Salute 21 Novembre 2019 16:10

Dal Sud si emigra anche per curarsi. AIL: «Mobilità sanitaria e assistenza domiciliare sono criticità»

Sono i temi della mobilità sanitaria e i servizi alla persona il filo conduttore dell’incontro “Curare è prendersi cura. La salute al centro”, organizzato da Ail. Durante il convegno è arrivata anche la richiesta al legislatore di introdurre il diritto all’oblio per le persone guarite da gravi malattie

Sono 800mila i ricoveri fuori regione solo nel 2016, 218 mila le persone che dal Sud sono dovute emigrare al Nord per accedere a cure che altrimenti non sarebbero riusciti ad ottenere, con pesanti ricadute non solo sulla loro salute ma anche con un aggravio delle finanze pubbliche. Questi i dati del Rapporto sui ricoveri ospedalieri 2017 presentati durante il convegno “Curare è prendersi cura. La salute al centro”, organizzato da Ail in occasione dei suoi primi cinquanta anni presso il palazzo WEGIL di Roma, con altre associazioni impegnate nel settore, Aism, Antea, Fiagop, Fnopi, Uniamo e Human Foundation.

Sono i temi della mobilità sanitaria e i servizi alla persona il filo conduttore dell’incontro, servizi che attualmente sono per la maggior parte demandati alle organizzazioni no profit, nel 2015 ben 11 mila in tutta Italia secondo l’Istat. Associazioni maggiormente presenti al centro nord e metà di quelle operanti nel settore sanitario sono dedite ad assistere persone che si trovano in condizioni di debolezza o difficoltà.

LEGGI: SANITÀ, AL SUD «LA TEMPESTA PERFETTA È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI»

«La mobilità sanitaria e l’assistenza domiciliare sono criticità importanti, di cui dobbiamo discutere tutti insieme per poi parlarne con le istituzioni, proprio in questo periodo impegnate nella redazione del patto della salute 2019 – ha detto Sergio Amadori, presidente di AIL -. Vogliamo che queste tematiche siano condivise per arrivare a soluzioni che possano rendere meno doloroso il peso della malattia sui pazienti e le famiglie, un peso non solo patologico ma anche economico».

Ail, da cinquanta anni impegnata nell’assistere i malati di leucemia, linfoma e mieloma, come risposta a questi problemi offre ospitalità nelle case-alloggio, si fa carico dei costi di trasferimento tra casa ed ospedale occupandosi anche dell’organizzazione del servizio, fornisce direttamente assistenza domiciliare e viaggi solidali per raggiungere i luoghi di cura.

Servono però nuove soluzioni, alleggerire la burocrazia, aumentare le risorse, investire sulla preparazione, costruire strutture e per questo c’è bisogno dello Stato, delle istituzioni, questo chiedono le associazioni presenti all’incontro.

«È importante che tra le associazioni e le istituzioni vi sia un dialogo costante, perché molto spesso chi conosce bene i problemi conosce bene anche le soluzioni- risponde Marialucia Lorefice, presidente della commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati alle richieste delle associazioni presenti -. Quattro miliardi e mezzo vengono spesi in mobilità sanitaria, questo vuol dire che qualcosa non funziona. Dobbiamo forse ripensare il sistema e ripartire diversamente le risorse, con maggiore omogeneità».

Arriva in chiusura della mattinata la richiesta al legislatore, raccolta dalla Lorefice, di introdurre il diritto all’oblio per le persone guarite da gravi malattie, affinché della patologia non ne rimanga segno nemmeno in tutti quei rapporti della vita quotidiana che potrebbero essere influenzati e compromessi dalla notizia di una malattia ormai guarita.

Articoli correlati
Covid, Report Gimbe: «Aumentano casi e ricoveri. Crollano i nuovi vaccinati»
Il Report Gimbe rileva nell'ultima settimana un ulteriore aumento dei nuovi casi settimanali, dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Il lieve ma progressivo calo dell’efficacia vaccinale impone di accelerare sulla terza dose
La Carta di Matera, parte dal Sud la proposta di riforma per la sanità territoriale
Dal Sud, dalla capitale italiana della cultura del 2019 Matera, parte una proposta di riforma sanitaria della medicina territoriale e dei distretti delle Asl e dell’assistenza di prossimità già inserita negli obiettivi prioritari del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Dal 21 al 23 ottobre, nel capoluogo lucano confluiranno rappresentanti della Sanità di Abruzzo, […]
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...