Salute 16 Maggio 2024 10:43

Denatalità, Vaccari (FNOPO): “Diminuzione nascite legata a fecondità. Necessario incrementare assistenza territoriale”

“Le Ostetriche/i, come professionisti sanitari esperti della salute della donna, potrebbero fornire utili strumenti per combattere la denatalità. Non solo aumentandone numericamente la presenza negli ospedali, ma anche nei presidi territoriali, dai Consultori, alle Case della Salute, fino all’assistenza domiciliare”

Denatalità, Vaccari (FNOPO): “Diminuzione nascite legata a fecondità. Necessario incrementare assistenza territoriale”

“Si fanno sempre meno figli e l’età media dei genitori alla nascita del primogenito continua ad avanzare. I dati del Report annuale dell’Istat, pubblicato ieri, confermano un scenario che si aggrava di anno in anno. La diminuzione delle nascite è legata a quella della fecondità: il numero medio di figli per ogni donna è diminuito da 1,24 nel 2022 a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico di 1,19 figli registrato nel 1995. Le Ostetriche/i, come professionisti sanitari esperti della salute della donna, potrebbero fornire utili strumenti per combattere la denatalità. Non solo aumentandone numericamente la presenza negli ospedali, ma anche nei presidi territoriali, dai Consultori, alle Case della Salute, fino all’assistenza domiciliare”. Ad assicurarlo è Silvia Vaccari, Presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale della Professione Ostetrica.

Più Ostetriche sul territorio

Che una presenza più capillare e radicata sul territorio delle Ostetriche/i possa migliorare i tassi di fertilità lo dimostrano alcuni esempi virtuosi. “All’interno del Parco Basaglia di Gorizia è stata di recente inaugurata la ‘Casa della Salute della Donna, dell’Infanzia e dell’Adolescenza’, un presidio di assistenza territoriale dove tra i principali obiettivi c’è proprio la promozione e la tutela della vita nascente. I primi mille giorni di vita di un essere umano sono un periodo di importanza strategica che pone le basi per lo sviluppo e la salute dell’intero arco della vita e prendersene cura è uno dei principali obiettivi delle Ostetriche/i che lavorano presso la Casa della Salute della Donna di Gorizia – racconta la Presidente della FNOPO – . Incentivare la nascita, su tutto il territorio nazionale, di altre strutture sanitarie simili potrebbe essere una prima ed efficace azione di contrasto alla denatalità”.

Partecipazione attiva ai tavoli istituzionali

Qualunque sia la strada intrapresa va percorsa accanto alle Istituzioni ed ai decisori politici, ai quali la FNOPO assicura piena disponibilità di collaborazione, “nonostante – sottolinea la Presidente Vaccari – le Ostetriche/i siano state escluse da importanti iniziative. Ne è un esempio il Tavolo tecnico di approfondimento delle tematiche relative alla procreazione medicalmente assistita istituito il 13 gennaio 2023 presso l’Ufficio di Gabinetto del Ministero. Nonostante la comprovata competenza delle Ostetriche in questo ambito, la FNOPO non è stata mai convocata. Lo stesso è accaduto anche per il Tavolo tecnico sugli stili di vita, insediatosi lo scorso luglio: le Ostetriche non sono mai state invitate a partecipare”, assicura la Presidente Vaccari.

Valutare anche gli aspetti socio-economici

“Le Ostetriche/i seguono le donne lungo tutta la propria vita e ne conoscono non solo le condizioni di salute ma anche quelle sociali. Un Piano d’azione che intenda preservare la fertilità e combattere la denatalità, infatti non può prendere in considerazione solo gli aspetti sanitari, ma deve valutare anche quelli socio-economici. In Italia esiste ancora un enorme divario di genere, come testimoniato sempre dall’Istat che ha rilevato come tra i nuovi occupati l’88% siano uomini. Sostenere le donne nel lavoro, significa sostenere le famiglie, di cui le donne sono indiscutibile fulcro e, di riflesso, le nascite”, conclude la Presidente Vaccari.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...