Politica 23 Gennaio 2017 14:30

Costi più alti e meno servizi. AIOP ed Ermenia disegnano il ritratto (triste) della sanità italiana

Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale AIOP: «Necessario aumentare numero medici in uscita dalle università: ogni anno ne respingiamo a migliaia con il numero chiuso». Jessica Faroni, Presidente AIOP Lazio: «La nostra Regione è l’emblema dei tagli fatti in sanità a livello nazionale»

Meno servizi, costi più alti e un numero sempre maggiore di italiani che rinunciano alle cure. È questo il triste ritratto della sanità italiana realizzato da Ermeneia e AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) nel 14esimo Rapporto Annuale “Ospedali & Salute” del 2016. Un quadro che vede la diminuzione dei posti letto del 9,2% dal 2009 al 2014 e un 26% di utenti che nel 2016 hanno preferito rinviare le cure o vi hanno completamente rinunciato.

«La parola che sintetizza questo rapporto è deflazione – spiega ai nostri microfoni Nadio Delai, Presidente di Ermeneia –. La nostra sanità è in deflazione perché, contrariamente a quanto spesso e volentieri si pensa, noi investiamo molto meno nella sanità rispetto a quanto fanno tutti i Paesi del G7, e oltretutto la percentuale di confronto è calcolata su un Prodotto Interno Lordo che, nel nostro caso, è in decrescita da 4 anni. È dunque necessario ristrutturare e riorganizzare il sistema per migliorare i servizi e fare investimenti. Il personale – spiega ancora Delai – è la forza e, allo stesso tempo, la debolezza del sistema. Il personale è diminuito di quasi il 10% in 5 o 6 anni, perché in molti sono andati in pensione e non sono stati rimpiazzati. È necessario andare verso una manutenzione straordinaria del sistema in cui non si applichi più una logica prettamente finanziaria, ma anche un principio di rispetto dei diritti degli utenti, della possibilità di accesso alle cure. Spesso abbiamo ecceduto nella prima e trascurato la seconda, come è avvenuto anche in campo economico con l’austerità». Per Dalai «la forbice d’efficienza delle varie strutture ospedaliere pubbliche è larghissima: esistono delle situazioni molto ben organizzate, efficienti, veloci, ma c’è anche un’offerta media fornita dal grosso degli ospedali che non è assolutamente soddisfacente. È una frattura seria».

Dalle parole di Dalai e dalle pagine del rapporto emerge dunque come la sanità italiana sia divisa in due: Nord più efficiente, Meridione in netto e costante affanno. «Purtroppo – è l’opinione di Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale di AIOP – esistono Regioni che hanno una forza maggiore rispetto ad altre e sono riusciti a gestire meglio questo tipo di situazione. Altre, invece, si sono rivelate molto fragili e sono “esplose”». La soluzione può essere puntare sulla quantità e sulla qualità del personale? «Per risolvere la situazione è necessario aumentare il numero di medici che le facoltà di medicina italiane producono. Tra l’altro, i nostri sono medici ottimi: tutto il mondo vorrebbe. Noi, invece, ogni anno respingiamo migliaia di ragazzi italiani che vorrebbero intraprendere nella loro vita questa bella professione».

Tra le Regioni più in difficoltà sotto l’aspetto sanitario, c’è senza dubbio il Lazio. Jessica Faroni, Presidente di AIOP Lazio, sottolinea come «la sanità della nostra Regione sia l’emblema dei tagli che vengono costantemente fatti nel settore a livello nazionale. Sono otto anni che siamo sotto piano di rientro e i tagli vengono fatti in modo lineare e sicuramente non efficiente, sia nel pubblico, in termini di blocco del turnover portato avanti in maniera cieca, che nel privato, in termini di budget e posti letto. Ora – continua Faroni – facendo l’esempio dei pronto soccorsi del Lazio, vediamo che non tutta la gente che va nel pronto soccorso è un paziente che ne ha bisogno. Si tratta invece spesso di un paziente affetto da patologie che vanno curate in lungo degenza. Questo è un esempio di setting che va cambiato attraverso un coinvolgimento più strutturato ed omogeneo del territorio».

Articoli correlati
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»
Jessica Faroni, presidente di Aiop Lazio, rimarca ai nostri microfoni: «L'Ospedalità privata è accanto al Ssn di cui fa parte, le strutture sono pronte a vaccinare». Come già succede in qualche città
Dai contratti alle liste di attesa, parla Cittadini (AIOP): «Regioni in ritardo su intesa. Ora modificare norma su tetto di spesa»
Colloquio con la presidente dell’Associazione ospedalità privata che spiega perché non si procede al rinnovo del contratto dei medici: «Siamo ancora in attesa che 8-9 regioni diano seguito a quello del comparto». E sulle liste di attesa chiede al MEF «di estendere la norma del Dl agosto 2020: Speranza è d’accordo». Poi lancia l’allarme: «Senza un decreto sulle tariffe Covid non sappiamo come classificare le prestazioni»
Sanità, Cittadini (AIOP): «Serve una riforma strutturale del SSN e una forte sinergia tra la sua componente di diritto pubblico e quella di diritto privato»
«Non è più accettabile, ma soprattutto è controproducente, un approccio che prevede solo tagli lineari, spesa a silos e blocco delle risorse» ha spiegato la Presidente AIOP in audizione presso la Commissione Sanità del Senato
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Garantire posti letto e non trascurare controlli per le altre patologie»
La Presidente Aiop Barbara Cittadini commenta l’allarme dell’Anaao Assomed che evidenzia come ad ogni posto letto in meno per mille abitanti corrisponda in Europa un aumento del 2 per cento della mortalità generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...