Salute 24 Gennaio 2022 13:21

Pene più corto per Covid? L’esperto: «Trombi nei genitali ostacolano afflusso di sangue»

L’infezione Covid-19 potrebbe rimpicciolire il pene, oltre a creare una serie di disturbi che possono compromettere la vita sessuale. Tra le ipotesi l’insorgenza di piccoli coaguli di sangue nelle vene

Pene più corto per Covid? L’esperto: «Trombi nei genitali ostacolano afflusso di sangue»

La lista degli effetti collaterali dell’infezione Covid-19 diventa sempre più lunga, così come diventa più lunga la lista dei motivi per cui sarebbe meglio vaccinarsi. Il virus Sars-CoV-2, infatti, sembra non risparmiare proprio nulla: polmoni, occhi, cuore, cervello, intestino, pelle…e anche il pene. Ci sono infatti evidenze, perlopiù aneddotiche, che mostrano un effetto inaspettato dell’infezione Covid-19 sui genitali maschili: un rimpicciolimento del pene.

È successo così a un trentenne americano, che in un podcast ha rivelato di avere un pene più piccolo dopo esser risultato positivo la scorsa estate. «Il mio pene si è rimpicciolito, ho perso circa tre centimetri e mezzo e sono diventato decisamente meno dotato della media», riferisce. «È successo tutto – continua – quando sono uscito dall’ospedale. La situazione è gradualmente migliorata con alcune cure mediche, ma sembrava che avessi un disturbo persistente che ha impattato profondamente sulla mia autostima e sulla sfera sessuale».

Rocco Damiano della SIU: «Possibili trombi nelle vene che ostacolano il normale afflusso di sangue»

Non sembra un caso isolato e gli specialisti hanno già fatto qualche ipotesi. «Sappiamo che l’infezione Covid-19 può creare anche problemi vascolari che possono essere all’origine di disturbi quali il priapismo, un’erezione prolungata e dolorosa, oppure la disfunzione erettile, che può compromettere la funzione sessuale», spiega Rocco Damiano, professore ordinario di Urologia presso l’Università Magna Graecia Catanzaro e responsabile Risorse e Comunicazione della Società Italiana Urologia (SIU). Tra gli effetti inaspettati, quindi, ci sarebbe anche un rimpicciolimento del pene. «L’infezione può causare dei trombi che possono colpire anche il pene: si possono cioè creare coaguli di sangue all’interno di una delle vene del pene che ostacolano l’afflusso del sangue e, di conseguenza, il pene può risultare più piccolo», aggiunge.

Scoperte tracce del virus all’interno del pene di alcuni pazienti

Che Covid-19 può possa minare gravemente la vita sessuale di un uomo è un’ipotesi in ballo da diverso tempo. Tra i primi a documentarlo è stato un gruppo di scienziati dell’Università di Miami che ha analizzato il tessuto del pene di due pazienti Covid guariti, uno di 65 anni e l’altro di 71 anni d’età, affetti da disfunzione erettile. I ricercatori hanno trovato tracce del virus nel pene dei due uomini anche più di sei mesi dopo che i pazienti si erano ammalati. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati sulla rivista World Journal of Men’s Health.
Uno dei pazienti coinvolti nello studio ha avuto una forma di Covid-19 grave, tanto che è stato ricoverato in ospedale. L’altro, invece, ha avuto una forma lieve della malattia. Nonostante questa diversità, entrambi hanno sviluppato una disfunzione erettile. Questo, secondo i ricercatori, suggerisce che chiunque si infetti può subire dure conseguenze sulla propria vita sessuale.

Covid-19 potrebbe causare disfunzione erettile

Sappiamo che il virus può danneggiare i vasi sanguigni e gli organi interni, ma questa ricerca conclude che può anche bloccare il flusso di sangue ai genitali, rendendo difficile mantenere una vita sessuale attiva. In particolare, il virus potrebbe innescare gonfiore e disfunzione nei rivestimenti dei vasi sanguigni che attraversano il corpo e arrivano nel pene. «Abbiamo scoperto che gli uomini che in precedenza non avevano problemi di disfunzione erettile hanno sviluppato una disfunzione erettile piuttosto grave dopo l’inizio dell’infezione da Covid», dice Ranjith Ramasamy, che ha condotto il piccolo studio. «Questo suggerisce che gli uomini che sviluppano un’infezione da Covid dovrebbero essere consapevoli che la disfunzione erettile potrebbe essere un effetto avverso del virus», aggiunge, invitando i pazienti con questo problema a rivolgersi al medico. Tuttavia, lo studio è troppo piccolo per dimostrare un legame definitivo tra Covid e la disfunzione erettile perché include solo due uomini. Inoltre, non è chiaro se il virus penetri nel pene ogni volta che qualcuno viene contagiato. Non sappiamo neanche se il problema è causato dalla presenza di Sars-CoV-2 nel pene o se è un effetto collaterale di danni in altre parti del corpo. Quello che sappiamo è che entrambi gli uomini coinvolti nello studio avevano superato la mezza età e uno aveva la pressione alta e malattie cardiache, che aumentano il rischio di problemi di erezione. Ma nessuno dei due aveva la disfunzione erettile prima dell’infezione Covid-19.

Dagli esperti un invito per approfondire gli effetti dell’infezione sui genitali

Per andare più a fondo i ricercatori hanno confrontato i campioni di tessuto dei due uomini con quelli di persone con disfunzione erettile che non erano stati contagiati. Ebbene, i livelli di un enzima coinvolto nell‘attivazione dell’erezione (eNOS) erano inferiori nei pazienti Covid. I pazienti Covid avevano anche un’evidenza di disfunzione nel rivestimento dei vasi sanguigni – chiamata disfunzione endoteliale – mentre gli uomini non infetti no. «Questi ultimi risultati sono un motivo in più per cui dovremmo fare del nostro meglio per evitare Covid», dice Eliyahu Kresch, altro ricercatore dello studio. «Raccomandiamo la vaccinazione e in generale cerchiamo di stare al sicuro», aggiunge.

Dei possibili legami con la disfunzione erettile se ne parla anche nel corso professionale ECM di Sanità In-Formazione per Consulcesi Club intitolato «La disfunzione erettile: patologia, diagnosi, clinica e terapia», tenuto da Vincenzo Toscano, professore ordinario di Endocrinologia presso l’Università Sapienza di Roma e membro dell’Associazione Medici Endocrinologi. Ma in generale i medici chiedono studi più ampi e approfonditi. O almeno è quello che auspica Salvatore Sansalone, responsabile del Centro di Fertilità Maschile della clinica Sanatrix di Roma e specialista in Urologia e Andrologia. «È fondamentale cercare di comprendere se e quali danni l’infezione Covid-19 può provocare sia sulla sfera sessuale che sulla fertilità», dice. «È da valutare se Covid abbia potuto danneggiare la vascolarizzazione del pene o se c’è una correlazione con condizioni preesistenti», spiega l’esperto. «Ma questa è la strada. Covid-19 – continua – colpisce tantissimi organi e purtroppo non sappiamo bene se i postumi dell’infezione possano comportare disturbi anche della sfera sessuale e della fertilità per mesi o anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Fonte: sesso, pene, covid, erettile
Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali