Formazione 9 Ottobre 2015 09:44

Quando il cinema mette in scena la medicina…

La corsia diventa un set cinematografico con il film formazione ‘e-bola’ di indiscussa utilità sociale. I protagonisti sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Haber: «Una storia avvincente e istruttiva». Moccia: «Un progetto unico». Poggi: «La nostra dedica ai medici coinvolti»

Quando il cinema mette in scena la medicina…

C’è l’amore, c’è la speranza, c’è la morte, c’è la ricerca». Così Daniela Poggi parla di “e-bola”, film di cui è protagonista, dopo la prima cinematografica del 19 ottobre scorso alla Festa del Cinema di Roma.

La pellicola, prodotta dalla Falcon Production per Consulcesi e diretta dal regista Christian Marazziti, con la consulenza scientifica di medici e di strutture che hanno realmente fronteggiato il virus (come l’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, l’Università “Sapienza” di Roma e il dottor Fabrizio Pulvirenti, medico di Emergency e “paziente zero” in Italia di Ebola), è il primo film formativo all’interno del progetto FAD di Consulcesi Club per il personale sanitario. Lo scopo? «Voler divulgare esattamente come il virus viene trasmesso da un individuo ad un altro e quindi qual è la procedura da seguire per gli stessi medici e per i volontari, qualora dovessero venire contagiati» conclude l’attrice.

Proprio in questi giorni, è stata pubblicata sulla rivista “BMC Infectious Diseases”, la lotta all’Ebola del team dell’Inmi Spallanzani di Roma, durante i 39 giorni di ricovero del dottor Pulvirenti,  analizzandone le tappe e i risultati ottenuti, sottolineando l’impegno di ogni singola persona o istituzione che ha avuto un ruolo determinante per l’esito positivo del caso «in una grandissima catena di collaborazione scientifica e solidarietà umana», sottolinea lo Spallanzani.

Un “film formazione”, quindi, decisamente attuale e di indiscussa utilità sociale, su sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Non si può fare a meno di pensare al caso dell’infermiera scozzese Pauline Cafferkey, che ha contratto il virus l’anno scorso proprio in Sierra Leone. Dichiarata completamente guarita circa 10 mesi fa, ha recentemente avuto una ricaduta ed è attualmente ricoverata in condizioni “serie ma stabili”. A tal proposito Gerry Shanahan, altro protagonista del film, spiega: «L’ebola è un virus che non è ancora stato debellato, non se n’è andato. E’ molto importante che non venga sottovalutato e che la lezione non venga dimenticata».

Sala gremita durante la proiezione-evento del film al cinema Barberini di Roma. Tantissimi i nomi degli ospiti presenti in sala per esprimere la propria impressione su questo esperimento riuscito che mescola drammaturgia con elementi scientifici reali. Tra questi, la regista Cinzia TH Torrini, lo scrittore Federico Moccia, incuriosito da una tematica tanto originale quanto complessa, l’attore e regista Alessandro Haber, che post-visione commenta così: «È molto interessante, la storia è avvincente. Un film che va visto, portato anche nelle scuole, dovunque insomma». E ancora l’attrice Eleonora Sergio: «Sicuramente un film molto toccante, molto bello, emozionante. E’ necessario informarsi il più possibile, per non farsi prendere dal panico nel trovarsi a fronteggiare un virus di questa portata».

Articoli correlati
Cresce la Fad, Liberatore (Iqvia): «Il 60% dei sanitari continuerà ad aggiornarsi online anche dopo la pandemia»
Il Direttore Generale Iqvia: «I vaccini sono la pietra miliare della scienza. La ricerca va avanti e il medico deve essere informato ed educato a gestire un armamentario terapeutico incredibile»
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid-19, tutto sul vaccino made in Italy ReiThera – Spallanzani
Il vaccino Spallanzani-Reithera Grad-Cov-2 raccoglie i frutti della sperimentazione. La Fase 2 partirà a breve e vedrà arruolati 900 volontari: si punta ad averlo già a settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco