Salute 23 Gennaio 2017

Costi più alti e meno servizi. AIOP ed Ermenia disegnano il ritratto (triste) della sanità italiana

Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale AIOP: «Necessario aumentare numero medici in uscita dalle università: ogni anno ne respingiamo a migliaia con il numero chiuso». Jessica Faroni, Presidente AIOP Lazio: «La nostra Regione è l’emblema dei tagli fatti in sanità a livello nazionale»

Meno servizi, costi più alti e un numero sempre maggiore di italiani che rinunciano alle cure. È questo il triste ritratto della sanità italiana realizzato da Ermeneia e AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) nel 14esimo Rapporto Annuale “Ospedali & Salute” del 2016. Un quadro che vede la diminuzione dei posti letto del 9,2% dal 2009 al 2014 e un 26% di utenti che nel 2016 hanno preferito rinviare le cure o vi hanno completamente rinunciato.

«La parola che sintetizza questo rapporto è deflazione – spiega ai nostri microfoni Nadio Delai, Presidente di Ermeneia –. La nostra sanità è in deflazione perché, contrariamente a quanto spesso e volentieri si pensa, noi investiamo molto meno nella sanità rispetto a quanto fanno tutti i Paesi del G7, e oltretutto la percentuale di confronto è calcolata su un Prodotto Interno Lordo che, nel nostro caso, è in decrescita da 4 anni. È dunque necessario ristrutturare e riorganizzare il sistema per migliorare i servizi e fare investimenti. Il personale – spiega ancora Delai – è la forza e, allo stesso tempo, la debolezza del sistema. Il personale è diminuito di quasi il 10% in 5 o 6 anni, perché in molti sono andati in pensione e non sono stati rimpiazzati. È necessario andare verso una manutenzione straordinaria del sistema in cui non si applichi più una logica prettamente finanziaria, ma anche un principio di rispetto dei diritti degli utenti, della possibilità di accesso alle cure. Spesso abbiamo ecceduto nella prima e trascurato la seconda, come è avvenuto anche in campo economico con l’austerità». Per Dalai «la forbice d’efficienza delle varie strutture ospedaliere pubbliche è larghissima: esistono delle situazioni molto ben organizzate, efficienti, veloci, ma c’è anche un’offerta media fornita dal grosso degli ospedali che non è assolutamente soddisfacente. È una frattura seria».

Dalle parole di Dalai e dalle pagine del rapporto emerge dunque come la sanità italiana sia divisa in due: Nord più efficiente, Meridione in netto e costante affanno. «Purtroppo – è l’opinione di Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale di AIOP – esistono Regioni che hanno una forza maggiore rispetto ad altre e sono riusciti a gestire meglio questo tipo di situazione. Altre, invece, si sono rivelate molto fragili e sono “esplose”». La soluzione può essere puntare sulla quantità e sulla qualità del personale? «Per risolvere la situazione è necessario aumentare il numero di medici che le facoltà di medicina italiane producono. Tra l’altro, i nostri sono medici ottimi: tutto il mondo vorrebbe. Noi, invece, ogni anno respingiamo migliaia di ragazzi italiani che vorrebbero intraprendere nella loro vita questa bella professione».

Tra le Regioni più in difficoltà sotto l’aspetto sanitario, c’è senza dubbio il Lazio. Jessica Faroni, Presidente di AIOP Lazio, sottolinea come «la sanità della nostra Regione sia l’emblema dei tagli che vengono costantemente fatti nel settore a livello nazionale. Sono otto anni che siamo sotto piano di rientro e i tagli vengono fatti in modo lineare e sicuramente non efficiente, sia nel pubblico, in termini di blocco del turnover portato avanti in maniera cieca, che nel privato, in termini di budget e posti letto. Ora – continua Faroni – facendo l’esempio dei pronto soccorsi del Lazio, vediamo che non tutta la gente che va nel pronto soccorso è un paziente che ne ha bisogno. Si tratta invece spesso di un paziente affetto da patologie che vanno curate in lungo degenza. Questo è un esempio di setting che va cambiato attraverso un coinvolgimento più strutturato ed omogeneo del territorio».

Articoli correlati
Contratto Sanità privata, Cimop sciopera. De Rango: «Perché Speranza e Bonaccini tollerano questo affronto?»
Il segretario di Cimop accusa Aris e Aiop di scaricare il mancato rinnovo sugli accordi regionali: «Perché un medico delle aziende private accreditate deve essere retribuito il 50%?»
Contratti, Cgil, Cisl e Uil proclamano sciopero nazionale per mancata ratifica Sanità Privata
«Siamo oltre l’indignazione, oltre la vergogna. Aris e Aiop avrebbero dovuto convocarci per la firma del contratto della Sanità Privata ma ci hanno comunicato che non sarebbe avvenuto»
Riduzione liste d’attesa, da AIOP disponibilità ad aumentare ricoveri fino a 60% e prestazioni ambulatoriali fino a 90%
«Il problema delle liste d’attesa – spiega Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) – è forse il più annoso per il SSN e, senza dubbio, il più sentito dai cittadini»
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Contratto Sanità privata, Cimop sciopera il 2 luglio. De Rango: «Aiop inaffidabile, ora ci rivolgeremo a Ue»
Il segretario nazionale Cimop: «Ci opponiamo a questo modus operandi e scioperiamo con una grande manifestazione sul web, alla presenza di esponenti del mondo politico, istituzionale e medico, nel rispetto delle prescrizioni Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»