Salute 2 Dicembre 2020 13:00

Cure palliative, Gobber (SICP): «La rete di assistenza ai malati terminali ha retto al potente impatto della pandemia»

Gli obiettivi del neo presidente della Società Italiana di Cure Palliative: «Attivare la scuola di specializzazione, incrementare la ricerca e dare visibilità ai giovani colleghi»

di Isabella Faggiano

Anche se lontani dall’affetto dei propri cari, i malati di Covid che non riescono a vincere la loro battaglia contro il virus, al pari di tutti gli altri pazienti, hanno il diritto di essere “accompagnati” verso la fine del loro viaggio. È attraverso le cure palliative, una terapia costituita non solo da farmaci, ma da un insieme di attenzioni studiate e personalizzate, che è possibile migliorare la qualità della vita di tutti questi malati in fase terminale.

«La pandemia ci ha messo a confronto con una realtà che nessuno aveva previsto: è aumentata la richiesta di cure palliative ed è cambiato il contesto in cui ci siamo trovati ad operare», racconta Gino Gobber, il nuovo presidente della Società Italiana Cure Palliative (SICP).

Le cure palliative 4.0

La rete delle terapie di fine vita ha dovuto riadattare il suo sistema organizzativo ed operativo, così come avvenuto per l’intera sanità pubblica. E lo ha fatto con successo. «La nostra rete ha finora retto al potente impatto che il Covid-19 ha avuto sul Sistema Sanitario Nazionale», assicura Gobber. Ovviamente, non senza sforzi.

«Se fino a pochi mesi fa – continua il presidente della SICP – si puntava ad organizzare un sistema in grado di soddisfare le esigenze di una popolazione crescente di malati anziani in fase avanzata di malattia, ora, dobbiamo concentrarci anche sui bisogni che derivano da una malattia acuta infettiva epidemica».

La riorganizzazione del Sistema

Servizi e prestazioni sono state adattate a seconda dei contesti e delle situazioni in cui ci si è trovati ad operare: «Innanzitutto – spiega Gobber -, utilizzare la tecnologia e l’organizzazione dei servizi 4.0 può contribuire a generare risposte sanitarie efficaci ed efficienti. In alcune circostanze è stato necessario sostituire le visite domiciliari con contatti telefonici per garantire la sicurezza sia dei malati, che dei sanitari. In altre situazioni abbiamo utilizzato la telemedicina, organizzato riunioni di equipe in remoto e negli hospice abbiamo chiuso o limitato l’accesso ai familiari. Ottimi risultati che – aggiunge il presidente della SICP – mostrano la validità di un sistema fondato, a livello strategico, da una rete. Questa sinergia multidisciplinare è capace di reggere anche ai peggiori periodi di difficoltà, contribuendo alla resistenza generale dell’intero Sistema sanitario nazionale».

Il neo presidente: gli obiettivi del nuovo mandato

Ma le sfide per contrastare la pandemia non sono le uniche che il presidente Gino Gobber, che di recente ha sostituito Italo Penco al vertice della SICP, si troverà ad affrontare. «Il mio sarà un mandato di continuità – dice Gobber -. Porterò avanti progetti e iniziative già avviate dal precedente direttivo. Prima fra tutte la scuola di specialità che attendiamo da anni. Dovrebbe essere attivata nell’autunno del 2021, in almeno sei sedi universitarie, per un totale di circa 50 iscritti per ogni anno accademico. Inoltre, intendiamo puntare su una ricerca multidisciplinare, non solo in ambito clinico-medico, ma anche organizzativo. Contribuiremo a dare visibilità a tutti i colleghi giovani e grazie ad un censimento dei professionisti attualmente impegnati nelle reti di cure palliative faremo emergere eventuali carenze di organico. Colmarle – conclude – significherà garantire sicurezza lavorativa agli operatori e servizi sempre più efficienti ai pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cure Palliative. “Ciò che non uccide fortifica”, Gobber (SICP): «Traguardi e obiettivi a 20 mesi dall’esplosione della pandemia»
Entro la fine del 2021, il Ministero della Salute ed Agenas dovranno verificare lo stato di attuazione della Legge 38/10 e elaborare un programma per una diffusione delle cure palliative omogenea su tutto il territorio nazionale. L’intervista
di Isabella Faggiano
Terapisti occupazionali delle cure palliative. Quaranta: «Aiutiamo i malati terminali a restare protagonisti attivi della propria vita»
La professionista sanitaria: «Sarà una specializzazione sempre più richiesta dopo l’approvazione della legge che vincola tutte le Regioni ad attuare le reti assistenziale di cure palliative»
di Isabella Faggiano
Cure palliative, AISLA Firenze: «Un diritto del malato grave»
Il racconto di un malato grave di SLA che ha scelto le Cure Palliative è disponibile al sito di AISLA Firenze 
Cure palliative pediatriche, in Italia trattato solo il 5% dei bambini con malattie incurabili
Elena Castelli (Fondazione Maruzza): «Se non possiamo guarire un bimbo dalla sua malattia, allora abbiamo il dovere di “curare” i sintomi che gli impediscono di vivere serenamente i suoi giorni»
di Isabella Faggiano
Cure palliative e cannabis terapeutica, a che punto siamo?
Intervista a Walter Tirelli, antalgologo palliativista, responsabile dell'Ambulatorio Terapia del Dolore dell'Hospice Fondazione Sanità e Ricerca di Roma
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?