Salute 23 Dicembre 2019

Dalla Mesopotamia ad oggi, Gian Antonio Stella racconta “La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia”

Nel suo ultimo libro la firma del Corriere della Sera racconta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi. Poi sottolinea: «Presto avremo oltre 6 milioni di non autosufficienti, cosa stiamo facendo per loro?»

Da Omero all’imperatore Claudio, da Stephen Hawking a Franklin D. Roosevelt, la storia è costellata di grandi personaggi che hanno cambiato il mondo pur dovendo convivere in qualche modo con una disabilità. Alcune di queste grandi storie sono raccontate da Gian Antonio Stella, firma di punta del Corriere della Sera, nel suo ultimo libro “Diversi. La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia” (Solferino editore). La storia della disabilità è fatta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi, attraverso il racconto di persone che hanno subìto di tutto, ma hanno resistito fino a riuscire piano piano in un certo senso a cambiare il mondo. Oggi il rapporto verso la disabilità è cambiato ma restano le criticità. «Tra qualche anno – sottolinea Stella a Sanità Informazione – avremo 6 milioni e 300mila non autosufficienti. Chiedo: nel dibattito politico di Twitter, Instagram, Facebook e insulti quotidiani, c’è qualcosa su questo, un minimo di attenzione o no?». Il libro è valso al giornalista il premio PreSa 2019 – Prevenzione e Salute.

LEGGI ANCHE: CRONICITÀ, SETTE PAZIENTI SU DIECI BOCCIANO PRESA IN CARICO E ACCESSO ALLE CURE. AURILIO (PRESA): «OFFRIRE SERVIZI MIRATI OLTRE A TUTELE ECONOMICHE»

Stella, che storia è quella della disabilità?

«La storia che racconto – sottolinea Stella – parte da 12500 anni fa. Ma ho cercato di metterci dentro un po’ di excursus storico ripercorrendo le varie tappe. Civiltà mesopotamica, greci, cristianesimo. Ho raccontato come è stata vissuta la disabilità nei secoli ma ci ho infilato dentro dappertutto tantissime storie personali, perché se non c’è la storia personale non riesci ad entrare in sintonia con questo problema. Faccio un esempio: quando affondò quel sottomarino russo qualche anno fa ci fu una ondata di commiserazione e di commozione nel mondo che però si fermò subito perché erano sconosciuti, erano morti ignoti, non si sapeva niente, erano in fondo all’oceano, chissà come si chiamavano. Poi dal sottomarino recuperato tirano fuori delle lettere di alcuni marinai alle mogli in cui dicevano: ‘l’ossigeno sta per finire, non ti vedrò mai più, pensa al nostro bambini’ con i nomi delle persone. Quella cosa lì ci scoppiò nella pancia letteralmente. Era tanto tempo che parlavamo del sommergibile ma era come se fosse una cosa completamente nuova perché alcune cose le devi sentire vicine. Il tentativo appunto di raccontare alcune storie di disabili, alcune vincenti ma in qualche modo tutte perdenti perché poi la disabilità è un peso forte. Questo è un tentativo di far capire di più il tema».

Oggi si fa abbastanza per la disabilità e anche per l’inclusione sociale dei disabili?

«Beh, meglio di una volta senz’altro. Però tra qualche anno avremo 6 milioni e 300mila non autosufficienti. Chiedo: nel dibattito politico di tweet, Instagram, Facebook e insulti quotidiani c’è qualcosa su questo, un minimo di attenzione o no? Ognuno si dia la sua risposta».

Articoli correlati
Le Supposte Di Carmelo, la prima “Sit down comedy” italiana per raccontare la quarantena di un disabile
Carmelo Comisi a 14 anni è stato vittima di un incidente stradale che gli ha causato una gravissima disabilità. Già ideatore del Disability Pride Italia, durante l’emergenza Covid ha realizzato una web-serie: «I normodotati ci presentano come un caso umano o come un supereroe sportivo. E invece noi non siamo nulla di tutto questo»
di Isabella Faggiano
Inps, presentato Osservatorio per la disabilità psichiatrica e psicosociale
Lo scopo è valutare e monitorare l’impatto che tali patologie generano sul “sistema Paese” e coinvolgere Centri di ricerca universitari, Istituzioni del settore sanitario e sociale e i principali stakeholder nazionali
Dl Rilancio, FAVO-FISH-AIL-UNIAMO: «Approvare emendamenti per lavoratori con disabilità»
Secondo le quattro associazioni ci sono modifiche da apportare su sorveglianza sanitaria (art.83) e sostegni economici per autonomi (art. 75 e 86) 
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
Covid-19 e disabilità, il presidente Fand e Anmic: «Fase 1 è stata drammatica, delusi da mancata attenzione ai caregiver»
L'appello di Nazaro Pagano per il rifornimento di dispositivi di sicurezza adatti e per condizioni di lavoro sicure per persone con disabilità. Bene i fondi riservati nei decreti, ma «essenziale che a settembre gli alunni con disabilità non siano esclusi da quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...