Salute 29 Dicembre 2020 11:44

Disability manager, il professionista per l’inclusione dei lavoratori disabili e malati cronici

Leonardi (neurologa): «Finora sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato la figura del disability manager. La Lombardia è l’unica regione a riconoscere il percorso di studi universitario come abilitante. La pandemia porterà ad un ulteriore aumento dei malati cronici.  Attendiamo l’albo professionale».

di Isabella Faggiano

Un lavoratore su quattro ha una malattia cronica e, in alcuni casi, una certificazione di disabilità. Sono milioni le persone che ogni giorno devono districarsi tra innumerevoli difficoltà solo per mantenere il proprio posto di lavoro. Eppure, basterebbe interpellare un disability manager per costruire realtà professionali a misura di disabili e malati cronici.

«Da quindici anni l’Università Cattolica forma professionisti preparati ad affrontare il difficile tema dell’inclusione lavorativa, anche in condizioni complesse. Sono ormai centinaia i disability manager che, avendo ricevuto una formazione interdisciplinare, operano sul campo. Si tratta di professionisti in grado di provvedere non solo all’inclusione, ma anche al mantenimento del posto di lavoro e al reinserimento dopo un periodo di malattia», spiega Matilde Leonardi, direttore dell’UOC Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità e Coma Research Centre, della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano.

La formazione universitaria va avanti anche se ancora non esiste una chiara disciplina nazionale: a distanza di cinque anni si è ancora in attesa dei decreti attuativi del Jobs Act e, nonostante l’obbligo introdotto dalla cosiddetta “legge Madia”, sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato tale figura. «La Lombardia – continua la docente – è l’unica regione a riconoscere come abilitante il percorso di studi universitario».

Lavoratori sempre più malati cronici

Invecchiamento della popolazione e innalzamento dell’età pensionabile contribuiranno all’aumento dei malati cronici tra i lavoratori. «Malati – sottolinea Leonardi – che se non in possesso dei requisiti necessari per accedere all’invalidità, rischieranno di subire delle discriminazioni a causa del loro stato di salute. Sono individui che soffrono per lo più delle cosiddette malattie invisibili: diabete, ipertensione, mal di schiena, mal di testa. Senza dimenticare coloro che, pur avendo combattuto contro un tumore, vogliono tornare a lavorare».

Il lavoro del disability manager

È in che modo il disability manager può provvedere all’inclusione sociale e lavorativa? «Il metodo da utilizzare è quello biopsicosociale, che non valuta semplicemente le condizioni di un singolo individuo, ma anche del contesto in cui si trova a vivere e ad operare – dice la docente -. Deve proporre modifiche in grado di rendere l’ambiente lavorativo adatto ad accogliere qualsiasi persona fragile, sia in modo temporaneo che permanente».

Questi obiettivi possono essere realizzati attraverso i cosiddetti “accomodamenti ragionevoli”. «L’azienda – spiega Leonardi – può apportare delle modifiche strutturali e organizzative, senza alterare i suoi bisogni di produzione e competizione, per garantire la completa partecipazione del lavoratore. Tra le soluzioni più richieste da chi ha problemi di salute c’è sicuramente il lavoro flessibile. Anche lo smart working, molto poco diffuso prima dell’emergenza Covid, può essere ritenuto un buon “accomodamento ragionevole”».

L’etica

Se a soffrire di una patologia cronica è un lavoratore precario, la faccenda si complica ulteriormente. «Un impiegato con contratto a tempo determinato è facile che tenda a nascondere i suoi eventuali problemi di salute per paura di essere discriminato, se non addirittura rimpiazzato con un altro lavoratore, anche a parità di bravura e produttività. È per questo – commenta l’esperta –  che il disability manager, oltre a provvedere a faccende pratiche ed organizzative, deve essere in grado di individuare, valutare e risolvere anche problematiche di natura etica».

Bisogni che l’emergenza Covid renderà presto ancora più urgenti ed evidenti: «La pandemia porterà, senza dubbio, ad un ulteriore aumento dei malati cronici. Per questo auspichiamo che la formazione del disability manager venga presto riconosciuta in tutta Italia, grazie anche al contributo della Fedman. La Federazione disability manager, l’associazione maggiormente rappresentativa del settore, infatti,  è attualmente impegnata nella creazione di un albo di categoria, una istituzione – conclude Leonardi – che contribuirà a rafforzare ulteriormente le specificità di questa importante figura professionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
Il teatro salva Covid: gli attori disabili de Il Veliero di Monza in strada per vincere l’isolamento
Il regista Roveris, da 20 anni alla guida del progetto: «Da marzo abbiamo inventato degli esercizi di vita e raccontato la quotidianità da lockdown in una serie di video. Per Natale grande festa via Zoom»
di Federica Bosco
Disabilità, Bologna (PP): «RSA, assistenti familiari e smart working: i mie emendamenti alla manovra per favorire l’inclusione sociale»
«L’obiettivo dovrebbe essere la piena inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso la rimozione delle cause che impediscono o ne limitano la piena realizzazione» sottolinea Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
Giornata della disabilità, Speziali (Anffas): «È la legge a garantire il “progetto individuale di vita”. Applichiamola»
Il presidente Anffas: «Il Comune, d’intesa con la A.S.L, deve predisporre il programma individuale, indicando i vari interventi sanitari, sociali e assistenziali necessari, in sinergia con la famiglia della persona disabile»
di Isabella Faggiano
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...