Lavoro 15 Maggio 2019

Sanità, al Sud «la tempesta perfetta è sotto gli occhi di tutti»

La denuncia di Anaao Campania: «I nostri medici in burn out tra blocco dei contratti e carenze di organico»

Diciassettemila operatori sanitari in pensione negli ultimi dieci anni, nella sola regione Campania. L’esigenza, nel minor tempo possibile, è di rimpiazzarne almeno la metà. Eppure, a causa del blocco delle assunzioni, questa cifra sembra ora pura utopia. Un problema che si ripercuote sull’assistenza ai cittadini, e che affonda le radici in una questione complessa: il commissariamento decennale della Regione Campania, e le politiche di austerity ad esso connesse.

«Si tratta di politiche – spiega Maurizio Cappiello, del direttivo nazionale Anaao Assomed – che hanno determinato da un lato la riduzione dei posti letto, quindi la possibilità di poter ricoverare i pazienti, e d’altro canto una riduzione drastica del personale: parliamo di 17mila operatori della sanità negli ultimi dieci anni. Il problema di fondo – continua Cappiello – è che un’errata o cattiva programmazione non ci permette nell’immediato di andare a sanare queste esigenza e questi buchi di organico, che poi si traducono in problematiche assistenziali quotidiane: i pronto soccorso sguarniti di medici e infermieri, tempi di attesa dilatati, ma soprattutto la chiusura di strutture ambulatoriali fondamentali nella gestione di tutte quelle patologie differibili e che invece si riversano in PS, alimentando quindi un circolo vizioso. Se a questo – conclude – aggiungiamo il blocco del contratto, anch’esso decennale, e il disagio lavorativo che si vive in queste particolari realtà, si crea una tempesta perfetta che è sotto gli occhi di tutti».

Insomma, i medici “superstiti” lavorano, per usare un termine entrato ormai nel gergo comune, in trincea. Ma a che prezzo? «Il medico lavora in trincea perchè deve difendersi – commenta Vincenzo Bencivenga, segretario regionale Anaao Campania – e nel momento stesso in cui si reca sul posto di lavoro assume un atteggiamento di difesa. Pensiamo alla sottodotazione organica, quindi poco personale per troppi accessi, specialmente nei Pronto Soccorso cittadini; questa – continua Bencivenga – è una delle cause principali di ricorso alla medicina difensiva, perchè molti pazienti di Pronto Soccorso vi ricorrono o perchè non possono accedere a cure ed analisi specialistiche per motivi economici, o perchè le aziende sanitarie sul territorio precludono questa modalità di accesso alle cure sempre per motivi di sottodotazione di personale. Ecco che allora molti medici iniziano a soffrire anche della sindrome da burn out». Un prezzo troppo elevato, che la sanità italiana non può permettersi.

 

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, Tuzi (M5S): «Con noi record di borse di specializzazione. Viceministro Fioravanti al lavoro per soluzione»
In una interpellanza urgente al viceministro del Miur, Lorenzo Fioramonti, il deputato Cinque Stelle, che ha ricevuto garanzia da parte del viceministro Miur Fioramonti, ha sottolineato: «Il prossimo anno ci saranno 24mila potenziali nuovi candidati e il sistema Universitario attualmente non è in grado di formare più di 11mila medici, va fatto un cambio di passo»
Maratona Patto per la Salute, Di Silverio (Anaao): «Serve formazione integrata con gli e-learning hospital»
«In tutta Europa il medico è considerato un medico, in Italia è considerato un super studente che ad oggi tappa di fatto i buchi dell’università quando occorre ma non ha la possibilità di imparare dal punto di vista soprattutto pratico ciò che deve imparare per conseguire il titolo di specialista», ha dichiarato il responsabile di Anaao Giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...