Salute 12 ottobre 2017

Dynamo Rock Challenge: via al talent musicale per sostenere associazione che accoglie bambini malati gravi o cronici

Il 23 ottobre protagonista della prima serata la JC Band, il gruppo rock composto da dipendenti Janssen Italia, farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi

Immagine articolo

JC Band prenderà parte il prossimo 23 ottobre presso il Blue Note in via Pietro Borsieri 37 a Milano, alla serata di apertura della “Dynamo Rock Challenge”, la competizione musicale e di raccolta fondi promossa da Dynamo Camp per quatto lunedì consecutivi. Un’iniziativa benefica per sostenere l’Associazione che aiuta tanti bambini e le loro famiglie che affrontano quotidianamente la grande sfida di combattere contro malattie gravi e croniche.

Tra i partecipanti della prima serata, che si sfideranno non solo nella competizione musicale, ma soprattutto in quella solidale di raccolta fondi, la JC Band, il gruppo rock interamente composto da dipendenti Janssen Italia, farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi, voce e chitarra, Presidente e Amministratore Delegato dell’azienda e Presidente di Farmindustria. Insieme a lui, si esibiranno i musicisti-colleghi: Maurizio Lucchini al basso; Orazio Zappalà e Francesco Mondino alle chitarre elettriche, Antonello Caravano alle tastiere e Antonio Campo alla batteria.

«È bello tornare ancora una volta a suonare per beneficienza nel capoluogo lombardo, città che ci accoglie sempre con grande affetto e passione – afferma Massimo Scaccabarozzi -. Questa volta a stimolarci c’è un aspetto in più: una bella competizione tra Rock Band che ha come scopo principale, oltre alla buona riuscita della performance, la possibilità di raccogliere più fondi possibili per sostenere le preziose iniziative messe in campo da Dynamo Camp in favore dei bambini meno fortunati, affetti da patologie gravi e croniche. Un aspetto che ci regala tutta la carica necessaria per vincere questa gara di solidarietà e continuare a sostenere, come già fatto con iniziative simili in passato, un’associazione fatta da giovani e straordinari volontari».

Dynamo Camp è il primo camp di terapia ricreativa in Italia che accoglie gratuitamente per periodi di vacanza e svago bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni, affetti da patologie gravi e croniche, principalmente oncoematologiche, neurologiche e diabete. I bambini provenienti da tutta Italia e in parte da paesi esteri, sono accolti in modo gratuito. Dynamo Camp è situato a Limestre (Pistoia), in un’oasi di oltre 900 ettari affiliata al WWF. L’Associazione Dynamo Camp Onlus, inoltre, propone programmi di terapia ricreativa a bambini gravemente malati anche fuori dal Camp, in numerose città di tutta la penisola, con il progetto Outreach, in ospedali, case famiglia e a bordo del truck Dynamo Off Camp. Dal 2007 ad oggi, sono oltre 30.0000 bambini e genitori che hanno goduto dei programmi di Terapia Ricreativa di Dynamo Camp.

La forza di Dynamo Camp è il lavoro di squadra, allo stesso modo il concetto di Band all’interno della Rock Challenge rappresenta il cuore della kermesse, rendendo protagonisti i gruppi musicali partecipanti. Sono previste 4 Band per ciascuna delle prime tre serate, per un totale di 12 band. La Giuria valuterà sia l’esibizione musicale sia i fondi raccolti da ogni gruppo.

Per sostenere Dynamo Camp attraverso la JC Band è possibile effettuare una donazione con carta di credito sulla piattaforma MY Dynamo all’indirizzo https://my.dynamocamp.org/campagne/massimo-scaccabarozzi-jcband/ o con bonifico bancario (Associazione Dynamo Camp Onlus, Banca Prossima S.p.A – IBAN IT73E0335901600100000005639 – Causale: rock challenge_JCBand).

Per partecipare alle serate e, nello specifico, a quella di apertura del prossimo 23 ottobre, è necessario sostenere l’evento facendo una donazione “consigliata” di 20 euro. Il sostenitore dovrà, quindi, mandare una richiesta all’indirizzo email: rockchallenge@dynamocamp.org specificando il numero di posti che si intendono riservare.

Articoli correlati
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Caregiver: ONDA e Farmindustria insieme per sostenere ‘l’esercito silenzioso’. Scaccabarozzi: «Molte sono donne, miglioriamo qualità della loro vita»
«Finalmente politica e istituzioni stanno dedicando attenzione a questa figura che ha un ruolo determinante nel welfare salute. Sono fiduciosa che si troveranno convergenze», così Rossana Boldi, vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera
FIMMG, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Restituire ruolo primo piano a MMG, aderenza terapeutica e terapie personalizzate in loro mani»
«Oggi si tende a spostare la cura verso la specialistica, depauperando di fatto il medico di base di un potere fortissimo che è quello della diagnosi clinica», così il presidente di Farmindustria al 75° Congresso nazionale FIMMG
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Italia primo produttore farmaci in Ue, superata la Germania. Scaccabarozzi: «Boom export dimostra qualità sistema Paese»    
I dati dell’assemblea di Farmidustria: dal 1978 ad oggi aspettativa di vita aumentata di 10 anni. Industria farmaceutica è terza tra i settori manifatturieri per investimenti in Ricerca e sviluppo. Più mille occupati rispetto al 2016
Janssen open house, porte aperte ai pazienti
Porte aperte ai pazienti oggi in Janssen Italia – azienda farmaceutica di Johnson & Johnson – grazie all’evento “Janssen Open House”, una giornata di confronto, dialogo e collaborazione con 40 rappresentanti di Associazioni italiane, attive nelle aree terapeutiche chiave per la salute generale: onco-ematologia, neuroscienze, infettivologia, immunologia, malattie del metabolismo e cardio-metaboliche, patologie polmonari. Realtà […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...