Salute 24 Febbraio 2020

Coronavirus, Consulcesi: «Proteggere operatori sanitari anche dalle psicosi»

Il presidente Tortorella: «Scienza prevalga su cattiva informazione ma media, istituzioni, politici e anche aziende facciano la loro parte senza paralizzare il Paese: sarebbe grave errore bloccare le frontiere Italia-Svizzera. Nella nostra realtà tutti al lavoro regolarmente anche in Ticino per garantire ai camici bianchi il massimo supporto»

«Orgoglioso del nostro Ssn che si conferma il migliore nella gestione delle emergenze soprattutto grazie agli operatori sanitari. In queste ore apprendiamo che stanno compiendo la loro missione nonostante turni massacranti, stress e gestione della paura dell’intera collettività. È fondamentale ora proteggerli con maggiori risorse, mettendo a loro disposizione i migliori strumenti e formandoli correttamente per contenere l’emergenza». Lo afferma Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, realtà leader nella tutela legale e nella formazione del personale sanitario che nei giorni scorsi ha annunciato il lancio di un docufilm Ecm sul nuovo Coronavirus che ha tra i suoi focus psicosi e fake news.

LEGGI ANCHE: COVID-19: UN DOCUFILM ECM ANTI-PSICOSI E FAKE NEWS PER MEDICI E PAZIENTI

«Grazie alla forza comunicativa del cinema e utilizzando le tecnologie più avanzate – spiega Tortorella – puntiamo a creare un modello formativo basato sulle evidenze scientifiche più rilevanti ed autorevoli sia in Italia che in ambito internazionale. È importante che la scienza prevalga sulle psicosi che trovano terreno fertile non solo per via dei social ma anche da comunicazioni non corrette – a volte complottiste – di media, istituzioni, forze politiche e aziende. Assurdi scenari apocalittici di supermercati assaltati, scuole chiuse, manifestazioni sportive annullate, realtà lavorative bloccate non sono certo d’aiuto e vanno a complicare ulteriormente il lavoro dei professionisti sanitari. Così come non serve sospendere Schengen, come ha già fatto notare il ministro alla Salute Roberto Speranza, o limitare gli spostamenti: anzi ora il costo inferiore dei viaggi dovrebbe spingere a muoversi maggiormente e non bloccare le frontiere in particolare quelle tra Italia e Svizzera. Seguiamo, invece, loro raccomandazioni degli addetti ai lavori. Bastano poche ed elementari attenzioni all’igiene per contrastare la diffusione del virus ed evitare di paralizzare il Paese e mi meraviglia che lo faccia la Regione Lombardia che è il motore dell’economia europea. Nella nostra sede in Svizzera, dove lavorano molti frontalieri italiani, non si registra nessuna assenza e la nostra attività è a pieno regime: non faremo mancare il nostro supporto ai camici bianchi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ddl ex specializzandi, indennizzi solo a chi ha fatto ricorso. Consulcesi: «Tutelare il diritto con le azioni legali»
Il sì bipartisan accelera l’iter per l’accordo transattivo. Anche la FNOMCeO appoggia l’iniziativa parlamentare per i medici specialisti 78-2006. La dottrina conferma il diritto con la pubblicazione del professor Sergio Di Amato sulla rivista della “School of law” della Luiss
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 10 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)