Salute 10 marzo 2015

Ebola, il paziente zero Pulvirenti al Senato: “Formazione cardine della buona sanità”

La presidente della XII Commissione, De Biasi: “Felici per Fabrizio e per il nostro Ssn che, a volte, fa veri miracoli”

Immagine articolo

L’emergenza Ebola si è sin da subito imposta all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni, nazionali ed internazionali.

Poi, l’esperienza italiana: il contagio, la malattia e la guarigione del medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti sono stati la cartina al tornasole di un’Italia che, nella gestione dell’emergenza, ha dimostrato vette di eccellenza esemplari. Un modello formativo da esportare che, ancora una volta, non ha lasciato indifferenti le istituzioni. Un’attenzione culminata nell’incontro, avvenuto la scorsa settimana, tra Pulvirenti e la Commissione Igiene e Sanità del Senato. “E’ stato un privilegio poter esprimere il mio punto di vista alla 12° Commissione del Senato – afferma Pulvirenti –  Ho vissuto questa malattia in prima persona, da operatore e da paziente. Credo di aver maturato un’esperienza e una visione quasi unica nei riguardi della malattia, di cui ho esposto ai colleghi alcuni aspetti procedurali e epidemiologici”.

Un confronto che trova il plauso della presidente della Commissione Emilia Grazia De Biasi: “Il nostro auspicio è riuscire sempre più a sostenere il lavoro di Emergency e degli operatori sanitari, non solo nei momenti di massima allerta. Al tempo stesso, vorremmo che la sostenibilità del nostro Servizio sanitario nazionale si estendesse a questi casi, non limitandosi a quelli di ordinaria amministrazione. Colgo l’occasione – continua De Biasi – per dire che, innanzitutto, siamo felicissimi per la guarigione del dottor Pulvirenti;  ma anche per sottolineare con orgoglio che a guarirlo sia stata una struttura pubblica italiana, l’Istituto Spallanzani. Con tutto il male che si dice della nostra sanità, riflettiamo sul fatto che a volte siamo in grado di fare miracoli.

E perché non si parli più di “miracoli” ma di buona prassi consolidata, l’informazione e la formazione rivestono un ruolo essenziale. Ne sa qualcosa il dottor Pulvirenti: “Questi elementi rappresentano il cardine di ogni buon intervento di sanità pubblica. Sono rimasto colpito, ad esempio, dalla campagna di informazione su Ebola promossa in Sierra Leone, con gigantografie che mostravano le misure di prevenzione per evitare il contagio”.

Al medico di Emergency fa eco la presidente De Biasi: “Abbiamo avuto la prova, ove mai fosse necessaria, che Ebola non arriva con i barconi dei migranti, ma è confinata in West Africa ed è lì che dobbiamo concentrare i nostri sforzi. I finanziamenti sono essenziali, certo, ma serve una marcia in più: la formazione degli operatori e rapporti con i governi locali, per sostenere una svolta che sia anche culturale, e che aiuti a superare quegli elementi di superstizione ancora radicati in quei luoghi, che mettono in pericolo il diritto alla salute di questi popoli. Un diritto che, per essere garantito, non può sottostare al relativismo etico, né conoscere distinzioni di ceto e collocazione geografica”.

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...