Formazione 9 Ottobre 2015

Quando il cinema mette in scena la medicina…

La corsia diventa un set cinematografico con il film formazione ‘e-bola’ di indiscussa utilità sociale. I protagonisti sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Haber: «Una storia avvincente e istruttiva». Moccia: «Un progetto unico». Poggi: «La nostra dedica ai medici coinvolti»

Immagine articolo

C’è l’amore, c’è la speranza, c’è la morte, c’è la ricerca». Così Daniela Poggi parla di “e-bola”, film di cui è protagonista, dopo la prima cinematografica del 19 ottobre scorso alla Festa del Cinema di Roma.

La pellicola, prodotta dalla Falcon Production per Consulcesi e diretta dal regista Christian Marazziti, con la consulenza scientifica di medici e di strutture che hanno realmente fronteggiato il virus (come l’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, l’Università “Sapienza” di Roma e il dottor Fabrizio Pulvirenti, medico di Emergency e “paziente zero” in Italia di Ebola), è il primo film formativo all’interno del progetto FAD di Consulcesi Club per il personale sanitario. Lo scopo? «Voler divulgare esattamente come il virus viene trasmesso da un individuo ad un altro e quindi qual è la procedura da seguire per gli stessi medici e per i volontari, qualora dovessero venire contagiati» conclude l’attrice.

Proprio in questi giorni, è stata pubblicata sulla rivista “BMC Infectious Diseases”, la lotta all’Ebola del team dell’Inmi Spallanzani di Roma, durante i 39 giorni di ricovero del dottor Pulvirenti,  analizzandone le tappe e i risultati ottenuti, sottolineando l’impegno di ogni singola persona o istituzione che ha avuto un ruolo determinante per l’esito positivo del caso «in una grandissima catena di collaborazione scientifica e solidarietà umana», sottolinea lo Spallanzani.

Un “film formazione”, quindi, decisamente attuale e di indiscussa utilità sociale, su sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Non si può fare a meno di pensare al caso dell’infermiera scozzese Pauline Cafferkey, che ha contratto il virus l’anno scorso proprio in Sierra Leone. Dichiarata completamente guarita circa 10 mesi fa, ha recentemente avuto una ricaduta ed è attualmente ricoverata in condizioni “serie ma stabili”. A tal proposito Gerry Shanahan, altro protagonista del film, spiega: «L’ebola è un virus che non è ancora stato debellato, non se n’è andato. E’ molto importante che non venga sottovalutato e che la lezione non venga dimenticata».

Sala gremita durante la proiezione-evento del film al cinema Barberini di Roma. Tantissimi i nomi degli ospiti presenti in sala per esprimere la propria impressione su questo esperimento riuscito che mescola drammaturgia con elementi scientifici reali. Tra questi, la regista Cinzia TH Torrini, lo scrittore Federico Moccia, incuriosito da una tematica tanto originale quanto complessa, l’attore e regista Alessandro Haber, che post-visione commenta così: «È molto interessante, la storia è avvincente. Un film che va visto, portato anche nelle scuole, dovunque insomma». E ancora l’attrice Eleonora Sergio: «Sicuramente un film molto toccante, molto bello, emozionante. E’ necessario informarsi il più possibile, per non farsi prendere dal panico nel trovarsi a fronteggiare un virus di questa portata».

Articoli correlati
I ricercatori dell’Istituto Spallanzani isolano il virus SARS-CoV-2 nelle lacrime di una paziente
«Questa ricerca dimostra che gli occhi non sono soltanto una delle porte di ingresso del virus nell’organismo, ma anche una potenziale fonte di contagio», ha commentato Concetta Castilletti, responsabile dell’Unità Operativa Virus Emergenti del Laboratorio di Virologia dello Spallanzani
Emergenza Covid-19 negli USA, Anthony Fauci rischia il licenziamento. L’appello di Ippolito (Spallanzani): «Sarebbe un disastro»
Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, scrive alle istituzioni. Secondo la stampa, Fauci rischia di essere estromesso dal Presidente Trump dalla task force incaricata di gestire l’emergenza Covid-19 negli USA
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Sars-CoV-2, la risposta può arrivare dagli anticorpi monoclonali. Sala (Vamres Lab): «Potenti prodotti terapeutici contro emergenze cliniche»
Dalla collaborazione tra Fondazione Toscana Life Sciences e Spallanzani è nato il progetto di ricerca per lo sviluppo di anticorpi monoclonali umani in risposta all’infezione da SARS-CoV-2. Tanti i possibili utilizzi, a partire dallo scopo profilattico/terapeutico fino alla ricerca di antigeni per lo sviluppo di vaccini
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...