Salute 9 Ottobre 2015

Quando il cinema mette in scena la medicina…

La corsia diventa un set cinematografico con il film formazione ‘e-bola’ di indiscussa utilità sociale. I protagonisti sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Haber: «Una storia avvincente e istruttiva». Moccia: «Un progetto unico». Poggi: «La nostra dedica ai medici coinvolti»

Immagine articolo

C’è l’amore, c’è la speranza, c’è la morte, c’è la ricerca». Così Daniela Poggi parla di “e-bola”, film di cui è protagonista, dopo la prima cinematografica del 19 ottobre scorso alla Festa del Cinema di Roma.

La pellicola, prodotta dalla Falcon Production per Consulcesi e diretta dal regista Christian Marazziti, con la consulenza scientifica di medici e di strutture che hanno realmente fronteggiato il virus (come l’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, l’Università “Sapienza” di Roma e il dottor Fabrizio Pulvirenti, medico di Emergency e “paziente zero” in Italia di Ebola), è il primo film formativo all’interno del progetto FAD di Consulcesi Club per il personale sanitario. Lo scopo? «Voler divulgare esattamente come il virus viene trasmesso da un individuo ad un altro e quindi qual è la procedura da seguire per gli stessi medici e per i volontari, qualora dovessero venire contagiati» conclude l’attrice.

Proprio in questi giorni, è stata pubblicata sulla rivista “BMC Infectious Diseases”, la lotta all’Ebola del team dell’Inmi Spallanzani di Roma, durante i 39 giorni di ricovero del dottor Pulvirenti,  analizzandone le tappe e i risultati ottenuti, sottolineando l’impegno di ogni singola persona o istituzione che ha avuto un ruolo determinante per l’esito positivo del caso «in una grandissima catena di collaborazione scientifica e solidarietà umana», sottolinea lo Spallanzani.

Un “film formazione”, quindi, decisamente attuale e di indiscussa utilità sociale, su sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Non si può fare a meno di pensare al caso dell’infermiera scozzese Pauline Cafferkey, che ha contratto il virus l’anno scorso proprio in Sierra Leone. Dichiarata completamente guarita circa 10 mesi fa, ha recentemente avuto una ricaduta ed è attualmente ricoverata in condizioni “serie ma stabili”. A tal proposito Gerry Shanahan, altro protagonista del film, spiega: «L’ebola è un virus che non è ancora stato debellato, non se n’è andato. E’ molto importante che non venga sottovalutato e che la lezione non venga dimenticata».

Sala gremita durante la proiezione-evento del film al cinema Barberini di Roma. Tantissimi i nomi degli ospiti presenti in sala per esprimere la propria impressione su questo esperimento riuscito che mescola drammaturgia con elementi scientifici reali. Tra questi, la regista Cinzia TH Torrini, lo scrittore Federico Moccia, incuriosito da una tematica tanto originale quanto complessa, l’attore e regista Alessandro Haber, che post-visione commenta così: «È molto interessante, la storia è avvincente. Un film che va visto, portato anche nelle scuole, dovunque insomma». E ancora l’attrice Eleonora Sergio: «Sicuramente un film molto toccante, molto bello, emozionante. E’ necessario informarsi il più possibile, per non farsi prendere dal panico nel trovarsi a fronteggiare un virus di questa portata».

Articoli correlati
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»
L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»
di Isabella Faggiano
La blockchain a Striscia La Notizia, Marco Camisani Calzolari spiega agli italiani la tecnologia del futuro (anche per la salute…)
VIDEO | Dalla formazione medica alla patient satisfaction, l’esperto digitale di Canale 5 illustra i nuovi campi di applicazione della ormai celebre tecnologia della “catena a blocchi”. A Tirana l'evento Consulcesi con Marco Camisani Calzolari proprio su blockchain e formazione medica. E il 5 giugno a Milano appuntamento su blockchain e sanità all’Ordine dei Medici
L’Italia esporta salute, formazione ai medici albanesi
A Tirana Consulcesi lancia la FAD a prova di "furbetti". Presente il Premier Edi Rama: "Con questa piattaforma assicurata la trasparenza"
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...