Salute 11 Settembre 2019

Educazione alla salute e sviluppo sostenibile, alla Federico II di Napoli la prima cattedra Unesco in Europa sul tema

Coordinata dall’Endocrinologa Annamaria Colao, la cattedra si avvale di partnership di prestigio e si propone come eccellenza nella ricerca medica sulla scena internazionale

Promuovere un’educazione alla salute della popolazione agendo su fattori culturali, nutrizionali ed ambientali, attraverso la prevenzione e lo sviluppo sostenibile. Sono questi gli obiettivi a largo raggio della Cattedra UNESCO istituita presso l’Università Federico II di Napoli, denominata appunto “Educazione alla salute e allo sviluppo sostenibile”. Prima in Europa su questo tema, coordinata dalla professoressa Annamaria Colao, ordinario di Endocrinologia e direttore della UOC di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliera Federico II, la Cattedra è stata presentata oggi nella splendida cornice del Centro Congressi federiciano sul lungomare partenopeo dal rettore Gaetano Manfredi alla presenza del mondo accademico e istituzionale napoletano.

LEGGI ANCHE: “HEALTH ECONOMICS”, SBARCA A ROMA IL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE PER FORMARE PROFESSIONISTI IN ECONOMIA SANITARIA

Un vero e proprio fiore all’occhiello per il principale ateneo del Sud Italia: «È un riconoscimento molto importante, l’Ateneo è già per sua tradizione un’istituzione importante a livello internazionale, e questa collaborazione con l’UNESCO è un ulteriore tassello di un percorso che oggi posiziona la Federico II tra le grandi università internazionali – commenta il rettore Manfredi – Questo progetto nasce da un’idea portata avanti dalla professoressa Annamaria Colao. Tante le competenze messe in campo su questi temi, l’UNESCO ha accettato la nostra proposta grazie alla forza delle idee e della grande levatura scientifica delle personalità coinvolte». Il progetto si avvale di uno staff composto da scienziati e ricercatori in ambito medico, ingegneristico e agroalimentare, oltre a prestigiose partnership nazionali e internazionali peer raggiungere i suoi obiettivi specifici. Tra questi, l’attivazione di un curricolo universitario focalizzato sui determinanti culturali e ambientali della salute, oltre che sulla adozione di abitudini alimentari e stili di vita sani (esportandolo al contempo anche nelle scuole), e la promozione di studi epidemiologici in regioni italiane ed europee che soffrono di elevati tassi di obesità ed elevata pressione ambientale (a causa di emergenze ambientali locali) per valutare il ruolo dei fattori culturali e ambientali nello sviluppo di determinate malattie.

«Siamo molto orgogliosi che il tema da noi proposto sia stato considerato meritevole dall’UNESCO. Il tutto è andato al di là delle nostre più rosee aspettative. – racconta la professoressa Colao, titolare della Cattedra – È un tema che abbraccia la salute umana in toto, e avremo la possibilità di entrare a far parte del network delle 763 cattedre mondiali UNESCO. Questo ci permetterà di lavorare su tutti i temi della medicina e di esplorare il modo in cui la medicina entra in gioco su temi quali i diritti civili, le disuguaglianze, la salvaguardia dei diritti delle donne e dei bambini. Abbiamo deciso di portare questo progetto anche nelle scuole perchè l’educazione è un tema fondamentale per l’UNESCO, e l’educazione alla salute passa anche e soprattutto dall’infanzia e dall’adolescenza».

Tra gli interventi concreti sul territorio sono infatti previste iniziative nelle scuole primarie e secondarie per l’educazione ambientale e la prevenzione dell’obesità infantile e giovanile, incentrate sulla promozione della Dieta mediterranea che è, appunto, Patrimonio dell’UNESCO, e iniziative itineranti sul territorio con la formula dei “Campus della Salute”: la presenza di specialisti e strumenti diagnostici presenti nelle piazze delle principali città campane in giornate dedicate, per la prevenzione sul campo di patologie metaboliche correlate all’ambiente.

 

Articoli correlati
Rettori italiani in prima linea per la salvaguardia di salute e l’ambiente. Presentato il Manifesto SIMA “U4ALL”
Una call for action rivolta al mondo accademico perché sia inserito il tema dei determinanti ambientali e sociali della salute nei corsi di laurea e post-laurea, al fine di promuovere l’Accordo di Parigi e le raccomandazioni delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Il Manifesto è stato recentemente pubblicato sulla rivista “The Lancet”
Tumore al polmone, Federico II polo d’eccellenza. Nasce la web serie che aiuta pazienti e famiglie
Viaggi della speranza, uomini e donne che danno vita ad una migrazione sanitaria silenziosa. Solo pochi immaginerebbero che la destinazione finale di questi viaggi non è verso le regioni a Nord del Paese, bensì la Campania. Succede per una malattia in costante aumento quale il tumore del polmone: il 65% dell’attività svolta alla Federico II […]
Dieta mediterranea personalizzata nei bimbi per combattere obesità e diabete: al via lo studio Italia-Israele
Tra gli obiettivi dello studio Caprii (Children Alimentary Research Italy Israel), la creazione di algoritmi capaci di predire la risposta personale ad alimenti specifici, persino prima che vengano consumati
Napoli, nuova sede per l’associazione “Salute Donna Onlus”
Il 20 marzo alle 10.30, nell’Aula Seminari dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli (Edificio 1, primo piano) si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della nuova sede cittadina dell’associazione “Salute Donna Onlus” sodalizio impegnato nella prevenzione dei tumori e nell’assistenza dei pazienti oncologici. Interverranno alla conferenza stampa, tra gli altri: Vincenzo Viggiani (Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria […]
Obbligo vaccini: sì o no. Il dibattito prosegue anche dopo la campagna elettorale e investe il mondo scientifico 
Giulio Tarro, ex professore di virologia oncologica dell'Università di Napoli: «La necessità dell’obbligo deriva dall’ignoranza scientifica degli italiani, per i quali la persuasione non funziona». Livio Giuliani, ex Dirigente di ricerca SSN: «Il principio di precauzione va tutelato. Il 95% è la soglia di copertura per garantire l’immunità di gregge per il morbillo, per gli altri va calcolato in base all’infettività»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano