Salute 7 Giugno 2018

Crociera, le regole per una vacanza in salute. Ecco chi può imbarcarsi e chi no

«È consigliato ad ogni passeggero di mettere in valigia un kit personale di farmaci. In crociera a rischio donne nelle ultime settimane di gravidanza e  persone con patologie soggette a peggioramenti improvvisi». L’intervista al medico di Bordo Abilitato Mauro Salducci

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Vacanza sulla terra ferma o a bordo di una nave da crociera? Prima di programmare il prossimo viaggio sarà meglio ascoltare i consigli dell’esperto e controllare il proprio stato di salute.  Il professore Mauro Salducci, aggregato di Malattie dell’Apparato Visivo, medico di Bordo Abilitato e direttore del master in Oftalmologia Medico Legale della Sapienza di Roma, ci spiega chi può imbarcarsi e chi no.

Professore, ci sono delle patologie per le quali non è consigliabile scegliere una vacanza a bordo di una nave da crociera?

«È sconsigliato a tutti coloro che soffrono di patologie che possono peggiorare improvvisamente. Un paziente che normalmente presenta una sintomatologia instabile, dovrebbe evitare di imbarcarsi. Anche una donna incinta è meglio che non si imbarchi nelle ultime settimane di gravidanza: rischierebbe di partorire a bordo e delle eventuali complicanze potrebbero essere difficili da gestire».

Quale preparazione ha un medico di bordo?

«È normalmente un tuttologo, come se fosse un medico di famiglia con delle esperienze in pratiche di urgenza. Ma questo non significa essere preparati ad affrontare qualsiasi emergenza. Faccio un esempio: io ho una specializzazione in oftalmologia, per cui sono in grado di gestire la chirurgia oculare. Ma per un medico non oculista potrebbe essere problematico trattare una ferita corneale, per di più con i mezzi ridotti che si hanno a disposizione a bordo di una nave».

Quali farmaci bisogna mettere in valigia prima di imbarcarsi?

«Esiste una farmacia di  bordo, anche abbastanza fornita, ma certamente non contiene tutti quelli che possono essere eventualmente necessari ad ogni singolo paziente. Per questo, nelle regole di bordo destinate ai passeggeri è esplicitamente consigliato che ogni persona porti con sé i farmaci di cui potrebbe avere bisogno. Ecco cosa non dovrebbe mai mancare nel proprio kit personale: chi soffre di patologie croniche dovrà innanzitutto portare con sé tutti i farmaci che normalmente utilizza per il trattamento della sua malattia. Poi, più in generale, è consigliabile a chiunque di mettere in valigia antibiotici, antipiretici, antidolorifici, una pomata antibiotico-cortisonica per eventuali lesioni cutanee.  Pur avendo una personale scorta di medicinali è bene che i passeggeri, in caso di necessità, consultino comunque il medico di bordo: con l’automedicazione ci sono più danni che vantaggi».

La crociera è una vacanza adatta anche ai più piccoli?

«Se sono in buona salute non ci sono restrizioni. Ai genitori ricordo che a bordo è molto sentita la componente igienica: ci sono delle figure professionali, deputate proprio al controllo dell’igiene, per evitare che insorgano infezioni tra equipaggio e passeggeri. I bambini devono essere ben sorvegliati per evitare che si facciano male, sono soggetti più degli adulti a dei traumi. E sarebbe bene che questi vengano evitati, soprattutto a bordo di una nave da crociera».

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Milano, il SiMPeF presenta l’evento “Adolescenza quella terra di nessuno”
L’adolescenza rappresenta il passaggio dallo stato infantile a quello adulto. È una fase caratterizzata dal cambiamento e, come ogni periodo di transizione, rappresenta un periodo critico nella vita di ogni individuo, in cui ansia e senso di inadeguatezza sono all’ordine del giorno. Per questo, il SiMPeF (Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) ha organizzato l’evento “Adolescenza […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone