Salute 29 Gennaio 2021 09:01

Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»

Intervista alla dottoressa Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”

Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»

«Con la didattica a distanza si impara comunque, ma le lezioni non dovrebbero svolgersi come se i ragazzi fossero in classe». A mettere un punto su un dibattito che si trascina ormai da quasi un anno è Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza” del provider Sanità in-Formazione.

«Didattica a distanza e didattica in presenza – specifica la dottoressa – sono due modalità completamente differenti, per cui non si può pensare di adottare la prima semplicemente trasferendo online le lezioni. Anche perché – aggiunge – a differenza degli adulti, bambini e ragazzi apprendono la digitalizzazione con uno scopo inizialmente di svago, di gioco. Quindi il passaggio all’utilizzo del computer per seguire le lezioni può non essere semplice».

Servono quindi modalità innovative, secondo la dottoressa. «Anche se so bene – precisa la Gori – quanto tutto questo abbia messo in profonda crisi gli insegnanti, catapultati in una nuova realtà senza aver potuto sviluppare competenze ad hoc».

C’è un altro aspetto legato alla Dad che preoccupa: l’assenza di socialità per bambini e adolescenti. Ma la dottoressa Gori tranquillizza: «Socialità non è sinonimo di vicinanza. La pandemia ci ha fatto scoprire che ci sono altri modi per rimanere in contatto con le persone a cui si vuole bene. La distanza fisica non corrisponde alla distanza psicologica. Oggi la grande sfida è proprio cercare modalità di socialità alternative», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute visiva, spesso è l’insegnante a stimolare la prima visita oculista nei bambini
Ad accorgersi dei problemi di vista dei bambini è, spesso, l’insegnante, prima ancora dei genitori. Dei fattori di rischio dell’epidemia di miopia nei bambini in età scolare si parlerà oggi al 3° Congresso G.O.A.L (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) a Milano
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
Riapertura scuole, le indicazioni ISS per sorvegliare l’epidemia
Il documento, diretto a tutte le scuole, stabilisce le misure per il corretto svolgimento della didattica in presenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco