Salute 16 Settembre 2020 07:36

Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente

I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all’estero per l’elaborazione» rivela il Guardian

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente

I contagi di coronavirus nel mondo hanno superato i 29 milioni e i positivi al Sars-Cov-2 crescono vertiginosamente in Inghilterra. Tant’è che il governo di Boris Johnson deve fare i conti con il problema tamponi: come riporta il Sunday Times, i laboratori britannici non riescono a ottenere rapidamente i risultati dei test Covid-19 e sarebbero costretti ad inviare 185mila tamponi arretrati all’estero, in particolare in Germania e in Italia.

La notizia che le autorità sanitarie inglesi si stiano preparando per inviare ai laboratori tedeschi e italiani (così come riportato dal Guardian e da altre testate britanniche) la grande mole di tamponi “arretrati” non è stata però confermata da nessuna delle autorità italiane (dal Ministero della Salute all’INMI Lazzaro Spallanzani) interpellate da Sanità Informazione: «Abbiamo controllato ma nessuno ne sa nulla, neanche chi è più addentro alle dinamiche ministeriali. Probabilmente è solo un’ipotesi che al momento si sta valutando in Gran Bretagna».

In ogni caso, la situazione nel Regno Unito resta seria. Dopo essersi scusato per i continui ritardi nell’analisi dei tamponi, il Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale (DHSC) ha assicurato che il sistema di test e tracciamento dell’NHS sta funzionando a ritmi e capacità mai visti prima, ammettendo che esiste «una richiesta “significativa” di test anche da parte di persone che non hanno sintomi». Il governo inglese non pubblica più i dati sui test giornalieri ma Jonathan Ashworth, il segretario alla salute, parla di un sistema di test e tracciabilità inefficiente: «Molti test rimangono senza elaborazione, o addirittura sono gettati via, a causa di errori nel trasporto e nel tampone».

«I nostri laboratori stanno elaborando più di un milione di test a settimana – ha dichiarato un portavoce – e recentemente abbiamo annunciato nuove strutture e tecnologie per ottenere i risultati ancora più velocemente. Se non hai sintomi e non sei idoneo a fare un test, puoi continuare a proteggerti se ti lavi le mani, ti copri il viso e segui le regole di distanziamento sociale».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?
Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Xe in Inghilterra viaggia veloce con nuovi sintomi, ma non fa paura
Un cardiologo italiano a Londra racconta come viene affrontata la nuova variante: «È più contagiosa di Omicron, ma simile ad una influenza. Obiettivo arrivare ad avere una immunità di gregge e convivere con il virus»
Test molecolari, antigenici e salivari, è ancora caos. Quali sono le opzioni che abbiamo?
Maurizio Sanguinetti, direttore del Dipartimento di Scienze di Laboratorio e Infettivologiche della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS fa il punto sugli strumenti che abbiamo a disposizione per la diagnosi o lo screening di Covid-19
Tamponi nelle parafarmacie, indennità, consenso informato. Così i partiti vogliono cambiare il decreto sull’obbligo vaccinale
Centinaia gli emendamenti presentati al DL 1 del 2022 che introduce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Coraggio Italia chiede di estendere l’obbligo agli over 18. Mentre il M5S chiede tamponi calmierati in base al reddito. Richiesta bipartisan per consentire anche a chi ha il Green pass base di fruire dei trasporti marittimi
di Francesco Torre
Covid, Report Gimbe: «Ok stop colori e tracing ma inaccettabili altre proposte delle Regioni»
Aumentano i decessi e crollano nuove vaccinazioni. Cartabellotta: «Iniziale discesa della curva condizionata anche da calo tamponi, per molecolari tasso positività in lieve risalita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...