Salute 29 Gennaio 2021 09:01

Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»

Intervista alla dottoressa Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”

Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»

«Con la didattica a distanza si impara comunque, ma le lezioni non dovrebbero svolgersi come se i ragazzi fossero in classe». A mettere un punto su un dibattito che si trascina ormai da quasi un anno è Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza” del provider Sanità in-Formazione.

«Didattica a distanza e didattica in presenza – specifica la dottoressa – sono due modalità completamente differenti, per cui non si può pensare di adottare la prima semplicemente trasferendo online le lezioni. Anche perché – aggiunge – a differenza degli adulti, bambini e ragazzi apprendono la digitalizzazione con uno scopo inizialmente di svago, di gioco. Quindi il passaggio all’utilizzo del computer per seguire le lezioni può non essere semplice».

Servono quindi modalità innovative, secondo la dottoressa. «Anche se so bene – precisa la Gori – quanto tutto questo abbia messo in profonda crisi gli insegnanti, catapultati in una nuova realtà senza aver potuto sviluppare competenze ad hoc».

C’è un altro aspetto legato alla Dad che preoccupa: l’assenza di socialità per bambini e adolescenti. Ma la dottoressa Gori tranquillizza: «Socialità non è sinonimo di vicinanza. La pandemia ci ha fatto scoprire che ci sono altri modi per rimanere in contatto con le persone a cui si vuole bene. La distanza fisica non corrisponde alla distanza psicologica. Oggi la grande sfida è proprio cercare modalità di socialità alternative», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia
Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale