elezioni, Di Manici Proietti (M5S): «Medici penalizzati, Italia in ritardo rispetto all’Europa»

Il cardiochirurgo, che ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo nel Vecchio Continente, è candidato in Umbria alla Camera per il Movimento Cinque Stelle. La sua denuncia: «Medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire»

«Voglio tentare di essere felice nella polis, nella comunità». Con queste parole il professor Gino Di Manici Proietti, candidato per il MoVimento Cinque Stelle per la Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Foligno (Umbria), ha riassunto le motivazioni alla base del suo impegno politico in vista delle elezioni del 4 marzo. Di Manici è un cardiochirurgo molto noto: ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo in Europa presso l’Università di Berlino e l’Ospedale Deutsch Hertzentrum dove ha lavorato. Oggi lavora all’ospedale di Perugia, dove si occupa di cardiochirurgia mininvasiva. Il suo impegno sarà per una sanità che resti prevalentemente “un settore pubblico”. «Medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire», spiega Di Manici Proietti a Sanità Informazione.

Professore, dopo anni nel mondo medico cosa l’ha spinta ad entrare in politica?

«Credo che ci debba essere profonda continuità tra la sfera privata e quella pubblica.  La felicità dell’individuo non può esistere se non condivisa in una comunità anch’essa felice. È l’idiotès (l’idiota) l’archetipo dell’individuo che è incapace di vivere la propria felicità al di fuori del proprio piccolo mondo, egli vede la collettività come un ostacolo alla sua realizzazione e l’idiotès, secondo l’etica classica, è destinato all’infelicità. Io sono un professionista con una famiglia bellissima, sono realizzato pienamente nel mio lavoro, ho uno stipendio decoroso, una pensione quasi assicurata ed una vita sociale piena e direi “fiorita”. Ciononostante non posso nascondermi nel mondo che mi sono costruito perché non riesco ad essere indifferente alle sofferenze e alla deriva qualunquista che la nostra comunità ha ormai imboccato. Voglio tentare di essere felice nella polis, nella comunità. Le forze politiche che hanno governato sinora hanno una visione anomica del “governare”, indifferenti e persino ostili ai bisogni dei cittadini. Ritengo il M5S l’unica forza che rifugge da una visione da “idiotès” della politica, dove l’unica felicità che conta è quella del “politico” di professione».

Il mondo della sanità vive un momento delicato, il 23 febbraio sciopereranno medici e infermieri. Quali sono secondo lei le misure in ambito sanitario che non possono più essere rimandate?

«Se lo sciopero verrà confermato verranno evidenziate in sintesi le seguenti problematiche. Il contratto di lavoro è sostanzialmente fermo da circa otto anni, il lavoro dei medici è sempre più penalizzato con riduzione delle retribuzioni, freno delle carriere, ore lavorate in eccesso e reperibilità erogate senza retribuzione. La media dei medici italiani, dei posti letto, e delle retribuzioni è scandalosa al confronto con le medie europee e avvilente nei confronti di Germania, Francia e Inghilterra».

Nella sua presentazione sul sito del Movimento Cinque Stelle parla di “infiniti obblighi procedurali e burocratici” a cui sono assoggettate le professioni mediche e infermieristiche. Può farci qualche esempio? Come si può intervenire?

«Faccio solo l’esempio più eclatante: medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire. Soli soprattutto quando si devono affrontare procedimenti che poi si risolvono con un nulla di fatto lasciando spesso i professionisti sfibrati, impauriti e indebitati con spese che non verranno in ogni caso rimborsate. I medici devono spendere risorse importanti per assicurazioni sulle responsabilità penali la cui attivazione, quando occorre, risulta farraginosa e spesso insufficiente a coprire gli importi eventualmente dovuti. Il tutto si ripercuote sull’incremento della cosiddetta “medicina difensiva” che incide significativamente sulla spesa sanitaria».

Lei ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo in Europa presso l’Università di Berlino e l’Ospedale Deutsch Hertzentrum dove ha lavorato. Grazie alla tecnologia le frontiere della medicina si spostano sempre in avanti. Quale sarà il prossimo traguardo in ambito cardiologico?

«Le cosiddette frontiere della cardiochirurgia sono molte, mi limito ad accennarne solo alcune utilizzate, quando indicato, anche nel centro di cardiochirurgia di Perugia nel quale lavoro.  In primis lo sviluppo della ricerca sul cuore artificiale totale e sulle assistenze ventricolari per il trattamento dello scompenso cardiaco. Si sono fatti progressi impressionanti in tale ambito e presto si arriverà al loro impianto con numeri sempre più consistenti e con minori complicanze. Poi voglio citare la progressiva miniaturizzazione degli accessi chirurgici per eseguire interventi sulle valvole e sulle coronarie: è la cosiddetta cardiochirurgia mini invasiva del cui sviluppo sono responsabile nel mio centro».

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
La nazionale italiana di medici sciatori è campione d’Europa | GUARDA IL VIDEO
A Moena, le gare di Super-G, Slalom Speciale e Slalom Gigante. Prossima tappa, i mondiali, previsti a Vipiteno per fine marzo. Luigi Bertinato, presidente della Squadra italiana medici sciatori: «Grandi professionisti nell'arte medica ma anche grandi atleti, che oltre a curare gli altri curano anche se stessi»
Intramoenia, medici che la esercitano in calo dal 48% al 43,3%. Record nelle Marche, Bolzano in coda
Secondo la Relazione annuale sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria tocca i valori minimi in Sardegna, Sicilia, Calabria, Umbria. 17 le Regioni che hanno provveduto ad emanare/aggiornare le linee guida regionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...