Salute 29 Dicembre 2020 11:44

Disability manager, il professionista per l’inclusione dei lavoratori disabili e malati cronici

Leonardi (neurologa): «Finora sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato la figura del disability manager. La Lombardia è l’unica regione a riconoscere il percorso di studi universitario come abilitante. La pandemia porterà ad un ulteriore aumento dei malati cronici.  Attendiamo l’albo professionale».

di Isabella Faggiano

Un lavoratore su quattro ha una malattia cronica e, in alcuni casi, una certificazione di disabilità. Sono milioni le persone che ogni giorno devono districarsi tra innumerevoli difficoltà solo per mantenere il proprio posto di lavoro. Eppure, basterebbe interpellare un disability manager per costruire realtà professionali a misura di disabili e malati cronici.

«Da quindici anni l’Università Cattolica forma professionisti preparati ad affrontare il difficile tema dell’inclusione lavorativa, anche in condizioni complesse. Sono ormai centinaia i disability manager che, avendo ricevuto una formazione interdisciplinare, operano sul campo. Si tratta di professionisti in grado di provvedere non solo all’inclusione, ma anche al mantenimento del posto di lavoro e al reinserimento dopo un periodo di malattia», spiega Matilde Leonardi, direttore dell’UOC Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità e Coma Research Centre, della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano.

La formazione universitaria va avanti anche se ancora non esiste una chiara disciplina nazionale: a distanza di cinque anni si è ancora in attesa dei decreti attuativi del Jobs Act e, nonostante l’obbligo introdotto dalla cosiddetta “legge Madia”, sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato tale figura. «La Lombardia – continua la docente – è l’unica regione a riconoscere come abilitante il percorso di studi universitario».

Lavoratori sempre più malati cronici

Invecchiamento della popolazione e innalzamento dell’età pensionabile contribuiranno all’aumento dei malati cronici tra i lavoratori. «Malati – sottolinea Leonardi – che se non in possesso dei requisiti necessari per accedere all’invalidità, rischieranno di subire delle discriminazioni a causa del loro stato di salute. Sono individui che soffrono per lo più delle cosiddette malattie invisibili: diabete, ipertensione, mal di schiena, mal di testa. Senza dimenticare coloro che, pur avendo combattuto contro un tumore, vogliono tornare a lavorare».

Il lavoro del disability manager

È in che modo il disability manager può provvedere all’inclusione sociale e lavorativa? «Il metodo da utilizzare è quello biopsicosociale, che non valuta semplicemente le condizioni di un singolo individuo, ma anche del contesto in cui si trova a vivere e ad operare – dice la docente -. Deve proporre modifiche in grado di rendere l’ambiente lavorativo adatto ad accogliere qualsiasi persona fragile, sia in modo temporaneo che permanente».

Questi obiettivi possono essere realizzati attraverso i cosiddetti “accomodamenti ragionevoli”. «L’azienda – spiega Leonardi – può apportare delle modifiche strutturali e organizzative, senza alterare i suoi bisogni di produzione e competizione, per garantire la completa partecipazione del lavoratore. Tra le soluzioni più richieste da chi ha problemi di salute c’è sicuramente il lavoro flessibile. Anche lo smart working, molto poco diffuso prima dell’emergenza Covid, può essere ritenuto un buon “accomodamento ragionevole”».

L’etica

Se a soffrire di una patologia cronica è un lavoratore precario, la faccenda si complica ulteriormente. «Un impiegato con contratto a tempo determinato è facile che tenda a nascondere i suoi eventuali problemi di salute per paura di essere discriminato, se non addirittura rimpiazzato con un altro lavoratore, anche a parità di bravura e produttività. È per questo – commenta l’esperta –  che il disability manager, oltre a provvedere a faccende pratiche ed organizzative, deve essere in grado di individuare, valutare e risolvere anche problematiche di natura etica».

Bisogni che l’emergenza Covid renderà presto ancora più urgenti ed evidenti: «La pandemia porterà, senza dubbio, ad un ulteriore aumento dei malati cronici. Per questo auspichiamo che la formazione del disability manager venga presto riconosciuta in tutta Italia, grazie anche al contributo della Fedman. La Federazione disability manager, l’associazione maggiormente rappresentativa del settore, infatti,  è attualmente impegnata nella creazione di un albo di categoria, una istituzione – conclude Leonardi – che contribuirà a rafforzare ulteriormente le specificità di questa importante figura professionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Educatore professionale a scuola, Riposati (CdAn): «La vera inclusione comincia tra i banchi»
Il presidente della CdA nazionale degli educatori professionali: «Serve una legge ad hoc per chi opera in ambito scolastico. C’è troppa confusione di ruoli e formazione»
di Isabella Faggiano
Deficit intellettivo, dalla realtà virtuale la chiave per il recupero delle abilità esecutive
Lo studio preliminare condotto dall’Università Federico II ha evidenziato l’importanza di ripensare i percorsi riabilitativi nell’ottica di una maggiore funzionalità
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco