Salute 15 Marzo 2018 18:24

Disturbi del sonno e dipendenza da internet: problemi apparentemente diversi che si sovrappongono e aggravano a vicenda

di Prof. Francesco Peverini – Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus

di Prof. Francesco Peverini - Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus

Dormire è fondamentale per avere un buon equilibrio durante la giornata. Tuttavia, anche se in media trascorriamo un terzo della vita dormendo (o dovremmo), ottenere una sensazione costante di buon sonno appare sempre più un traguardo molto difficile da raggiungere.

I dati relativi alla compromissione di un sonno regolare sono caratterizzati da un trend in crescita. Circa il 20% degli italiani soffre di un disturbo del sonno (nella quantità di ore dormite o nella qualità del sonno stesso), ma non è ancora accettata l’idea di rivolgersi a un medico per discuterne.

La carenza di sonno può determinare un abbassamento delle nostre qualità di interazione con la realtà e una eccessiva e pericolosa sonnolenza diurna. In molti al risveglio, pur avendo dormito un numero considerevole di ore, sono invece ancora stanchi e il loro riposo notturno non ha dato i risultati sperati.

Patologie come l’insonnia e le apnee notturne sono infatti in grado di determinare scompensi che possono rivelarsi anche molto pericolosi. Un esempio classico, in questo senso, sono i colpi di sonno alla guida, dovuti ad eccessiva sonnolenza; non sempre addormentamenti nel classico e comprensibile senso comune, ma veri momenti di distacco dalla realtà per alcuni secondi, ad occhi aperti, fenomeni estremamente temibili, definiti “microsleep”.

Ma le patologie del sonno sono oggi accentuate dall’utilizzo di tecnologie di nuova generazione, come smartphone e tablet. Recenti studi dimostrano che un uso eccessivo di questi mezzi, in particolare nelle ore che precedono il sonno, determina un peggioramento della qualità dello stesso, con conseguenze negative che ricadono sulla giornata successiva.

La tecnologia non è e non deve diventare un tabù, ma l’affaticamento visivo causato da un utilizzo non consapevole e controllato di schermi retroilluminati la sera, fino a tardi, incrementa l’attività elettrica di aree del cervello connesse con l’ipotalamo e i centri del sonno, l’esatto opposto di quello che dovrebbe accadere prima di andare a dormire. Si viene così a modificare il rilascio di molecole e ormoni che possono alterare il ritmo sonno-veglia (principalmente la melatonina).

In sostanza, viene a riprodursi lo stesso meccanismo che determina il jet lag nei viaggiatori.

È sufficiente questo per affermare che l’abitudine a navigare, chattare, attendere con ansia un “mi piace” sui social network, leggere news dal tablet o dallo smartphone prima di spegnere la luce del comodino comprometta il sonno?

Probabilmente si, anche se le variabili da esaminare sono in effetti moltissime: in primo luogo il tipo di schermo, la regolazione della sua luminosità e la tecnologia con cui vengono visualizzati i contenuti sono solo alcune delle caratteristiche da considerare. Ma dobbiamo anche considerare il genere di attività che si svolge, se, per esempio, è di competizione o di amicizia: se vi è competizione o eccessiva attesa, i livelli di attivazione della corteccia cerebrale sono estremamente variabili, ma sempre molto superiori a quelli necessari per dormire.

Internet addiction e nomofobia, rispettivamente la dipendenza da internet e la paura di restare sconnessi, sono due problemi che riguardano però non solo l’andamento del sonno di una persona, ma anche le sue relazioni e, in generale, la qualità della sua vita, psichica e sociale. Di recente nei cinema italiani è uscito un film, “Sconnessi”, che tratta proprio questo problema in maniera semplice e comprensibile a tutti.

La dipendenza da internet e le patologie del sonno sono dunque due tipi di problemi che si sovrappongono e che si aggravano vicendevolmente. Per questo motivo è consigliabile interrompere almeno un’ora prima di andare a dormire qualsiasi attività che preveda l’utilizzo degli schermi di Pc, televisione, tablet o smartphone.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Internet: una risorsa o un rischio per i nostri figli?
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA
Un progetto di ICS Maugeri rivela che «l’80% delle informazioni possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento»
di Federica Bosco
Giovani e dipendenze, il “digital detox” è la cura? Martinelli (psichiatra): «Una possibilità per non essere schiavi del web»
«Sperimentare il fatto che si può stare bene anche senza internet è positivo. Guidiamo i giovani ad un uso sano del web: se disinveste dalla realtà è preoccupante. I genitori devono imparare la “lingua” dei propri figli». L’intervista a David Martinelli
Corinaldo, grande successo per il primo Disconnect day d’Italia
Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco