Salute 5 Marzo 2024 12:46

Covid: uomo fa 217 dosi di vaccino senza effetti collaterali

Un uomo ha ricevuto ben 217 dosi di vaccino anti-Covid senza aver riportato alcun effetto collaterale. Lo ha appurato un gruppo di ricercatori della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) e dell’Universitätsklinikum Erlangen in uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases

Covid: uomo fa 217 dosi di vaccino senza effetti collaterali

Un uomo ha ricevuto ben 217 dosi di vaccino anti-Covid senza aver riportato alcun effetto collaterale. Lo ha appurato un gruppo di ricercatori della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) e dell’Universitätsklinikum Erlangen in uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases. Gli scienziati hanno appreso del bizzarro caso da articoli di giornale e prima dello studio non erano chiari gli effetti dell’ipervaccinazione sul sistema immunitario. Alcuni hanno ipotizzato che le cellule immunitarie sarebbero diventate meno efficaci una volta abituate agli antigeni. Ma non è stato così nell’uomo “ipervaccinato”: il suo sistema immunitario è perfettamente funzionante.

Cellule immunitarie e anticorpi elevati nell’uomo “ipervaccinato” contro Covid

I ricercatori hanno scoperto che alcune cellule immunitarie e anticorpi contro la Sars-CoV-2 ritrovati nel soggetto studiato erano addirittura presenti in concentrazioni notevolmente più elevate rispetto a quelle delle persone che hanno ricevuto solo tre vaccinazioni. “Abbiamo appreso del suo caso tramite articoli di giornale”, spiega Privatdozent Dr. Kilian Schober dell’Istituto di microbiologia – Microbiologia clinica, immunologia e igiene. “Lo abbiamo quindi contattato e invitato a sottoporsi a vari test a Erlangen. Era molto interessato a farlo”, aggiunge. Schober e i suoi colleghi volevano sapere quali conseguenze avrebbe portato questa ipervaccinazione contro Covid-19.

Le cellule immunitarie possono affaticarsi se esposte ripetutamente allo stesso agente patogeno

Di norma le vaccinazioni contengono parti dell’agente patogeno o un tipo di “piano di costruzione” che le cellule della persona vaccinata può utilizzare per produrre questi componenti patogeni. Grazie a questi antigeni il sistema immunitario impara a riconoscere il vero patogeno in caso di infezione successiva. Può quindi reagire più rapidamente e con forza. Ma cosa succede se il sistema immunitario del corpo è esposto molto spesso a un antigene specifico? “Questo potrebbe essere il caso di un’infezione cronica come l’HIV o l’epatite B, che presenta riacutizzazioni regolari”, spiega Schober. “Vi è indicazione che alcuni tipi di cellule immunitarie, note come cellule T, si affaticano, portandole a rilasciare meno sostanze messaggere pro-infiammatorie”, aggiunge. Questo e altri effetti innescati dall’abitudine delle cellule agli antigeni possono indebolire il sistema immunitario. Il sistema immunitario non è quindi più in grado di combattere l’agente patogeno in modo così efficace. Il nuovo studio, al quale hanno partecipato anche ricercatori di Monaco e Vienna, non fornisce tuttavia alcuna indicazione in tal senso.

Rilevato un gran numero di cellule T-effettrici con il virus del Covid

“L’individuo è stato sottoposto a diversi esami del sangue negli ultimi anni”, spiega Schober. “Ci ha dato il permesso di valutare i risultati di queste analisi. In alcuni casi, i campioni erano stati congelati e abbiamo potuto esaminarli noi stessi. Abbiamo anche potuto prelevare noi stessi campioni di sangue – continua – quando l’uomo ha ricevuto un’ulteriore vaccinazione durante lo studio su sua stessa insistenza. Siamo stati in grado di utilizzare questi campioni per determinare esattamente come il sistema immunitario reagisce alla vaccinazione”. I risultati hanno mostrato che l’individuo ha un gran numero di cellule T-effettrici contro Sars-CoV-2. Questi agiscono come i soldati del corpo che combattono contro il virus. La persona sottoposta al test ne aveva addirittura di più rispetto al gruppo di controllo di persone che avevano ricevuto tre vaccinazioni.

Nessuna indicazione di una risposta immunitaria più debole

I ricercatori non hanno notato alcun affaticamento in queste cellule effettrici, poiché erano altrettanto efficaci di quelle del gruppo di controllo che aveva ricevuto il numero normale di vaccinazioni. Le cellule T della memoria sono un altro aspetto esplorato dai ricercatori. Queste sono le cellule coinvolte in una fase preliminare, prima delle cellule effettrici. Similmente alle staminali, queste cellule possono ricostituire un numero di cellule effettrici adatte. “Il numero di cellule di memoria nel nostro caso di prova era altrettanto elevato che nel gruppo di controllo”, spiega Katharina Kocher, una delle principali autrici dello studio. “Nel complesso, non abbiamo trovato alcuna indicazione di una risposta immunitaria più debole, anzi il contrario”, aggiunge. Inoltre, anche la 217esima vaccinazione che l’uomo ha ricevuto durante lo studio ha avuto comunque effetto: di conseguenza il numero di anticorpi contro il Sars-CoV-2 è aumentato notevolmente.

Il sistema immunitario rimane attivo contro altri agenti patogeni

Ulteriori test hanno indicato che non vi è stato alcun cambiamento nell’efficacia del sistema immunitario contro altri agenti patogeni. Sembra quindi che l’ipervaccinazione non abbia danneggiato il sistema immunitario in quanto tale. “Il nostro caso di prova è stato vaccinato con un totale di otto diversi vaccini, inclusi diversi vaccini mRNA disponibili”, afferma Kilian Schober. “L’osservazione che nonostante questa straordinaria ipervaccinazione non si sono verificati effetti collaterali evidenti indica che i farmaci hanno un buon grado di tollerabilità”, aggiunge. Tuttavia, questo è un caso individuale. I risultati non sono sufficienti per trarre conclusioni di vasta portata e ancor meno raccomandazioni per il grande pubblico. “La ricerca attuale indica che una vaccinazione a tre dosi, abbinata a regolari vaccini aggiuntivi per i gruppi vulnerabili, rimane l’approccio preferito. Non vi è alcuna indicazione che siano necessari più vaccini”, concludono i ricercatori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...