Salute 21 Novembre 2019

Dal Sud si emigra anche per curarsi. AIL: «Mobilità sanitaria e assistenza domiciliare sono criticità»

Sono i temi della mobilità sanitaria e i servizi alla persona il filo conduttore dell’incontro “Curare è prendersi cura. La salute al centro”, organizzato da Ail. Durante il convegno è arrivata anche la richiesta al legislatore di introdurre il diritto all’oblio per le persone guarite da gravi malattie

Sono 800mila i ricoveri fuori regione solo nel 2016, 218 mila le persone che dal Sud sono dovute emigrare al Nord per accedere a cure che altrimenti non sarebbero riusciti ad ottenere, con pesanti ricadute non solo sulla loro salute ma anche con un aggravio delle finanze pubbliche. Questi i dati del Rapporto sui ricoveri ospedalieri 2017 presentati durante il convegno “Curare è prendersi cura. La salute al centro”, organizzato da Ail in occasione dei suoi primi cinquanta anni presso il palazzo WEGIL di Roma, con altre associazioni impegnate nel settore, Aism, Antea, Fiagop, Fnopi, Uniamo e Human Foundation.

Sono i temi della mobilità sanitaria e i servizi alla persona il filo conduttore dell’incontro, servizi che attualmente sono per la maggior parte demandati alle organizzazioni no profit, nel 2015 ben 11 mila in tutta Italia secondo l’Istat. Associazioni maggiormente presenti al centro nord e metà di quelle operanti nel settore sanitario sono dedite ad assistere persone che si trovano in condizioni di debolezza o difficoltà.

LEGGI: SANITÀ, AL SUD «LA TEMPESTA PERFETTA È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI»

«La mobilità sanitaria e l’assistenza domiciliare sono criticità importanti, di cui dobbiamo discutere tutti insieme per poi parlarne con le istituzioni, proprio in questo periodo impegnate nella redazione del patto della salute 2019 – ha detto Sergio Amadori, presidente di AIL -. Vogliamo che queste tematiche siano condivise per arrivare a soluzioni che possano rendere meno doloroso il peso della malattia sui pazienti e le famiglie, un peso non solo patologico ma anche economico».

Ail, da cinquanta anni impegnata nell’assistere i malati di leucemia, linfoma e mieloma, come risposta a questi problemi offre ospitalità nelle case-alloggio, si fa carico dei costi di trasferimento tra casa ed ospedale occupandosi anche dell’organizzazione del servizio, fornisce direttamente assistenza domiciliare e viaggi solidali per raggiungere i luoghi di cura.

Servono però nuove soluzioni, alleggerire la burocrazia, aumentare le risorse, investire sulla preparazione, costruire strutture e per questo c’è bisogno dello Stato, delle istituzioni, questo chiedono le associazioni presenti all’incontro.

«È importante che tra le associazioni e le istituzioni vi sia un dialogo costante, perché molto spesso chi conosce bene i problemi conosce bene anche le soluzioni- risponde Marialucia Lorefice, presidente della commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati alle richieste delle associazioni presenti -. Quattro miliardi e mezzo vengono spesi in mobilità sanitaria, questo vuol dire che qualcosa non funziona. Dobbiamo forse ripensare il sistema e ripartire diversamente le risorse, con maggiore omogeneità».

Arriva in chiusura della mattinata la richiesta al legislatore, raccolta dalla Lorefice, di introdurre il diritto all’oblio per le persone guarite da gravi malattie, affinché della patologia non ne rimanga segno nemmeno in tutti quei rapporti della vita quotidiana che potrebbero essere influenzati e compromessi dalla notizia di una malattia ormai guarita.

Articoli correlati
Ricerca scientifica e donazione del sangue, firmato protocollo tra AVIS e AIL
L’accordo prevede incontri di sensibilizzazione nelle scuole e partecipazione alle reciproche iniziative. Briola (AVIS): «Oltre 1.800 pazienti ogni giorno effettuano trasfusioni salvavita grazie all’attività dei nostri donatori». Amadori (AIL): «Siamo molto lieti sia stato firmato un protocollo d’intesa che ci vedrà fianco a fianco, con le nostre migliaia di volontari, nel promuovere reciprocamente iniziative a favore dei pazienti ematologici» 
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Marialucia Lorefice (Affari Sociali): «Covid ci serva da lezione, tagli alla sanità un errore. Ora attenzione al sociale»
Colloquio con la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) all’indomani della rielezione. Tra le priorità dei prossimi mesi il budget di salute per la presa in carico delle persone con disabilità e la legge sul fine vita
Rinnovo commissioni parlamentari: Lorefice (M5S) confermata alla guida della Affari Sociali, la senatrice Parente (Iv) alla Sanità
Il voto è arrivato dopo tre settimane di serrate trattative che avevano fatto slittare più volte l’elezione. L’esponente siciliana del M5S Marialucia Lorefice è in carica dal 2018. Al Senato invece terzo cambio alla guida della Commissione Sanità: Parente subentra a Collina, a suo volta succeduto a Pierpaolo Sileri
Giornata vittime Covid, Lorefice: «È un dovere non dimenticare. Ora al lavoro per aumentare i fondi per la sanità»
«Nella nostra memoria rimarrà impressa in maniera indelebile la giornata del 18 marzo, durante la quale abbiamo assistito al corteo dei camion militari che trasportavano i feretri nelle strade di Bergamo» sottolinea la presidente della Commissione Affari Sociali nel giorno dell'approvazione del Ddl
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...