Salute 21 Aprile 2020

Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?

L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham

«L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19?». È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori (Federica Raucci e Anella Saviano) guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con la prestigiosa Università di Birmingham (Asif Iqbal e Adel Abo Mansour).

Sulla base di diversi studi effettuati su pazienti positivi al Coronavirus, che dimostrano la correlazione tra l’attacco del virus, l’azione del sistema immunitario e il rilascio di citochine (mediatori principalmente coinvolti nella risposta infiammatoria), questi ricercatori hanno recentemente pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Pharmacological Research un articolo che raccoglie tutte le principali prove pre-cliniche e cliniche a supporto del coinvolgimento dell’Interleuchina 17 nei processi infiammatori, anche delle vie respiratorie. È stato inoltre riportato il binomio molecolare che tale citochina stabilisce con l’interleuchina 6 nell’induzione delle complicazioni polmonari (moderate e severe) associate al Covid-19.

LEGGI ANCHE: SONDAGGI DA PANDEMIA: IN ITALIA CRESCE IL “PARTITO” DEI PROFESSIONISTI DELLA SALUTE, IN CADUTA LIBERA LA FIDUCIA PER LA POLITICA

Considerando l’implicazione dell’interleuchina 6 nell’infiammazione polmonare da Sars-Cov-2, recentemente è stata avviata una sperimentazione clinica, autorizzata dall’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), sull’utilizzo in terapia di un anticorpo in grado di bloccare tale citochina (Tocilizumab) già impiegato nel trattamento dell’artrite reumatoide.

«Questa potrebbe essere la futura chiave di svolta al livello terapeutico – spiega il Dott. Casillo – in quanto la combinazione di un anticorpo neutralizzante l’interleuchina 6 e l’interleuchina 17 potrebbe rappresentare un potenziale approccio terapeutico futuro». «Si tratta di un’ipotesi molecolare – aggiunge il Prof. Maione – che va validata mediante esami da effettuare sia sul siero che sul liquido polmonare di pazienti affetti da Covid-19, sia in fase moderata che severa». Solo così si potranno raccogliere dati scientifici sufficienti che legittimeranno l’impiego di nuovi farmaci (anti-interleuchina 17) in terapia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 1 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
L’ingegner Vacca: «Giusto il lockdown, ma le pandemie sono sempre esistite. L’epidemia più terribile è quella dell’ignoranza»
Nel suo ultimo libro “La misura del virus” l’ingegner Roberto Vacca descrive l’equazione di Volterra, modello matematico con cui ha previsto la fine dei decessi da Covid-19 in Italia. Poi sottolinea: «Nel 1957 con l’asiatica morirono in 37 mila. L’epidemia di Covid non è una tragedia epocale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli