Salute 16 Settembre 2020 07:36

Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente

I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all’estero per l’elaborazione» rivela il Guardian

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente

I contagi di coronavirus nel mondo hanno superato i 29 milioni e i positivi al Sars-Cov-2 crescono vertiginosamente in Inghilterra. Tant’è che il governo di Boris Johnson deve fare i conti con il problema tamponi: come riporta il Sunday Times, i laboratori britannici non riescono a ottenere rapidamente i risultati dei test Covid-19 e sarebbero costretti ad inviare 185mila tamponi arretrati all’estero, in particolare in Germania e in Italia.

La notizia che le autorità sanitarie inglesi si stiano preparando per inviare ai laboratori tedeschi e italiani (così come riportato dal Guardian e da altre testate britanniche) la grande mole di tamponi “arretrati” non è stata però confermata da nessuna delle autorità italiane (dal Ministero della Salute all’INMI Lazzaro Spallanzani) interpellate da Sanità Informazione: «Abbiamo controllato ma nessuno ne sa nulla, neanche chi è più addentro alle dinamiche ministeriali. Probabilmente è solo un’ipotesi che al momento si sta valutando in Gran Bretagna».

In ogni caso, la situazione nel Regno Unito resta seria. Dopo essersi scusato per i continui ritardi nell’analisi dei tamponi, il Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale (DHSC) ha assicurato che il sistema di test e tracciamento dell’NHS sta funzionando a ritmi e capacità mai visti prima, ammettendo che esiste «una richiesta “significativa” di test anche da parte di persone che non hanno sintomi». Il governo inglese non pubblica più i dati sui test giornalieri ma Jonathan Ashworth, il segretario alla salute, parla di un sistema di test e tracciabilità inefficiente: «Molti test rimangono senza elaborazione, o addirittura sono gettati via, a causa di errori nel trasporto e nel tampone».

«I nostri laboratori stanno elaborando più di un milione di test a settimana – ha dichiarato un portavoce – e recentemente abbiamo annunciato nuove strutture e tecnologie per ottenere i risultati ancora più velocemente. Se non hai sintomi e non sei idoneo a fare un test, puoi continuare a proteggerti se ti lavi le mani, ti copri il viso e segui le regole di distanziamento sociale».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Effetto Green pass, Gimbe: «Volano i tamponi rapidi ma non i vaccini»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma tutti i numeri in calo. L’estensione dell’obbligo di Green pass porta al boom di tamponi antigenici (+57,7% in un mese). Sul fronte nuovi vaccinati la prova del nove è il 15 ottobre
L’Italia supera il 70% della popolazione vaccinata con due dosi
Il nostro Paese ha raggiunto il record del 70% di persone che hanno completato la somministrazione del vaccino anti-Covid. Le Regioni più virtuose sono Molise e Lombardia, gli over 80 restano la fascia più immunizzata. Ma i giovani stanno guidando la spinta
«Green pass per bar e ristoranti significa rendere obbligatorio il vaccino». Intervista al Presidente del Veneto Luca Zaia
Il Governatore punta su un monitoraggio di massa e offre tamponi gratis a tutti: «Una campagna aggressiva ci serve per avere sempre sottomano l’evoluzione della pandemia. Obiettivo 30 mila al giorno»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?