Salute 15 Marzo 2019

Donazione Organi, Comitato Nazionale Bioetica: «Sì a contatti tra ricevente e donatore, ma serve mediatore». Bologna (M5S): «Presto Ddl in materia»

In una conferenza alla Camera la presentazione dell’innovativo parere dell’istituzione presieduta da Lorenzo D’Avack: «È importante che chi desidera avere un incontro con la persona a cui sono stati donati gli organi riceva un consenso espresso e chiaro». La deputata Cinque Stelle: «Possiamo essere apripista in Europa»

Immagine articolo

Un parere che potrebbe rivoluzionare il settore dei trapianti. Lo ha formulato il Comitato Nazionale per la Bioetica presieduto dal professore Lorenzo D’Avack, dopo la richiesta inoltrata dal Centro Nazionale Trapianti. La questione è quella dell’obbligo all’anonimato a cui è tenuto il personale sanitario amministrativo in base alla legge 91 del 1999.

Secondo il Comitato bisogna distinguere tra il momento ‘antecedente’ al trapianto da quello ‘successivo’ all’avvenuto trapianto. Ritiene che «il principio dell’anonimato è indispensabile nella fase iniziale della donazione degli organi per conservare i requisiti di equità, garantiti da considerazioni rigorosamente oggettive, basate su criteri clinici e priorità nella lista e per evitare possibili compravendite». Tuttavia, in una fase successiva, trascorso un ragionevole lasso di tempo, «non è contrario ai principi etici che l’anonimato possa essere rimesso nella libera e consapevole disponibilità delle parti interessate, dopo il trapianto, per avere contatti ed incontri». In ogni caso il «futuro ed eventuale rapporto fra donatori e riceventi dovrà comunque essere gestito da una struttura terza nell’ambito del sistema sanitario, attraverso gli strumenti che si riterranno più idonei di modo che sia assicurato il rispetto dei principi cardine dei trapianti (privacy, gratuità, giustizia, solidarietà, beneficenza)».

Il parere è stato esposto in una conferenza stampa alla Camera dei deputati con Lorenzo D’Avack, Mariapia Garavaglia (Vice presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica), Fabiola Bologna, deputato M5S, e Marco Galbiati, autore del libro “Il Tuo Cuore, la mia Stella”. Vale la pena sottolineare la toccante testimonianza dell’imprenditore Galbiati, che nel libro ha raccontato la sua difficile esperienza dopo la scomparsa del figlio Riccardo, morto per un infarto nel gennaio 2017 a soli 15 anni. Da allora lotta per conoscere le persone che hanno ricevuto gli organi del figlio, anche se le norme in vigore lo vietano. Qualcuno, con un messaggio anonimo, ha risposto al suo appello, segnalando il nome di Maurizio, il ragazzo che aveva ricevuto il rene.

«Nel parere abbiamo cercato di evidenziare tutte quelle che sono le ragioni che hanno spinto il legislatore fino ad oggi all’anonimato – sottolinea D’Avack a Sanità Informazione -. Naturalmente riteniamo che in una prima fase del trapianto l’anonimato deve essere assolutamente conservato. Invece in una seconda fase del trapianto, qualora vi sia un consenso esplicito dall’una e dall’altra parte, donatore e ricevente si possono anche incontrare. Questo grazie anche a un terzo mediatore che verifichi, a fronte della richiesta dell’uno che verrà trasmessa al secondo e alla risposta che verrà data dal secondo, la possibilità che si tratti realmente di una realtà corrisposta e tentare di evitare quei rischi che potrebbero nascere proprio dall’incontro stesso. C’è chi dice che potersi incontrare e potersi conoscere forse faciliti anche la spinta verso le donazioni degli organi. Insomma, devo dirle che questo dato noi del Comitato Nazionale di bioetica l’abbiamo tenuto presente però non l’abbiamo riscontrato da ciò che ci è pervenuto a livello statistico. Quello che invece è sicuramente importante è che chi desidera avere un incontro con la persona a cui sono stati donati gli organi riceva un consenso espresso, chiaro e che questo incontro sia un incontro fortunato, perché tenga conto che non sempre gli incontri potrebbero essere fortunati».

La questione trattata nella conferenza “Una riflessione sulla donazione degli organi” sarà presto oggetto anche di un progetto di legge che l’onorevole Fabiola Bologna, medico ed esponente della Commissione Affari Sociali, ha intenzione di presentare.

«È un tema molto delicato da affrontare in modo concreto. La maniera più concreta è quella di improntare il disegno di legge in modo che possa affrontare il diritto del ricevente e del donatore, guardando anche alle norme che abbiamo attualmente in Europa – sottolinea a Sanità Informazione Fabiola Bologna – Nella Ue non è possibile in questo momento far conoscere il ricevente e il donatore, però grazie all’impegno di questo papà, di Marco Galbiati, abbiamo avuto noi come Italia un parere dal Consiglio Nazionale di Bioetica che invece apre una possibilità, quella di far conoscere queste persone in maniera concreta ma anche corretta: cioè non all’inizio del trapianto ma dopo che sia passato un po’ di tempo e dopo che ci sia anche una mediazione per la conoscenza. A partire ciò noi vorremmo istruire un progetto di legge che possa ‘incorniciare’ questo parere del Comitato facendo tutto l’iter parlamentare in modo da portare avanti il tema che è delicato ma che non bisogna misconoscere, e dall’altra di farlo nella maniera più corretta possibile. In questo senso dovremo confrontarci anche con le norme europee e magari essere degli apripista per una evoluzione in favore dei diritti dei cittadini».

Articoli correlati
Nomine in sanità, Castellone (M5S): «Primo punto contratto governo è stop all’influenza della politica»
Presentato il disegno di legge per le nomine della dirigenza sanitaria che, secondo il vicepremier Di Maio, «Va approvato entro l'anno». La proposta M5S prevede che i direttori generali siano scelti dall'elenco di soggetti idonei istituito presso il Ministero della Salute
La sanità nelle Europee 2019. Dalla Lega al Pd: ecco camici bianchi, operatori sanitari e tutti i temi legati alla salute che puntano a Bruxelles
Tra i candidati c’è il medico di Lampedusa Pietro Bartolo (Pd), la fondatrice di “Medicina Legale Contemporanea” Luisa Regimenti e il primario del CTO di Torino Giuliano Faccani. Il Presidente del Parlamento UE Antonio Tajani lancia 10 punti per la sanità in Europa
Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»
Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»
di Isabella Faggiano
Nomine in Sanità, in campo due Ddl dei Cinque Stelle: commissari esterni e Albo nazionale, parola d’ordine ‘meritocrazia’
I due disegni di legge, uno alla Camera a prima firma Nesci e l’altro al Senato della Castellone, sono in parte differenti: il primo prevede che le Regioni debbano scegliere il Direttore generale (tra quelli che hanno risposto all’avviso) con il punteggio più elevato nell’Albo
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...