Salute 5 Marzo 2019

Farmaci biologici e biosimilari, Cusano (ADOI): «Differenze ingiustificabili tra regioni. Danneggiati i pazienti»

Il Presidente dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani parla ai nostri microfoni delle disomogeneità nella distribuzione dei farmaci innovativi per psoriasi e altre patologie dermatologiche sul territorio italiano: «Differenze causate da norme amministrative»

di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Farmaci biologici e biosimilari, Cusano (ADOI): «Differenze ingiustificabili tra regioni. Danneggiati i pazienti»

Con l’avvento dei farmaci biologici e biosimilari il mondo della dermatologia è progredito notevolmente. Purtroppo esistono ancora problemi legati ai costi e all’effettiva disponibilità di questo tipo di farmaci. «Ci sono differenze intollerabili da regione a regione – spiega ai nostri microfoni Francesco Cusano, Presidente dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani –, ma la cosa peggiore è che non sono disomogeneità causate da una reale percezione dell’utilità del prodotto, ma da norme di tipo amministrativo. Ormai esistono due sistemi di prescrizione che non vanno a combaciare».

Presidente, negli ultimi anni la dermatologia ha avuto una grande svolta: quella dei farmaci biologici e biosimilari che, rispetto al passato, garantiscono al paziente tipologie di trattamenti completamente diverse. Esiste però ancora il problema del costo. Qual è la vostra posizione e come si può affrontare questa problematica?

«Si tratta del problema principale rispetto all’introduzione di questa categoria di farmaci. Dobbiamo capire un attimo quella che potrà essere l’evoluzione dell’accesso a questi farmaci, che attualmente è già molto diversificata da regione a regione, nel senso che attualmente non ancora c’è un gradiente di tipo economico ma c’è un gradiente di tipo amministrativo. Per questo ci sono grosse disparità tra le varie zone e questo crea di fatto delle differenti possibilità di accesso ai farmaci nelle varie aree, talvolta addirittura all’interno della stessa regione. Si è creata dunque una disomogeneità di tipo amministrativo che penalizza un po’ tutto il sistema, rallenta molto gli operatori, aumenta i costi indiretti e, alla fine, danneggia gli utenti».

LEGGI ANCHE: SALUTE, LE NUOVE FRONTIERE PER LE MALATTIE INFIAMMATORIE CUTANEE ARRIVANO DALLE BIOTECNOLOGIE. CONCETTA POTENZA (SAPIENZA): «RICERCA AVANZATA, CURE SU MISURA PER I PAZIENTI»

Si è parlato molto della proposta di differenziare ulteriormente il regionalismo sanitario. Ovviamente ci sono molte ombre a fronte di qualche possibile luce.

«In Emilia abbiamo più difficoltà di accesso ad alcuni farmaci rispetto ad altri. Si tracciano due sistemi di prescrizione che non vanno a combaciare. Ma in tutto questo la cosa più preoccupante, più antipatica, è che le differenze non sono dettate da una reale percezione dell’utilità, quindi della potenzialità terapeutica del farmaco, bensì da norme di tipo amministrativo che di fatto non dovrebbero entrare assolutamente in valutazioni di questo genere. Non a caso il discorso etico nei confronti dei pazienti manca e in questo momento deve venire fuori».

Articoli correlati
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Calabria, la Caporetto della sanità. I sindaci in piazza: «I nostri cittadini vogliono essere curati come nel resto d’Italia»
Un centinaio di sindaci si sono radunati in piazza Monte Citorio per chiedere al governo di risolvere il problema della sanità calabrese. Conte riceve i primi cittadini di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia e assicura: «Lavoreremo per superare fase emergenziale»
Report Nomisma: con Covid quasi 800% in più per richiesta farmaci generici da terapia intensiva
Rivincita dei generici durante la crisi Covid. Nel rapporto Nomisma la richiesta delle aziende: difendere la biodiversità di produzione
Colesterolo LDL, Ferri: «In centri specializzati più semplice raggiungere obiettivi terapeutici»
L’intervista al professor Claudio Ferri, Direttore del centro per l’ipertensione arteriosa e prevenzione cardiovascolare dell’Università de L'Aquila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 novembre, sono 58.666.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.388.272 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli