Salute 5 Novembre 2020 14:46

Covid-19, Rezza: «Essere in zona gialla non vuol dire che non c’è pericolo»

«Una regione che si trova in fascia rossa o arancione ci resterà per almeno due settimane. Poi è possibile una de-escalation»

Covid-19, Rezza: «Essere in zona gialla non vuol dire che non c’è pericolo»

«Una regione che si trova in fascia rossa o arancione ci resterà per almeno due settimane. Poi è possibile una de-escalation». Lo ha spiegato Giovanni Rezza, direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute, in una conferenza stampa sulla situazione dell’epidemia in Italia. Se nella prossima Cabina di regia ci fossero situazioni diverse, altre Regioni potrebbero diventare rosse oltre a quelle appena annunciate. Inoltre, secondo Rezza, c’è la possibilità «di fare zone rosse anche in una regione che non è rossa» e viceversa. È ovvero possibile allentare le misure in particolari territori.

REZZA: «DECISIONI DURE MA NECESSARIE PER SALVARE VITE ED ECONOMIA»

Essere in zona gialla «non vuol dire che non c’è pericolo. Il virus sta circolando molto. Cercare di anticipare il problema guardando il trend, serve a prendere prima quelle misure un po’ più dure che poi ci permetteranno di allentare».

Queste misure più dure «consentono di salvare vite, ma anche di salvare l’economia, perché misure più dure oggi ci consentiranno di allentare e farci vivere meglio domani. Lo abbiamo visto anche questa estate», ha aggiunto Rezza, sottolineando che forse in quella fase la circolazione e le attività sono ripartite troppo.

REZZA: «CAMPANIA GIALLA? MOLTI CASI, MA TRASMISSIONE SI E’ STABILIZZATA»

La Campania «ha molti casi, ma ha un Rt molto più basso ad esempio di Lombardia o Calabria. Perché evidentemente la trasmissione è molto aumentata nelle scorse settimane, ma adesso in qualche modo si è stabilizzata. Per cui c’è un Rt non particolarmente alto», ha sottolineato.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali