Salute 7 Giugno 2018 10:01

Crociera, le regole per una vacanza in salute. Ecco chi può imbarcarsi e chi no

«È consigliato ad ogni passeggero di mettere in valigia un kit personale di farmaci. In crociera a rischio donne nelle ultime settimane di gravidanza e  persone con patologie soggette a peggioramenti improvvisi». L’intervista al medico di Bordo Abilitato Mauro Salducci

di Isabella Faggiano
Crociera, le regole per una vacanza in salute. Ecco chi può imbarcarsi e chi no

Vacanza sulla terra ferma o a bordo di una nave da crociera? Prima di programmare il prossimo viaggio sarà meglio ascoltare i consigli dell’esperto e controllare il proprio stato di salute.  Il professore Mauro Salducci, aggregato di Malattie dell’Apparato Visivo, medico di Bordo Abilitato e direttore del master in Oftalmologia Medico Legale della Sapienza di Roma, ci spiega chi può imbarcarsi e chi no.

Professore, ci sono delle patologie per le quali non è consigliabile scegliere una vacanza a bordo di una nave da crociera?

«È sconsigliato a tutti coloro che soffrono di patologie che possono peggiorare improvvisamente. Un paziente che normalmente presenta una sintomatologia instabile, dovrebbe evitare di imbarcarsi. Anche una donna incinta è meglio che non si imbarchi nelle ultime settimane di gravidanza: rischierebbe di partorire a bordo e delle eventuali complicanze potrebbero essere difficili da gestire».

Quale preparazione ha un medico di bordo?

«È normalmente un tuttologo, come se fosse un medico di famiglia con delle esperienze in pratiche di urgenza. Ma questo non significa essere preparati ad affrontare qualsiasi emergenza. Faccio un esempio: io ho una specializzazione in oftalmologia, per cui sono in grado di gestire la chirurgia oculare. Ma per un medico non oculista potrebbe essere problematico trattare una ferita corneale, per di più con i mezzi ridotti che si hanno a disposizione a bordo di una nave».

Quali farmaci bisogna mettere in valigia prima di imbarcarsi?

«Esiste una farmacia di  bordo, anche abbastanza fornita, ma certamente non contiene tutti quelli che possono essere eventualmente necessari ad ogni singolo paziente. Per questo, nelle regole di bordo destinate ai passeggeri è esplicitamente consigliato che ogni persona porti con sé i farmaci di cui potrebbe avere bisogno. Ecco cosa non dovrebbe mai mancare nel proprio kit personale: chi soffre di patologie croniche dovrà innanzitutto portare con sé tutti i farmaci che normalmente utilizza per il trattamento della sua malattia. Poi, più in generale, è consigliabile a chiunque di mettere in valigia antibiotici, antipiretici, antidolorifici, una pomata antibiotico-cortisonica per eventuali lesioni cutanee.  Pur avendo una personale scorta di medicinali è bene che i passeggeri, in caso di necessità, consultino comunque il medico di bordo: con l’automedicazione ci sono più danni che vantaggi».

La crociera è una vacanza adatta anche ai più piccoli?

«Se sono in buona salute non ci sono restrizioni. Ai genitori ricordo che a bordo è molto sentita la componente igienica: ci sono delle figure professionali, deputate proprio al controllo dell’igiene, per evitare che insorgano infezioni tra equipaggio e passeggeri. I bambini devono essere ben sorvegliati per evitare che si facciano male, sono soggetti più degli adulti a dei traumi. E sarebbe bene che questi vengano evitati, soprattutto a bordo di una nave da crociera».

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...