Salute 7 Ottobre 2021 16:08

Discoteche aperte al 35%. Bassetti: «Riaprire in sicurezza con doppia dose si può»

Per il virologo ligure dallo scorso mese di aprile pronto un piano per riaprire i locali da ballo al 100% con doppia vaccinazione, tampone e mascherina. Sul Covid aggiunge: «Oggi abbiamo gli strumenti per affrontarlo. In 18 mesi abbiamo fatto ciò che per altre malattie è stato possibile solo dopo 15 anni»

di Federica Bosco
Discoteche aperte al 35%. Bassetti: «Riaprire in sicurezza con doppia dose si può»

Discoteche aperte, ma al 35% di capienza. La decisione presa dal governo nelle ultime ore divide i partiti politici, l’opinione pubblica e anche i medici. A prendere posizione sul tema Matteo Bassetti, virologo e direttore della Clinica di Malattie infettive del San Martino di Genova, che considera la decisione incomprensibile.

«Ritengo che il governo sul tema abbia avuto una chiusura ideologica – spiega ai microfoni di Sanità Informazione -. Insieme ai colleghi Pierluigi Lo Palco e Antonio Cascio già lo scorso mese di aprile avevo stilato un piano per riaprire le discoteche in assoluta sicurezza con doppia dose di vaccino, tampone rapido e mascherina. Ma il governo è andato in un’altra direzione, senza rendersi conto che nelle grandi città come Roma, Milano, Genova e Torino nei locali si è continuato a ballare molto di più e in modo meno sicuro di quanto si sarebbe fatto in discoteca. Quindi mi pare una misura esageratamente punitiva, senza alcuna valenza scientifica. Chi ha la doppia vaccinazione deve poter tornare a fare la vita di un tempo. Aprire i cinema all’80% e le discoteche al 35% anziché incentivare chi ancora non si è vaccinato a farlo, rischia di avere un effetto contrario».

«Terza dose necessaria per fronteggiare nuove varianti»

Mentre l’Italia si avvia a tagliare il traguardo dell’80 percento di vaccinati over 12, già si parla di terza dose e al riguardo Bassetti non ha dubbi: «Come è stata venduta in Italia, il richiamo dovrà essere fatto entro l’anno dai fragili, dagli over 80, da coloro che hanno patologie croniche, chi è trapiantato, dializzato e ancora il paziente oncologico, gli ospiti delle RSA e i sanitari. Dopodiché tutti gli altri faranno un richiamo trascorsi 12 mesi dalla somministrazione della seconda dose, che probabilmente per qualche anno sarà necessario per rialzare il livello di anticorpi e per fronteggiare nuove varianti».

Se il vaccino è la rete di protezione contro il Covid, per Bassetti l’antivirale di ultima generazione in arrivo dagli Usa promette di essere la cura per dimezzare rischi di ricovero e morte. La pillola molnupiravir che inibisce la replicazione di diversi virus, tra cui appunto la Sars-CoV-2, va presa per cinque giorni in quattro compresse nelle prime fasi della malattia. «Sarà destinata ad anziani, obesi, cardiopatici e tutti coloro che si trovano in una condizione di grande fragilità nell’affrontare il Covid. Oggi grazie agli studi clinici e alla sperimentazione con metodo abbiamo gli strumenti per curare il Covid, affrontarlo in ospedale e a casa. È un grande risultato perché in 18 mesi abbiamo fatto ciò che per altre malattie ci sono voluti 15 anni, quindi possiamo essere soddisfatti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
AIFA ha autorizzato due pillole antivirali per il trattamento di Covid-19
Sì dall'Agenzia italiana del Farmaco a molnupiravir e remdesivir, il primo verrà spedito alle Regioni dal 4 gennaio. I dettagli su come si usano
EMA ha avviato la procedura di revisione per il molnupiravir contro Covid
Gli sviluppatori del molnupiravir avvertono: «Vaccini restano prima linea difesa ma c'è grande bisogno di un farmaco da assumere a casa»
Vaccinazione eterologa Covid-19, Ema: «Risposta più forte con richiami e booster di vaccini diversi»
Cavaleri: «I dati confermano una reazione immunitaria più sostenuta con approccio 'mix and match'»
Il molnupiravir contro Covid sembra funzionare. Cos’è e cosa potrebbe cambiare nella lotta alla pandemia
Il farmaco di Merck mostra risultati decisamente promettenti: sembra bloccare la replicazione di Sars-CoV-2 se somministrato non oltre 5 giorni dalla comparsa dei sintomi e previene ospedalizzazioni e morti del 50%
La presa di posizione di Bassetti contro i sanitari non vaccinati: «Non si aggiornano, vanno allontanati dalla professione»
Per il primario di malattie infettive del San Martino di Genova alla base del rifiuto del vaccino ci sarebbe un problema culturale: «Necessario rivedere la formazione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...