Salute 2 Dicembre 2020 11:06

Cure ospedaliere domiciliari, a Milano arriva il Virtual Hospital per seguire i pazienti da remoto

L’ideatore del progetto, il Preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Statale, Gian Vincenzo Zuccotti, spiega: «Piattaforma per ospedali e medici di base per garantire visite specialistiche a tutti i pazienti da remoto. Modalità semplice, due sms e una tele visita. Al termine il referto viene inserito nel fascicolo sanitario elettronico»

di Federica Bosco

Dall’esperienza positiva del Centro Operativo Dimessi (Cod 19), la piattaforma telematica realizzata dall’Università Statale di Milano nella fase emergenziale di marzo per seguire a domicilio i pazienti Covid dopo il ricovero ospedaliero, è nato il progetto Virtual Hospital (Cod 20), dedicato alle cure ospedaliere domiciliari. Un sistema per erogare visite specialistiche in modalità telematica garantendo il contatto con il medico di medicina generale e l’aggiornamento del fascicolo elettronico del paziente. Ideatore e coordinatore del programma è il professor Gian Vincenzo Zuccotti, Prorettore dell’Università Statale di Milano e Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia.

Diecimila pazienti gestiti dal Cod 19 (centro operativi dimessi)

«Tutto è nato nei primi giorni di marzo quando gli ospedali, presi d’assalto, si sono subito saturati ed è venuto meno il ruolo svolto dal territorio. Ho pensato perciò, come Preside della facoltà di Medicina, che bisognava fare qualcosa subito impiegando gli specializzandi, quindi mi è venuta l’idea di istituire il Cod 19, centro operativo dimessi. Una piattaforma realizzata con una piccola impresa milanese che mi ha seguito ed ha reso possibile la mia idea per aiutare le strutture ospedaliere in difficoltà, consentendo a pronto soccorso e reparti di degenza di dimettere i pazienti con una certa tranquillità e sicurezza». Oltre 100 specializzandi hanno monitorato nella prima ondata di Covid i pazienti a domicilio due volte al giorno, li accompagnavano nel percorso di guarigione. Veniva organizzato il tampone quando necessario, prenotate visite con specialisti quando sorgevano delle complicanze, o con i servizi sociali per altri bisogni. In questo modo sono state gestite da marzo ad oggi 63.359 chiamate, di cui 23.358 solo nella seconda ondata e 10.000 pazienti. Cod 19 oggi è attivo in diversi ospedali, Fatebenefratelli, Sacco, Buzzi, Niguarda, Policlinico e Santi Paolo e Carlo, ma permette di gestire anche la maggior parte delle persone malate di Covid a domicilio, segnalate da ATS, nella città di Milano «un risultato positivo che, in alcuni casi, ha permesso di intercettare casi di embolia polmonare o altre complicazioni gravi – ammette Zuccotti –. Tutto questo si può fare senza app da scaricare, senza una particolare conoscenza del sistema informatico che non doveva essere ieri e neppure oggi un limite per chi di fatto rappresenta la categoria che necessita di maggiore assistenza».

Virtual Hospital evoluzione del Cod 19 per chi necessita di visite specialistiche ai tempi del Covid

L’ospedale virtuale rappresenta quindi una evoluzione della prima esperienza di telemedicina riservata ai pazienti dimessi, andando ad intercettare tutti coloro che necessitano di visite specialistiche e che nella prima fase della pandemia erano stati dimenticati per dare priorità ai malati Covid. Con il Cod 20, infatti, il medico di medicina generale è in grado, con il programma di cure ospedaliere domiciliari, di prenotare una visita specialistica al paziente. «La modalità è semplice – spiega il Preside della facoltà di medicina della Statale – : nel momento in cui il medico di base attraverso la piattaforma prenota una visita specialistica ad un suo paziente, si attivano due sms, uno indirizzato al paziente e l’altro allo specialista per avvisarlo della visita. A quel punto lo specialista clicca sul nome del paziente che riceve un alert e si collega al link della videochiamata ed ha inizio la visita virtuale. Al termine della quale il referto viene inviato al medico di medicina generale e rendicontato nel fascicolo sanitario elettronico».

La medicina chiama la politica: «Indietro non si torna»

La novità, già sperimentata all’ospedale Fatebenefratelli Sacco, Buzzi e Valtellina attende ora il beneplacito di Regione Lombardia per essere adottato dagli altri ospedali lombardi e dai medici di medicina generale. «Sarebbe importante un input da parte delle istituzioni per indirizzare gli operatori sanitari nel fare certe scelte – rimarca a più riprese Zuccotti – perché questa vuole essere una piattaforma che viene messa a disposizione dalla Università Statale di Milano per aiutare i cittadini che stanno male ad essere assistiti al meglio ed è garanzia di innovazione e futuro. Indietro non si torna – ribadisce il Prorettore –, anzi il futuro va nella direzione di Cod 20, ovvero avere cure ospedaliere sul territorio, gli specialisti devono andare a casa del paziente. Se vogliamo rilanciare la medicina territoriale questo deve essere lo strumento. La conferma arriva dagli Stati Uniti dove, proprio oggi, è stato inaugurato il primo ospedale tutto virtuale, a Chesterfield, dove hanno realizzato una struttura a quattro piani senza un letto in cui lavorano 330 medici e infermieri che gestiscono, da remoto, 2.400 pazienti. La nostra piattaforma che può essere adottata da tutte le strutture ospedaliere e dai medici di medicina generale può essere integrata al sistema sanitario regionale, il referto può essere inviato nel fascicolo sanitario elettronico, al medico di medicina generale con due opzioni: portando direttamente lo specialista a casa del paziente, o, in alternativa, negli studi dei medici di base, creando la visita specialistica mentre il paziente è nel suo ambulatorio e insieme possono svolgere questa attività». Realizzato il progetto e sperimentato in ambienti ospedalieri di primo piano, come Fatebenefratelli e Buzzi,  per il professor Zuccotti la palla passa ora alle istituzioni: «La politica deve fare la sua parte, con coraggio, visto quanto è accaduto possiamo dire che non stiamo facendo un buon lavoro, occorre azzerare tutto e dare ai medici di medicina generale la possibilità di accedere alla piattaforma, loro sono i primi a rendersi conto delle urgenze dei pazienti, li inseriscono nell’ospedale virtuale con codici di priorità, lo specialista a quel punto farà la prima visita virtuale e poi se effettivamente sarà necessario un intervento in presenza, lo concorderanno insieme. Questo permetterebbe di non lasciare indietro nessuno».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»
Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Medicina territoriale nell’epoca post-Covid, Magi (SUMAI) in Senato: «Ecco come potenziarla e riqualificarla»
Il Segretario Generale di SUMAI Assoprof, Antonio Magi, è stato accolto questa mattina in Senato dove ha parlato del potenziamento e della riqualificazione della medicina territoriale nell’epoca post-Covid
Cos’è la farmacovigilanza? Cosa si intende per “evento avverso”? AIFA risponde ai principali dubbi sui vaccini
L’Agenzia Italiana del Farmaco chiarisce dubbi e incertezze sul tema attraverso una serie di FAQ pubblicate sul suo portale
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...