Salute 5 Novembre 2020 14:46

Covid-19, Rezza: «Essere in zona gialla non vuol dire che non c’è pericolo»

«Una regione che si trova in fascia rossa o arancione ci resterà per almeno due settimane. Poi è possibile una de-escalation»

Covid-19, Rezza: «Essere in zona gialla non vuol dire che non c’è pericolo»

«Una regione che si trova in fascia rossa o arancione ci resterà per almeno due settimane. Poi è possibile una de-escalation». Lo ha spiegato Giovanni Rezza, direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute, in una conferenza stampa sulla situazione dell’epidemia in Italia. Se nella prossima Cabina di regia ci fossero situazioni diverse, altre Regioni potrebbero diventare rosse oltre a quelle appena annunciate. Inoltre, secondo Rezza, c’è la possibilità «di fare zone rosse anche in una regione che non è rossa» e viceversa. È ovvero possibile allentare le misure in particolari territori.

REZZA: «DECISIONI DURE MA NECESSARIE PER SALVARE VITE ED ECONOMIA»

Essere in zona gialla «non vuol dire che non c’è pericolo. Il virus sta circolando molto. Cercare di anticipare il problema guardando il trend, serve a prendere prima quelle misure un po’ più dure che poi ci permetteranno di allentare».

Queste misure più dure «consentono di salvare vite, ma anche di salvare l’economia, perché misure più dure oggi ci consentiranno di allentare e farci vivere meglio domani. Lo abbiamo visto anche questa estate», ha aggiunto Rezza, sottolineando che forse in quella fase la circolazione e le attività sono ripartite troppo.

REZZA: «CAMPANIA GIALLA? MOLTI CASI, MA TRASMISSIONE SI E’ STABILIZZATA»

La Campania «ha molti casi, ma ha un Rt molto più basso ad esempio di Lombardia o Calabria. Perché evidentemente la trasmissione è molto aumentata nelle scorse settimane, ma adesso in qualche modo si è stabilizzata. Per cui c’è un Rt non particolarmente alto», ha sottolineato.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti
Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»
Report Gimbe: 15,83 milioni di terze dosi entro dicembre. Trieste provincia con incidenza più alta
Sono +534 i ricoveri in area medica e +60 in terapia intensiva questa settimana. Per FVG e Provincia di Bolzano si avvicina la zona gialla
Report Gimbe, +37,7% di contagi in una settimana. Marche e Friuli superano la soglia ricoveri per area critica
L'aumento di casi continua di settimana in settimana, insieme anche con il numero di morti. Sessantasei province mostrano incidenza sopra i 50 casi per 100mila abitanti, le Regioni più colpite sono Friuli, Lazio e Veneto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...