Salute 29 Dicembre 2016

Davide Faraone è il nuovo Sottosegretario alla Salute. «Grande stima per Lorenzin»

Conferme e nuove nomine per il Governo Gentiloni: scambio di poltrone tra Vito De Filippo e Davide Faraone. Il primo dalla Salute passa all’Istruzione e Faraone siede accanto alla Lorenzin

È Davide Faraone il nuovo Sottosegretario alla Salute che si insedia nel Dicastero presieduto da Beatrice Lorenzin. Responsabile Welfare e Scuola del Pd, Faraone, nato a Palermo il 19 luglio del 1975, fa uno scambio di poltrona con Vito De Filippo ex sottosegretario alla Salute che passa nello stesso ruolo al Miur.

Faraone ha fatto parte della Commissione Lavoro alla Camera, è stato segretario cittadino di Palermo e Capogruppo del Pd nello stesso Comune. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di Deputato Regionale nelle file del Partito Democratico, ha portato avanti battaglie politiche come la riduzione del numero dei deputati regionali all’Ars, e l’abolizione del privilegio riservato al solo personale dell’Amministrazione regionale di andare in pensione grazie a benefici della legge 104. Inoltre è il fautore della Legge Regionale che obbliga tutti i consigli comunali siciliani a istituire la consulta degli immigrati.

In seguito alla nomina Faraone ha scritto sul suo blog: «Più tardi giurando davanti al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, il mio pensiero non potrà che andare a mia figlia Sara, il suo volto ed i suoi bisogni di essere speciale sono sempre l’anima di ciò che faccio, i suoi diritti e quelli di tanti bambini, ragazzi e adulti con autismo saranno il punto di partenza e di arrivo per tante battaglie da portare avanti e tante cose da fare, per questo con il cuore ho scelto questa avventura». «La politica non è solo una questione di testa, non è mero e freddo calcolo – continua Faraone -. La politica è anzitutto passione, cuore, sentimento. Ed è col cuore che vado, dunque, al Ministero della Salute dove lavorerò al fianco del Ministro Beatrice Lorenzin verso la quale nutro una grande stima. Certo un pò del mio cuore lo lascio al ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dove ho comunque vissuto una bellissima esperienza per la quale ringrazio prima di tutto il ministro Stefania Giannini e poi tutte le straordinarie persone con le quali ho avuto il piacere di condividere questo percorso».

Vito De Filippo, per 3 anni sottosegretario alla Salute, passa ora all’Istruzione. Lo comunica lo stesso De Filippo al termine del Consiglio dei Ministri che ha affrontato il tema delle nomine. «Lascio dopo circa 3 anni l’incarico di sottosegretario alla Salute – spiega -. Il bilancio del percorso fatto è positivo: si è trattato di un’esperienza ricca e significativa, che lascia una traccia profonda nel mio vissuto politico. Grazie quindi al ministro Lorenzin, al capo di Gabinetto, a tutti i vertici degli uffici di diretta collaborazione, ai direttori generali, ai dirigenti ed ai funzionari del Ministero e degli enti ausiliari con i quali in questi anni ho avuto un proficuo scambio di idee e un fattivo contributo alla progettualità, svolgendo un prezioso lavoro di squadra in una costante ottica di servizio rivolta ai cittadini. Un ringraziamento particolare va anche ai miei diretti collaboratori, per la stima sempre ricevuta e ricambiata. Mi attende ora una nuova esperienza all’Istruzione – conclude – dove conto operare con lo stesso spirito di servizio, in ossequio a quei principi di equità e successo formativo che fondano la nostra Costituzione».

 

Articoli correlati
Carni suine italiane: via libera per l’esportazione in Cina
Le autorità cinesi hanno, infatti, concesso, per la prima volta, l’abilitazione di una lista di stabilimenti italiani senza che questi fossero ispezionati direttamente e specificatamente da personale ufficiale cinese, salvo successive verifiche
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
Ricerca finalizzata 2018, approvata la graduatoria per il finanziamento dei programmi: oltre 6 milioni di euro ai vincitori
Il Comitato Tecnico Sanitario ha approvato nell’ambito del Bando per la ricerca finalizzata la graduatoria finale e l’attribuzione del finanziamento ministeriale ai programmi di rete collocatisi in posizione utile, per una somma complessiva di € 6.172.633 a cui si aggiunge il co-finanziamento delle Istituzioni finanziatrici. LEGGI IL BANDO DELLA RICERCA FINALIZZATA ANNO 2018 Studi altamente […]
Def 2019, Bonaccini: «A rischio il fondo sanitario». Grillo replica: «Pronta a farmi saltare in aria se lo toccano»
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero»
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione del Simmas
Di Direttivo Simmas (Sindacato Italiano Massofisioterapisti Massaggiatori Sportivi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone