Salute 29 Maggio 2020

Covid-19, l’ipotesi del professor Giordano (Temple University): «Cittadini del sud Italia potrebbero essere protetti da scudo genetico»

Secondo lo studio pubblicato su Frontiers Immunology, uno specifico assetto genetico potrebbe essere alla base della suscettibilità alla malattia da SARS-CoV-2 e della sua severità

Immagine articolo

Come mai il Covid-19 costringe alcune persone alla terapia intensiva mentre in altre non manifesta alcun sintomo? È una delle domande a cui ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di rispondere. Gli autori di un articolo pubblicato su Frontiers Immunology  puntano il dito sul sistema HLA (antigene leucocitario umano), che ha un ruolo chiave nel modellare la risposta immunitaria antivirale, sia innata che acquisita.

Gli autori, tra cui Antonio Giordano (fondatore e direttore dell’Istituto Sbarro per la ricerca sul cancro e la medicina molecolare a Filadelfia e professore di Anatomia Patologica presso l’università di Siena), Pierpaolo Correale e Rita Emilena Saladino (del Grand Metropolitan Hospital di Reggio Calabria), Giovanni Baglio (del ministero della Salute), Francesca Pentimalli (dell’Istituto tumori di Napoli) e Patrizia Maiorano (dell’università di Siena) suggeriscono che uno specifico assetto genetico (costituito da particolari varianti dei geni HLA) potrebbe essere alla base della suscettibilità alla malattia da SARS-CoV-2 e della sua severità.

LEGGI ANCHE: COVID-19, GIORDANO (TEMPLE UNIVERSITY): «LAVORIAMO PER CAPIRE VARIABILITÀ MALATTIA. IMPORTANTE APPROFONDIRE RUOLO INQUINAMENTO»

«L’identificazione di tali determinanti genetici sarebbe cruciale per valutare i livelli di priorità nelle future campagne di vaccinazione, per la gestione clinica dei pazienti e per isolare gli individui a rischio, compresi gli operatori sanitari», afferma Luciano Mutti, oncologo e professore alla Temple University di Filadelfia.

«Lo studio – si legge in una nota – solleva anche un’altra interessante possibilità per quanto riguarda la diffusione dell’infezione in Italia, in cui il nord del paese, dove è stata inizialmente rilevata la malattia, è stato colpito in modo più pesante. Sebbene una massiccia migrazione dalle regioni colpite verso il sud sia stata registrata prima del blocco nazionale, le regioni meridionali hanno registrato tassi di infezione molto più bassi. Tuttavia, è stato ipotizzato che il virus circolasse molto prima del lockdown nazionale. Mentre alcuni hanno proposto che condizioni climatiche più miti potrebbero aiutare a prevenire la diffusione virale, potrebbe una specifica costituzione genetica contribuire a proteggere i cittadini del sud? Ulteriori studi caso-controllo su larga scala potrebbero far luce su questo possibile aspetto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Arrivi da Paesi extra Ue ed extra Schengen, Speranza: «Urgenti nuove misure rigorose»
La lettera del ministro della Salute al Commissario Ue Stella Kyriakides e al presidente del Consiglio dei ministri della Salute Jens Spahn: «Serve maggior coordinamento tra gli Stati membri»
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Assistenza Domiciliare Integrata, solo il 2,7% degli over 65 ne beneficia. Bernabei (Italia Longeva): «Investire in formazione e tecnologia»
Al webinar "Assistenza Domiciliare Integrata (ADI): ripensare modelli e strumenti a partire da quanto imparato in emergenza” anche la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa: «Nel Dl Rilancio stanziamento senza precedenti di 734 mln di euro»
Sanità post-Covid, il primario del PS di Lodi: «Bene rinforzare terapie intensive e territorio, ma non si dimentichino le degenze ordinarie»
Intervista a Stefano Paglia: «Necessario tutelare meglio i medici dalle denunce finalizzate al profitto»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)