Salute 3 Maggio 2019 11:19

Diritto alla salute, Cisl e Simedet ne parlano a Roma. Papotto (Cisl): «Regionalismo differenziato può aumentare diseguaglianze»

Convegno a Roma per fare il punto sull’articolo 32 della Costituzione. Tra i relatori Filippo Anelli (FNOMCeO) e l’ex ministro Beatrice Lorenzin. Il leader Cisl medici: «Sarà occasione per ribadire che il finanziamento alla sanità è sottostimato. Mancato rinnovo contratto è una vergogna»

Diritto alla salute, Cisl e Simedet ne parlano a Roma. Papotto (Cisl): «Regionalismo differenziato può aumentare diseguaglianze»

Il Servizio sanitario nazionale è considerato in modo unanime una delle grandi conquiste del nostro Paese. Una diretta conseguenza di quanto stabilito dall’Articolo 32 della Costituzione che stabilisce che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Ma oggi, dopo 40 anni dalla legge 833 del 1978, l’universalismo della sanità italiana è sempre più in pericolo. Di questo e di altri temi si parlerà mercoledì 8 maggio a Roma a Palazzo San Macuto a un convegno dal titolo “Articolo 32” organizzato dalla Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, e dalla Cisl medici.

«Parleremo dell’universalismo della sanità e della nostra idea di sanità pubblica che dev’essere una difesa del cittadino, gratuita per tutti – sottolinea a Sanità Informazione il segretario Cisl Medici Biagio Papotto – Il convegno sarà un’occasione per ribadire che il finanziamento alla sanità è sottostimato, portarlo al 6,4% del nostro PIL significa arrivare a un punto di non ritorno della sanità pubblica. L’OMS ci dice che scendendo al di sotto di 6,5% diventa pericoloso per la gestione della sanità e quindi noi abbiamo serie preoccupazioni da questo punto di vista».

LEGGI: MMG, NOEMI LOPES (OSSERVATORIO GIOVANI FNOMCEO): «INCONCEPIBILE PERCORSO FORMATIVO COSÌ POCO RETRIBUITO E CHE COSTRINGE IL MEDICO A SPOSTARSI DALLA SUA REGIONE»

Tra i relatori ci sarà il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Filippo Anelli, Marialucia Lorefice Presidente Commissione Affari Sociali della Camera, l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin e l’igienista di fama mondiale Gaetano Maria Fara che effettuerà una panoramica completa dello status quo del nostro Sistema Sanitario. Insieme a Papotto, a presiedere l’evento ci sarà il presidente della Simedet Fernando Capuano.

Segretario, uno dei temi del convegno sarà anche il regionalismo differenziato. Qual è la vostra posizione in merito?
«Noi siamo contro il regionalismo differenziato perché questo tende ad acuire le differenze tra regione e regione: l’autonomia totale sulla sanità, sulla gestione del personale, sui contratti diventa una cosa molto pericolosa. Già siamo con 21 sistemi sanitari regionali autonomi dove c’è enorme discrasia, enorme differenza nell’utilizzazione dei Lea. Alcuni cittadini non hanno certezza di Lea».

Cosa ne pensa delle regioni che assumono medici dall’estero e richiamano quelli in pensione?
«La pezza è peggiore del buco. Noi sosteniamo che si deve fare una programmazione seria per quel che riguarda le borse di specializzazioni. Pensiamo che siano necessarie non meno di 11mila borse annue per poter garantire la certezza di avere specialisti e poi siamo contro le assunzioni dei pensionati perché i pensionati si debbono godere la propria pensione. Ma lo stesso criterio di incompatibilità deve valere anche per il privato accreditato perché non gestisce soldi propri ma soldi pubblici: il rischio è che diventi concorrenza sleale. Se tutto il privato accreditato lavora con i pensionati a partita IVA diventa una concorrenza sleale e mi meraviglia come Cantone non abbia preso posizione chiare e limpide. O le leggi valgono per tutti o non valgono. Quindi le incompatibilità che ci sono nel pubblico devono valere anche per il privato accreditato. I pensionati si godano la propria pensione, dobbiamo dare spazio a tanti giovani che sono disoccupati. Bisogna rivedere l’accesso alla facoltà di Medicina e perché no ampliarlo, tutti quelli che si laureano devono avere la possibilità in quell’anno di entrare in un corso di formazione e di specializzazione ma non per fare specializzazioni che non servono a nulla ma quelle che servono al fabbisogno reale dei territori».

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, SONDAGGIO SIFO: OLTRE 83% PENSA CHE NON MIGLIORERÀ SERVIZI ALLA SALUTE

Intanto però il contratto della dirigenza medica non si riesce ancora a rinnovare…
«Questa è la vergogna dei governi precedenti e di quello attuale. Dopo 10 anni il contratto è fermo perché giocano al rimpallo MEF e regioni: nessuno si assume la responsabilità ma le leggi sono chiare. Il finanziamento del 3,48% di aumento c’è: come lo hanno dato a tutti gli altri dipendenti pubblici lo dovrebbero dare anche ai dirigenti medici e sanitari. Ma ancora una volta non riusciamo a capire perché è bloccato. È un gioco per smantellare il Sistema sanitario pubblico: la gente si stanca, se ne va e cominciano a chiudere gli ospedali pubblici trasferendo prestazioni sul privato. Secondo me è un progetto che è partito, e alla fine anche questo governo giallo-verde lo sta attuando nel migliore dei modi facendo sì che tanti medici se ne vadano. I medici se ne vanno perché non sono messi nelle condizioni di poter lavorare nel migliore dei modi».

Articoli correlati
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Covid-19, Lorefice (M5S): «Bene vaccino Astrazeneca a 18-65enni»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera sottolinea: «Le nuove norme, sono certa, consentiranno di accelerare le vaccinazioni, che in molte Regioni stanno già interessando personale scolastico e forze dell’ordine»
Giornata personale sanitario, Anelli (Fnomceo): «Nostre professioni uniscono il Paese»
Raggiunto da Sanità Informazione nella Giornata del personale sanitario, socio-sanitario e volontario contro Covid-19, a un anno dall'inizio della pandemia, il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla di «un momento di riflessione sulla capacità di queste professioni di mantenere unito il Paese»
Vaccini Covid, Anelli (FNOMCeO): «Liberare i brevetti»
«L’emergenza è tale per cui l’accesso alla vaccinazione del maggior numero possibile di persone non risponde solo ai principi etici di universalità, equità e uguaglianza ma anche a una precisa strategia di prevenzione»
Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti
Anelli (FNOMCeO): «La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari». Scotti (FIMMG): «Solo il 3% dei MMG non è stato contattato per la vaccinazione. Adesione pressoché totale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...