Salute 6 Marzo 2024 14:02

Covid, un Manifesto per affrontare la “Nuova Normalità”

Finita l’emergenza sanitaria, è giunto il momento di ricalibrare l’informazione sul Covid, con l’obiettivo principale di continuare a proteggere la popolazione e in particolare i più fragili. Una nutrita “Coalition” di Società scientifiche, Associazioni professionali e Associazioni di Pazienti ha redatto il Manifesto Insieme per la Nuova Normalità, individuando otto punti fondamentali sui quali implementare attività future di contrasto al Covid. Il Manifesto è l’atto conclusivo della campagna “Affrontiamo insieme la Nuova Normalità”

Covid, un Manifesto per affrontare la “Nuova Normalità”

Evoluzione del Covid dopo la fine dell’emergenza sanitaria a malattia endemica. Modesta adesione della popolazione alla campagna vaccinale. Esigenza di continuare a proteggere le persone più fragili, che restano esposte alle complicanze e alle conseguenze di lungo termine dell’infezione.

È questo lo scenario sul cui sfondo si sono confrontati a Roma rappresentanti delle Società scientifiche, Associazioni professionali e Associazioni Pazienti riunite nella Coalition che ha sostenuto la campagna “Affrontiamo insieme la Nuova Normalità”, supportata da Pfizer con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di non abbassare la guardia sul Covid e di normalizzare la convivenza con il virus, attraverso la prevenzione e la sorveglianza epidemiologica.

Punto di arrivo della campagna – che nei mesi scorsi si è concretizzata in annunci pubblicati sulle più importanti testate nazionali e in uno spot televisivo interpretato da Michele Placido – è il Manifesto Insieme per la Nuova Normalità, sottoscritto da tutti i componenti della Coalition, dove vengono suggeriti otto punti chiave per affrontare la fase post-emergenza: dall’attenzione verso le persone più fragili, all’equità nell’accesso alle cure e alla prevenzione, al supporto alla ricerca e ai professionisti sanitari, fino alla lotta contro la disinformazione.

La “Nuova Normalità”

Ma cosa è esattamente la “Nuova Normalità” di cui parla la campagna? È la fase attuale, caratterizzata dalla presenza del virus SARS-CoV-2, che, grazie alla prevenzione, ha perso parte della sua capacità di causare una malattia grave, ma che continua a circolare e a far parte delle nostre vite.

A modificare le caratteristiche del Covid, secondo gli specialisti, hanno contribuito la vaccinazione su larga scala, le terapie con anticorpi e antivirali e l’immunizzazione acquisita da larghe quote di popolazione guarita.

Eppure, anche in questa nuova fase, nei soli mesi ottobre 2023 – gennaio 2024 si sono registrati oltre 600.000 nuovi casi di COVID-19, 84.000 ricoveri e oltre 4.000 decessi. Numeri lontani da quelli del periodo 2020-21, ma che comportano ritardi nei percorsi di cura dei pazienti con altre patologie e un carico rilevante per le famiglie e le strutture sanitarie.

Rimodulare la comunicazione sul Covid

Diversi i fattori che medici, farmacisti e rappresentanti dei pazienti hanno evidenziato per spiegare la scarsa risposta all’offerta vaccinale. Quale può essere la chiave per gestire la convivenza con il Covid e valorizzare la vaccinazione e gli strumenti di contenimento del virus, convalidati anche dal Piano pandemico appena presentato?

L’esigenza primaria è quella di rimodulare la comunicazione sul Covid e di considerarla come una patologia infettiva che ha dei picchi stagionali, come accade per l’influenza, e che nelle fasi di picco va contrastata con le risorse di prevenzione e trattamento.

In secondo luogo, la Coalition raccomanda che la prossima campagna di comunicazione vaccinale per il Covid sia mirata alla popolazione anziana e fragile accendendo i riflettori sui benefici specifici della vaccinazione, dalla riduzione dei giorni di malattia fino alla prevenzione del ricovero e delle complicanze. Un ruolo importante, in questo senso, è rivestito dal medico di famiglia per identificare tra i propri pazienti gli appartenenti ai gruppi a rischio, favorendone l’accesso alla vaccinazione, auspicabilmente con il meccanismo della “chiamata attiva”.

Attività di formazione/informazione rivolte a medici, farmacisti e infermieri potranno inoltre garantire un approccio condiviso tra tutti i professionisti sanitari per trasmettere messaggi chiari e univoci volti a favorire l’adozione delle misure di prevenzione per la protezione delle persone più fragili.

Infine, la Coalition è disponibile ad attivarsi per un maggiore coordinamento tra categorie professionali, Società scientifiche, istituzioni di tutte le aree geografiche, al fine di promuovere l’approvvigionamento, l’organizzazione e la comunicazione sulle vaccinazioni.

Gli otto punti chiave del Manifesto Insieme per la nuova Normalità

  1. Difendiamo il ritorno a una vita normale
  2. Proteggiamo le persone più fragili
  3. Manteniamo alta la guardia contro il Covid
  4. Promuoviamo il valore della ricerca e dell’innovazione
  5. Assicuriamo equità nell’accesso alle cure e alla prevenzione
  6. Supportiamo il Servizio Sanitario Nazionale
  7. Sosteniamo tutti i professionisti sanitari
  8. Contrastiamo la disinformazione

La campagna di sensibilizzazione “Affrontiamo insieme la Nuova Normalità”. I protagonisti

La campagna di sensibilizzazione “Affrontiamo insieme la Nuova Normalità” è realizzata con il patrocinio di una larga alleanza di soggetti tra Società medico-scientifiche, Organizzazioni di pazienti e Associazioni di settore: AIPO – Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri; FederANISAP; Federfarma; FIMMG – Federazione Italiana Medici di Famiglia; FOFI – Federazione Ordini Farmacisti Italiani; SIGG – Società Italiana di Gerontologia e Geriatria; SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle cure primarie; SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali; SITA – Società Italiana di Terapia Antinfettiva; SItI – Società Italiana di Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica; AIL – Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma; AMICI Italia; Amici Obesi; ANMAR – Associazione Nazionale Malati Reumatici; APMARR – Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare APS ETS; Associazione Pazienti BPCO e altre patologie respiratorie; Cittadinanzattiva; Europa Donna Italia; Europa Uomo; FAND – Associazione Italiana Diabetici; FederCentri APS ETS; NADIR ETS.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...