Salute 19 Febbraio 2018

Elezioni, Lena (Pd): «Telemedicina e riorganizzazione rete territoriale, queste le sfide della sanità nel Lazio»

«La condivisione è fondamentale», spiega il presidente della Commissione Politiche sociali e Salute della Pisana a Sanità Informazione. «Prendersi cura delle persone vuol dire saperli ascoltare, scegliere insieme quelle che sono le buone pratiche da adottare per risolvere le problematiche»

È stato a lungo sindaco di Palestrina, in provincia di Roma, dal 2004 al 2013. Poi il suo impegno politico è proseguito in Regione Lazio, nell’ultima legislatura è diventato presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute. Rodolfo Lena, Partito Democratico, è il punto di riferimento alla Pisana sui temi della Salute e della Sanità. Un ruolo, quello di presidente, svolto con grande determinazione e assiduità, rivendicando la presenza «al 100% delle commissioni e al 90% dei Consigli regionali», incontrando decine di associazioni e tanti addetti ai lavori. Come ha fatto recentemente partecipando alla tavola rotonda organizzata a Roma da Arbor Vitae sui fibromiomi uterini e annunciando un progetto pilota che prevede la presa in carico del paziente nell’individuazione del percorso diagnostico e clinico più efficace. Ora Lena tenta la rielezione alla Pisana sempre nelle fila dei dem.

Presidente Lena, quali saranno i primi provvedimenti in materia di sanità che prenderete in caso di vittoria?

«La sanità sta facendo dei passi da gigante in avanti rispetto ad una normalizzazione che in questa regione negli ultimi 10 anni non c’è mai stata. Vogliamo incominciare a lavorare su una vera riorganizzazione del territorio, della presa in carico dei pazienti su percorsi diagnostici: farsi carico delle persone, aumentare ancora di più gli screening che già negli ultimi anni sono aumentati rispetto alla media degli anni scorsi. È una sanità che dev’essere vicina alle persone, vicina al territorio, una riorganizzazione della rete territoriale, della rete ospedaliera, una vera integrazione socio sanitaria per migliorare la qualità delle cure dei nostri cittadini. Poi è chiaro che nello specifico si parlerà di telemedicina, di medicina personalizzata, di tanti altri temi che anche questa regione può finalmente iniziare ad affrontare serenamente avendo ripianato l’enorme debito della sanità».

In questi anni da presidente della Commissione Sanità della Regione Lazio ha incontrato decine di associazioni. Cosa le hanno chiesto gli addetti ai lavori?

«La prima cosa è l’ascolto, successivamente una condivisione di percorsi. Prendersi cura delle persone vuol dire anche saperli ascoltare, scegliere insieme quelle che sono le buone pratiche da adottare per risolvere le problematiche. Sopra ogni cosa però la condivisione. Si parla di salute, si parla di bisogno, si parla di sociale. Penso veramente che la condivisione sia la base di un nuovo percorso che questa regione può e deve dimostrare di poter mettere in campo. Lo stiamo già facendo, l’abbiamo fatto in questi cinque anni, vogliamo continuare in questo ascolto e in questa condivisione delle scelte che farà la regione sulle politiche sociali e sulla sanità».

 

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone