Salute 29 dicembre 2016

Davide Faraone è il nuovo Sottosegretario alla Salute. «Grande stima per Lorenzin»

Conferme e nuove nomine per il Governo Gentiloni: scambio di poltrone tra Vito De Filippo e Davide Faraone. Il primo dalla Salute passa all’Istruzione e Faraone siede accanto alla Lorenzin

È Davide Faraone il nuovo Sottosegretario alla Salute che si insedia nel Dicastero presieduto da Beatrice Lorenzin. Responsabile Welfare e Scuola del Pd, Faraone, nato a Palermo il 19 luglio del 1975, fa uno scambio di poltrona con Vito De Filippo ex sottosegretario alla Salute che passa nello stesso ruolo al Miur.

Faraone ha fatto parte della Commissione Lavoro alla Camera, è stato segretario cittadino di Palermo e Capogruppo del Pd nello stesso Comune. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di Deputato Regionale nelle file del Partito Democratico, ha portato avanti battaglie politiche come la riduzione del numero dei deputati regionali all’Ars, e l’abolizione del privilegio riservato al solo personale dell’Amministrazione regionale di andare in pensione grazie a benefici della legge 104. Inoltre è il fautore della Legge Regionale che obbliga tutti i consigli comunali siciliani a istituire la consulta degli immigrati.

In seguito alla nomina Faraone ha scritto sul suo blog: «Più tardi giurando davanti al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, il mio pensiero non potrà che andare a mia figlia Sara, il suo volto ed i suoi bisogni di essere speciale sono sempre l’anima di ciò che faccio, i suoi diritti e quelli di tanti bambini, ragazzi e adulti con autismo saranno il punto di partenza e di arrivo per tante battaglie da portare avanti e tante cose da fare, per questo con il cuore ho scelto questa avventura». «La politica non è solo una questione di testa, non è mero e freddo calcolo – continua Faraone -. La politica è anzitutto passione, cuore, sentimento. Ed è col cuore che vado, dunque, al Ministero della Salute dove lavorerò al fianco del Ministro Beatrice Lorenzin verso la quale nutro una grande stima. Certo un pò del mio cuore lo lascio al ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dove ho comunque vissuto una bellissima esperienza per la quale ringrazio prima di tutto il ministro Stefania Giannini e poi tutte le straordinarie persone con le quali ho avuto il piacere di condividere questo percorso».

Vito De Filippo, per 3 anni sottosegretario alla Salute, passa ora all’Istruzione. Lo comunica lo stesso De Filippo al termine del Consiglio dei Ministri che ha affrontato il tema delle nomine. «Lascio dopo circa 3 anni l’incarico di sottosegretario alla Salute – spiega -. Il bilancio del percorso fatto è positivo: si è trattato di un’esperienza ricca e significativa, che lascia una traccia profonda nel mio vissuto politico. Grazie quindi al ministro Lorenzin, al capo di Gabinetto, a tutti i vertici degli uffici di diretta collaborazione, ai direttori generali, ai dirigenti ed ai funzionari del Ministero e degli enti ausiliari con i quali in questi anni ho avuto un proficuo scambio di idee e un fattivo contributo alla progettualità, svolgendo un prezioso lavoro di squadra in una costante ottica di servizio rivolta ai cittadini. Un ringraziamento particolare va anche ai miei diretti collaboratori, per la stima sempre ricevuta e ricambiata. Mi attende ora una nuova esperienza all’Istruzione – conclude – dove conto operare con lo stesso spirito di servizio, in ossequio a quei principi di equità e successo formativo che fondano la nostra Costituzione».

 

Articoli correlati
Griglia LEA, 16 regioni promosse: Piemonte al top, arretra la Calabria
Le Regioni sono tenute ad una serie di adempimenti per poter accedere a maggior finanziamento. Migliora la Campania anche se ha un punteggio migliorativo anche se non raggiunge ancora il livello minimo accettabile. Ultima Bolzano, ma dati sono parziali. Sileri (Comm. Sanità): «Inutile averne tantissimi sulla carta per poi non avere i soldi per portarli avanti».
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano