Salute 15 Maggio 2024 17:17

Istat: “Nel 2023 nascite al minimo storico in Italia”

La diminuzione delle nascite è legata a quella della fecondità: il numero medio di figli per donna scende da 1,24 nel 2022 a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico di 1,19 figli registrato nel 1995

di I.F.
Istat: “Nel 2023 nascite al minimo storico in Italia”

Il 2023 ha fatto registrare l’ennesimo minimo storico in termini di nascite” in Italia. “Nonostante una riduzione dell’8% dei decessi rispetto al 2022, il saldo naturale della popolazione resta fortemente negativo. Negli ultimi anni, inoltre, si è ridotto l’effetto positivo che la popolazione straniera ha esercitato sulle nascite a partire dai primi anni Duemila”. Lo rileva l‘Istat nel suo rapporto annuale. La diminuzione delle nascite è legata a quella della fecondità: il numero medio di figli per donna scende da 1,24 nel 2022 a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico di 1,19 figli registrato nel 1995. La fecondità delle italiane è pari a 1,18 figli in media per donna (2022), stesso valore dell’anno precedente; quello delle straniere arriva a 1,86 (era 1,87 nel 2021).

Ci si sposa e si fanno figli più tardi

L’Istituto osserva che gli attuali giovani “hanno transizioni sempre più protratte verso l’età adulta”. Nel 2022, il 67,4% dei 18-34enni vive in famiglia (59,7% nel 2002), con valori intorno al 75% in Campania e Puglia. Si posticipano anche la nuzialità e la procreazione. Nel 2022, l’età media al (primo) matrimonio è di 36,5 anni per lo sposo (31,7 nel 2002) e 33,6 per la sposa (28,9 nel 2002). L’età media delle donne al primo figlio è salita a 31,6 anni, contro 29,7 nel 2002. “In Italia – rileva ancora il report – mancano 200mila bambini perché 30 anni fa non sono nati i potenziali genitori. Il consistente calo delle nascite degli anni più recenti ha radici profonde – sottolinea ancora l’Istituto – ed è dovuto alle scelte di genitorialità (meno figli e sempre più tardi) da parte delle coppie italiane di oggi e di quelle di ieri”. La decisione di fare meno figli 30 anni fa, sottolinea dunque l’Istat, oggi ha portato ad un minor numero di potenziali genitori. A questo si aggiungono ovviamente le scelte delle famiglie di oggi, in linea con quelle di ieri.

Giovani protagonisti del calo demografico

I giovani sono i principali protagonisti del calo demografico in atto nella società italiana. Nel 2023 nel nostro Paese si contano poco più di 10 milioni e 330mila giovani in età 18-34 anni, con una perdita di oltre 3 milioni dal 2002 (-22,9%). Rispetto al picco del 1994, il calo è di circa 5 milioni (-32,3%). Lo rileva l’Istat nel rapporto annuale. La riduzione dei giovani dal 2002 al 2023 è stata più marcata nel mezzogiorno, con un calo del 28,6%, a causa della denatalità e della ripresa dei flussi migratori, contro il -19,3% nel Centro-Nord, dove il fenomeno è attenuato da saldi migratori positivi e dalla maggiore fecondità dei genitori stranieri. La riduzione è stata più ampia nelle aree interne (-25,7%) rispetto ai centri (-19,9%), e nelle zone rurali (-26,9%) rispetto alle città (-19,2%); nel Mezzogiorno, il calo è più ampio in ciascuna di queste tipologie.

Giovani tra buone e cattive abitudini

Dei giovani tra 16 e 24 anni l’Istat ha analizzato anche le ‘cattive’ abitudini: negli ultimi 20 anni hanno ridotto il consumo di bevande alcoliche e l’abitudine al fumo, ma aumenta l’eccesso di peso. Secondo il rapporto annuale dell’Istat, l’eccesso di peso è passato dal 10,6% del 2003 al 15,6% del 2023, con un incremento più marcato a partire dal 2017. Tra il 2003 e il 2023 si riduce tra i giovani il consumo giornaliero di bevande alcoliche (dall’11,2% al 4,8%), ma si osserva l’aumento del consumo occasionale (dal 56,3% al 59,1%) e di quello fuori pasto (dal 35,5% al 39,7%). Anche l’abitudine al fumo si riduce tra i 16 e i 24 anni (dal 24,2% del 2003 al 19,9% del 2023), ma si registra un incremento di nuove tipologie di consumo di tabacco e nicotina. La sigaretta elettronica è passata dallo 0,8% del 2014 all’8,6% nel 2023. Il tabacco riscaldato non bruciato, monitorato a partire dal 2021, è passato dal 4,6% all’8,4%. Negli ultimi 20 anni aumenta la pratica sportiva tra i giovani (dal 54,2% del 2003 al 57,7% del 2023). Parallelamente, si è osservato un lieve aumento dell’attività fisica (dal 18,7% al 20,6%). Queste dinamiche si riflettono in una riduzione della sedentarietà tra i giovani (dal 26,6% del 2003 al 21,7% del 2023). Nel 2023 oltre la metà dei giovani di 16-24 anni esprime un voto tra 8 e 10 per la propria vita. Le dimensioni con i livelli di soddisfazione più elevata sono il tempo libero e la salute, ambiti in cui è massima la differenza con il resto della popolazione. Quanto alla soddisfazione economica, nel 2023 4 ragazzi su 10 di 16-24 anni si dichiarano poco o per niente soddisfatti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...