Salute 6 Dicembre 2019 09:00

Diritti, Gemma Brandi (psichiatra): «Non abbandoniamo i fragili: ecco come la ‘coazione gentile’ fa rifiorire i deboli»

L’esperta di salute mentale spiega a Sanità Informazione il senso del ‘contratto di rifioritura’, nucleo di azioni per dare sostegno alle persone più in difficoltà: «Amministrazione di sostegno e TSO per non lasciare le persone al loro destino»

Lo Stato deve farsi carico dei soggetti fragili e deboli e non abbandonarli a se stessi. E per far questo deve ricorrere anche alla forza, ma una ‘forza gentile’ che permetta a questi soggetti di rimettersi in piedi e affrontare con il dovuto sostegno le asperità della vita. È questo in sintesi il nucleo filosofico del ‘contratto di rifioritura’, espressione evocativa nata da una suggestione di Gemma Brandi, psichiatra, psicoanalista, esperta in salute mentale applicata al Diritto e poi ripresa dal professore di Diritto privato Paolo Cendon, fondatore dell’associazione Diritti in Movimento. L’abbiamo incontrata al 14° Forum Risk Management di Firenze dove ha partecipato alla Prima Conferenza Nazionale della Fragilità promossa dalla Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP e dalla Simedet. «La cosa importante è considerare il debole non solo come un soggetto debole, che poi sarebbe il primo modo di escludere chi vogliamo includere. In realtà c’è una forza in ogni debole, quella che va fatta rinascere» spiega Brandi che poi ricorda l’espressione “coazione benigna” usata anche in ambito internazionale per quei casi in cui «occorre costringere gli altri a fare delle cose che sono utili alla loro vita».

Dottoressa, che cos’è il contratto di rifioritura?

«Tutto è nato da una mia uscita a un convegno romano di Diritti in Movimento in cui citai una poesia di Salvatore Quasimodo che è “Specchio”. La poesia parla della rifioritura di un tronco che sembrava morto. Da questa idea è poi nata l’espressione che Paolo Cendon ha coniato come patto di rifioritura. È qualcosa che consente di vedere le persone che noi diamo per spacciate, senza speranza, soprattutto le situazioni più complesse, di cui non possiamo non occuparci, come situazioni dalle quali invece è possibile uscire, come persone che possono avere una potenzialità di rinascita. Ecco questa è la cosa importante: considerare il debole non solo come un soggetto debole, che poi sarebbe il primo modo di escludere chi vogliamo includere. In realtà c’è una forza in ogni debole, quella che va fatta rinascere. Questo è importante però non è così facile con gli strumenti di cui disponiamo e soprattutto con la cultura che abbiamo più a portata di mano perché per fare questo talvolta bisogna fare anche azioni che possono sembrare sconvenienti».

LEGGI ANCHE: FRAGILITÀ, PRESTO TAVOLO SU DIRITTI CIVILI. IL GIURISTA CENDON: «SOSTEGNO, INTERDIZIONE E ‘RIFIORITURA’, ECCO DOVE INTERVENIRE»

Faccia qualche esempio…

«C’è quello che io tanti anni fa ho coniato come espressione che è un ossimoro e che designa un paradosso che è la “coazione benigna”, che oggi chiamiamo “coazione gentile” proprio perché la European Psychiatric Association ha coniato questa formula e senza dubbio qualche volta occorre costringere gli altri a fare delle cose che sono utili alla loro vita. Questa cosa che è molto spiacevole, che è molto ‘politically uncorrect’ è però una cosa importantissima. Quindi noi insistiamo per pensare che le situazioni più difficili da trattare hanno necessità talora di essere prese con forza. La forza non è mai violenza, la forza è molto gentile perché ha a che fare con il non abbandonare le persone al proprio destino. È molto facile per i genitori dire di sì, è molto difficile per i genitori dire di no. Il bambino è fragile per definizione ma al bambino occorre dire di no perché senza i no non si cresce e quando una persona non ha dei limiti strutturali utili a costruire la sua vita occorre talvolta che questi limiti siano imposti dall’esterno. Questa è la formula più generosa di occuparsi degli altri ma è faticosa e richiede strumenti. L’amministrazione di sostegno è uno di questi strumenti, ma anche il trattamento sanitario obbligatorio (TSO) è uno di questi strumenti. Anche le alternative al carcere e all’ospedale psichiatrico giudiziario per i malati di mente sono degli strumenti di coazione gentile. Quindi noi dobbiamo imparare a reintrodurre questo concetto come un concetto utile».

Articoli correlati
Il dilemma delle persone fragili: «Autolockdown o vita ai limiti del consentito?»
Lo psicologo: «Serve un patto di fiducia universale, i malati non devono sentirsi in pericolo accanto agli altri»
di Isabella Faggiano
“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona
Nel libro - ideato dall'avvocato Laila Perciballi - il supporto all'idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale
Fibrosi cistica e Covid-19, l’esperto: «Pochi casi in tutto il mondo, ma non bisogna abbassare la guardia»
La Senatrice Binetti definisce tre strade da seguire per rispondere alle esigenze dei malati, chiarisce le potenzialità del nuovo farmaco e chiede a gran voce l’approvazione della Legge sulle malattie rare e del Piano nazionale
TSO a chi rifiuta di curarsi da Covid-19, perché se ne parla?
Dopo il caso dell'imprenditore in Veneto che ha rifiutato le cure, si parla di Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) per chi rifiuta di seguire le regole dopo il tampone positivo. Il ministero della Salute vaglia le possibilità
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...