Salute 22 Novembre 2019

Dal cuore ai denti, come influisce lo ‘stato di salute’ dei polmoni sul nostro organismo

Le ultime ricerche sono state presentate al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO tenutosi a Firenze

Lo stato di salute dei nostri polmoni può riflettersi su altri organi, compromettendone, se malati, le funzionalità. Patologie respiratorie che si ripercuotono sul cuore o anche il tabagismo che si riflette sulla salute della nostra bocca sono al centro degli studi presentati al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO tenutosi a Firenze.

«Ci sono molte malattie respiratorie che possono creare delle ripercussioni sul cuore» ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione, il professor Paolo Palange, Direttore della Pneumologia Università Sapienza di Roma. «Il cuore nelle fasi iniziali delle malattie riesce in qualche modo ad adattarsi e a tollerare, ma andando avanti vengono fuori i problemi. Problemi che sono principalmente legati alla dispnea, ridotta tolleranza allo sforzo. Questi aspetti hanno anche delle implicazioni per quanto riguarda gli aspetti terapeutici. Da un lato si cura la malattia polmonare, ma bisogna trovare dei giusti equilibri, perché cuore e polmone lavorano insieme».

Le patologie polmonari che hanno effetti negativi sul cuore «sono molte» spiega ancora Palange. «Alcune hanno effetti veramente catastrofici sulla funzione cardiaca, come l’ipertensione polmonare quando raggiunge livelli molto elevati, la fibrosi polmonare quando il polmone diventa particolarmente rigido, ma anche la BPCO perché comporta delle alterazioni dello stato dei gas che hanno delle ripercussioni sul circolo polmonare e in ultimo sul cuore. Bisogna tenere a mente che ad un certo punto, nella storia naturale di queste malattie ci possono essere delle conseguenze cardiovascolari di cui bisogna tenere conto».

Ad essere oggetto di studio anche la correlazione tra denti e polmoni. «E’ uno studio longitudinale che è partito in un’area piuttosto piccola, cioè da Bolzano, ma che si estenderà negli anni» spiega da Firenze lo pneumologo Antonio Triani. «Arruoliamo pazienti e fumatori nei quali verifichiamo le reazioni provocate dal fumo a livello bucale. Quindi è collaborazione tra pneumologo e odontoiatra. Il dentista fa delle riprese fotografiche e fa delle piccole scarificazioni perché il materiale viene analizzato in anatomia patologica. Noi guardiamo all’inizio la parte funzionale e documentiamo ad oggi con la radiografia del torace. Questo studio avrà una durata di circa vent’anni e pensiamo che porterà dei risultati, perché potremo vedere le relazioni dirette tra fumo e malattie polmonari».

LEGGI: I FARMACI BIOLOGICI RIVOLUZIONANO LA CURA DELL’ASMA GRAVE. MICHELETTO: «EFFICACI E BEN TOLLERATI DAI PAZIENTI»

Articoli correlati
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Diabete, European Steering Committee: «Migliorare cura dei pazienti con complicanze renali e cardiovascolari»
Presentato il Report “A New Era in Diabetes Care” dello European Steering Committee con delle specifiche “Calls to Action” che i clinici potranno attuare nella loro pratica clinica per far fronte alle sfide che il COVID-19 ha provocato anche nella cura e nell’assistenza al paziente diabetico
Covid-19, cosa fare dopo l’infezione? Le indicazioni degli pneumologi
Le prime evidenze cliniche indicano che nei mesi successivi all’infezione da SARS-CoV 2 i polmoni possono presentare alterazioni fibrotiche. Secondo alcuni studiosi, almeno il 30% dei pazienti affetti da COVID-19 potrà avere tali alterazioni. In altre parole, il passaggio del SARS-CoV2 può lasciare cicatrici importanti a livello polmonare, cicatrici che possono evolvere provocando una insufficienza […]
Covid-19, lo pneumologo: «Alcuni pazienti non guariscono del tutto»
Corsico (direttore Pneumologia San Matteo Pavia): «Molti ne escono completamente, per fortuna, ma ci può essere chi invece avrà delle alterazioni che non si risolveranno completamente. In autunno rischiamo di mettere in quarantena il milione di persone che contrae la comune influenza»
Un macchinario mantiene il cuore battente per 6 ore: trapianto salvavita per un 45enne al Niguarda
L'attività di trapianto prosegue nonostante le difficoltà nell'ospedale milanese. Il direttore del reparto di cardiochirurgia Russo: «Non è stato facile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 7 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)