Lavoro 15 Maggio 2019

Sanità, al Sud «la tempesta perfetta è sotto gli occhi di tutti»

La denuncia di Anaao Campania: «I nostri medici in burn out tra blocco dei contratti e carenze di organico»

Diciassettemila operatori sanitari in pensione negli ultimi dieci anni, nella sola regione Campania. L’esigenza, nel minor tempo possibile, è di rimpiazzarne almeno la metà. Eppure, a causa del blocco delle assunzioni, questa cifra sembra ora pura utopia. Un problema che si ripercuote sull’assistenza ai cittadini, e che affonda le radici in una questione complessa: il commissariamento decennale della Regione Campania, e le politiche di austerity ad esso connesse.

«Si tratta di politiche – spiega Maurizio Cappiello, del direttivo nazionale Anaao Assomed – che hanno determinato da un lato la riduzione dei posti letto, quindi la possibilità di poter ricoverare i pazienti, e d’altro canto una riduzione drastica del personale: parliamo di 17mila operatori della sanità negli ultimi dieci anni. Il problema di fondo – continua Cappiello – è che un’errata o cattiva programmazione non ci permette nell’immediato di andare a sanare queste esigenza e questi buchi di organico, che poi si traducono in problematiche assistenziali quotidiane: i pronto soccorso sguarniti di medici e infermieri, tempi di attesa dilatati, ma soprattutto la chiusura di strutture ambulatoriali fondamentali nella gestione di tutte quelle patologie differibili e che invece si riversano in PS, alimentando quindi un circolo vizioso. Se a questo – conclude – aggiungiamo il blocco del contratto, anch’esso decennale, e il disagio lavorativo che si vive in queste particolari realtà, si crea una tempesta perfetta che è sotto gli occhi di tutti».

Insomma, i medici “superstiti” lavorano, per usare un termine entrato ormai nel gergo comune, in trincea. Ma a che prezzo? «Il medico lavora in trincea perchè deve difendersi – commenta Vincenzo Bencivenga, segretario regionale Anaao Campania – e nel momento stesso in cui si reca sul posto di lavoro assume un atteggiamento di difesa. Pensiamo alla sottodotazione organica, quindi poco personale per troppi accessi, specialmente nei Pronto Soccorso cittadini; questa – continua Bencivenga – è una delle cause principali di ricorso alla medicina difensiva, perchè molti pazienti di Pronto Soccorso vi ricorrono o perchè non possono accedere a cure ed analisi specialistiche per motivi economici, o perchè le aziende sanitarie sul territorio precludono questa modalità di accesso alle cure sempre per motivi di sottodotazione di personale. Ecco che allora molti medici iniziano a soffrire anche della sindrome da burn out». Un prezzo troppo elevato, che la sanità italiana non può permettersi.

 

Articoli correlati
Bonus ai sanitari per il “disagio” Covid. Palermo (Anaao): «Su mille euro, un medico ne intasca 350»
Le risorse provengono dal “Cura Italia” (250 milioni) e dal “Decreto Rilancio” (190). Le Regioni possono integrare. Indennità infettivologica e straordinari altri punti problematici
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Medici in mobilitazione permanente: «Il 29 maggio grande atto di resistenza»
Così in una nota Il Coordinamento promotore della mobilitazione nazionale
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco