Salute 24 Febbraio 2020

Coronavirus, Consulcesi: «Proteggere operatori sanitari anche dalle psicosi»

Il presidente Tortorella: «Scienza prevalga su cattiva informazione ma media, istituzioni, politici e anche aziende facciano la loro parte senza paralizzare il Paese: sarebbe grave errore bloccare le frontiere Italia-Svizzera. Nella nostra realtà tutti al lavoro regolarmente anche in Ticino per garantire ai camici bianchi il massimo supporto»

«Orgoglioso del nostro Ssn che si conferma il migliore nella gestione delle emergenze soprattutto grazie agli operatori sanitari. In queste ore apprendiamo che stanno compiendo la loro missione nonostante turni massacranti, stress e gestione della paura dell’intera collettività. È fondamentale ora proteggerli con maggiori risorse, mettendo a loro disposizione i migliori strumenti e formandoli correttamente per contenere l’emergenza». Lo afferma Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, realtà leader nella tutela legale e nella formazione del personale sanitario che nei giorni scorsi ha annunciato il lancio di un docufilm Ecm sul nuovo Coronavirus che ha tra i suoi focus psicosi e fake news.

LEGGI ANCHE: COVID-19: UN DOCUFILM ECM ANTI-PSICOSI E FAKE NEWS PER MEDICI E PAZIENTI

«Grazie alla forza comunicativa del cinema e utilizzando le tecnologie più avanzate – spiega Tortorella – puntiamo a creare un modello formativo basato sulle evidenze scientifiche più rilevanti ed autorevoli sia in Italia che in ambito internazionale. È importante che la scienza prevalga sulle psicosi che trovano terreno fertile non solo per via dei social ma anche da comunicazioni non corrette – a volte complottiste – di media, istituzioni, forze politiche e aziende. Assurdi scenari apocalittici di supermercati assaltati, scuole chiuse, manifestazioni sportive annullate, realtà lavorative bloccate non sono certo d’aiuto e vanno a complicare ulteriormente il lavoro dei professionisti sanitari. Così come non serve sospendere Schengen, come ha già fatto notare il ministro alla Salute Roberto Speranza, o limitare gli spostamenti: anzi ora il costo inferiore dei viaggi dovrebbe spingere a muoversi maggiormente e non bloccare le frontiere in particolare quelle tra Italia e Svizzera. Seguiamo, invece, loro raccomandazioni degli addetti ai lavori. Bastano poche ed elementari attenzioni all’igiene per contrastare la diffusione del virus ed evitare di paralizzare il Paese e mi meraviglia che lo faccia la Regione Lombardia che è il motore dell’economia europea. Nella nostra sede in Svizzera, dove lavorano molti frontalieri italiani, non si registra nessuna assenza e la nostra attività è a pieno regime: non faremo mancare il nostro supporto ai camici bianchi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, l’ex ministro Grillo: «Più morti in Italia e Spagna, austerity ha influito. Al Sud continuano arrivi, attenzione a riapertura»
Colloquio con l’ex ministro della Salute Giulia Grillo. Sui tamponi contesta l’OMS: «È stata incauta quando ha diramato linee guida restrittive. Corea, Giappone e Singapore non hanno seguito quelle indicazioni». Poi aggiunge: «Ospedali luogo di contagio, è mancata prevenzione strategica»
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
La richiesta delle forze dell’Ordine al Governo: «Fateci i tamponi». Risposta positiva solo da Veneto e Lombardia
Stefano Paoloni (Segretario Nazionale Sap): «Agenti dichiarati sospetti Covid-19 senza aver fatto loro il tampone, mentre nelle pattuglie solo un agente può indossare la mascherina. Non si può andare in guerra a mani nude»
di Federica Bosco
La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus
Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 
di Tommaso Caldarelli
Convalescenza post Covid-19, come fare per riprendersi pienamente?
Ideati ad Ancona i Protocolli di Educazione terapeutica dedicati alle persone in fase di recupero post-infezione, con il patrocinio della Simfer, la società scientifica dei fisiatri italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...