Salute 5 Marzo 2019 13:29

Farmaci biologici e biosimilari, Cusano (ADOI): «Differenze ingiustificabili tra regioni. Danneggiati i pazienti»

Il Presidente dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani parla ai nostri microfoni delle disomogeneità nella distribuzione dei farmaci innovativi per psoriasi e altre patologie dermatologiche sul territorio italiano: «Differenze causate da norme amministrative»

di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Farmaci biologici e biosimilari, Cusano (ADOI): «Differenze ingiustificabili tra regioni. Danneggiati i pazienti»

Con l’avvento dei farmaci biologici e biosimilari il mondo della dermatologia è progredito notevolmente. Purtroppo esistono ancora problemi legati ai costi e all’effettiva disponibilità di questo tipo di farmaci. «Ci sono differenze intollerabili da regione a regione – spiega ai nostri microfoni Francesco Cusano, Presidente dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani –, ma la cosa peggiore è che non sono disomogeneità causate da una reale percezione dell’utilità del prodotto, ma da norme di tipo amministrativo. Ormai esistono due sistemi di prescrizione che non vanno a combaciare».

Presidente, negli ultimi anni la dermatologia ha avuto una grande svolta: quella dei farmaci biologici e biosimilari che, rispetto al passato, garantiscono al paziente tipologie di trattamenti completamente diverse. Esiste però ancora il problema del costo. Qual è la vostra posizione e come si può affrontare questa problematica?

«Si tratta del problema principale rispetto all’introduzione di questa categoria di farmaci. Dobbiamo capire un attimo quella che potrà essere l’evoluzione dell’accesso a questi farmaci, che attualmente è già molto diversificata da regione a regione, nel senso che attualmente non ancora c’è un gradiente di tipo economico ma c’è un gradiente di tipo amministrativo. Per questo ci sono grosse disparità tra le varie zone e questo crea di fatto delle differenti possibilità di accesso ai farmaci nelle varie aree, talvolta addirittura all’interno della stessa regione. Si è creata dunque una disomogeneità di tipo amministrativo che penalizza un po’ tutto il sistema, rallenta molto gli operatori, aumenta i costi indiretti e, alla fine, danneggia gli utenti».

LEGGI ANCHE: SALUTE, LE NUOVE FRONTIERE PER LE MALATTIE INFIAMMATORIE CUTANEE ARRIVANO DALLE BIOTECNOLOGIE. CONCETTA POTENZA (SAPIENZA): «RICERCA AVANZATA, CURE SU MISURA PER I PAZIENTI»

Si è parlato molto della proposta di differenziare ulteriormente il regionalismo sanitario. Ovviamente ci sono molte ombre a fronte di qualche possibile luce.

«In Emilia abbiamo più difficoltà di accesso ad alcuni farmaci rispetto ad altri. Si tracciano due sistemi di prescrizione che non vanno a combaciare. Ma in tutto questo la cosa più preoccupante, più antipatica, è che le differenze non sono dettate da una reale percezione dell’utilità, quindi della potenzialità terapeutica del farmaco, bensì da norme di tipo amministrativo che di fatto non dovrebbero entrare assolutamente in valutazioni di questo genere. Non a caso il discorso etico nei confronti dei pazienti manca e in questo momento deve venire fuori».

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Piano di Ripresa e Resilienza, via libera definitivo al Senato. La politica dà i voti alle misure sulla sanità
Il rafforzamento della medicina territoriale convince tutti i partiti, ma non mancano i distinguo. Castellone (M5S): «Grande assente la riforma del 118». Binetti (Udc): «Guai a dimenticare le patologie non Covid». Bocciatura da Fratelli d’Italia
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie
“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...