Salute 12 maggio 2015

Ebola è tornato in Italia. L’infermiere contagiato ricoverato allo Spallanzani

Si tratta del secondo caso registrato nel nostro Paese

Immagine articolo

Ebola di nuovo in Italia. Il secondo caso registrato nel nostro Paese riguarda un infermiere proveniente dalla Sierra Leone ricoverato inizialmente a Sassari e poi trasferito all’Istituto Nazionale per le malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, che nelle ore precedenti aveva effettuato le analisi del sangue e comunicato l’esito positivo.

L’infermiere sardo era appena tornato dall’Africa, dove aveva collaborato con un’associazione di beneficenza. Al termine del viaggio, si era sentito male ed era stato ricoverato con sintomi compatibili con quelli dell’Ebola. Nei prossimi giorni l’Istituto “Spallanzani” darà il responso definitivo delle analisi del sangue effettuate sul paziente per capire se si tratta effettivamente del virus che da oltre un anno sta falcidiando l’Africa occidentale.

Nel frattempo però proprio lo studio del virus potrebbe diventare un’arma in più nelle mani degli operatori sanitari di tutto il mondo per prevenire e curare future epidemie analoghe. In che modo? Studiando l’evoluzione del virus dallo scoppio dell’ultima epidemia ad oggi attraverso campioni di sangue infetto prelevato in tempi e zone diverse. Lo rivela il “New York Times”, in un reportage che racconta di come gli scienziati impegnati nella ricerca di una cura definitiva al morbo che sta falcidiando l’Africa Occidentale ne stiano “mappando” lo sviluppo e i movimenti.

L’obiettivo è duplice: da un lato, questo lavoro serve per avere una precisa idea della portata delle mutazioni intervenute nelle sequenze geniche del virus in modo da prevederne i nuovi possibili sviluppi per trovare una cura; dall’altro, le informazioni raccolte nel corso dello studio circa elementi come modalità di trasmissione, fattori che agevolano il contagio e la velocità di risposta delle strutture sanitarie all’emergenza, potrebbero essere utilizzate per aumentare le capacità di prevenzione, diagnosi e trattamento.

Un quadro completo della situazione, al momento, non c’è ancora. Fatto sta che sono state fatte scoperte molto interessanti. Sempre il “New York Times” rivela, ad esempio, che mutazioni del virus rilevate la scorsa primavera in Sierra Leone sono state trovate successivamente in Mali e in Liberia.

Fondamentali sono, però, non solo le analisi scientifiche effettuate, ma anche le informazioni raccolte “porta a porta” dalle persone che sono direttamente o indirettamente venute a contatto con la malattia. Incrociando i dati raccolti in laboratorio con i loro racconti è possibile infatti ricostruire con maggior precisione il passaggio e l’evoluzione del virus, in modo da tentare di prevedere i prossimi “movimenti” della malattia ed attrezzarsi per contrastare epidemie simili.

Su questo tema è di recente intervenuta anche Chelsea Clinton, figlia dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill e della candidata democratica alle prossime presidenziali Hillary. In un articolo sul “The Guardian” ha infatti messo in guardia il mondo sul rischio di sottovalutare, come è stato già fatto con Sars, influenza aviaria, influenza suina e Mers, il virus Ebola: “La nostra miopia – scrive – è stata un fattore determinante nell’impedirci di elaborare una risposta ad Ebola rapida ed efficace”. Secondo Chelsea Clinton le misure da adottare nell’immediato per arginare l’epidemia sono tre: “Bisogna elaborare una migliore definizione della sicurezza sanitaria; dobbiamo ascoltare ciò che chiedono i governi in tema di assistenza; investire su donne e ragazze con una strategia a lungo termine”.

Nel frattempo, per tutti gli italiani che vogliono spostarsi in maniera sicura – ed essere informati su quali zone del mondo sono a rischio Ebola e quali no – è a disposizione il sito “Viaggiare Sicuri”. Si tratta di un portale gestito da Farnesina e Unità di Crisi che viene costantemente aggiornato con le notizie più recenti e precise disponibili sul tema Ebola – ma anche su tutte le altre possibili emergenze – raccolte direttamente dalle zone interessate.

Nel sito è infatti presente una mappa interattiva dell’intero globo che permette la consultazione, in tempo reale, dei vari alert elaborati dal ministero degli Esteri e relativi alle varie situazioni di pericolo che è possibile trovare in giro per il mondo. Insomma, se una zona non è sicura, “Viaggiare Sicuri” lo comunica in tempi rapidissimi.

Il sito ha al suo interno anche una corposa sezione relativa a tutte le informazioni e le procedure da conoscere per non farsi trovare impreparati in nessuna occasione.  Che si tratti dei documenti necessari per viaggiare, dell’assicurazione sanitaria, dei centri di vaccinazione o delle malattie infettive che è possibile contrarre e le relative modalità di trasmissione, “Viaggiare Sicuri” mette a disposizione dell’utente tutto quel di cui ha bisogno per muoversi in maniera informata e, dunque, consapevole.

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...