Salute 10 Febbraio 2020 12:40

Coronavirus, Galli (Sacco): «In Italia situazione sotto controllo, misure assunte stanno contenendo fenomeno»

«Il virus sembra colpire in prevalenza uomini intorno ai 55 anni, mentre risparmia i giovanissimi sotto i 16 anni. Nessun rischio di contagio da cinesi residenti in Italia» così il professor Massimo Galli, Direttore Responsabile Malattie Infettive dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano

di Federica Bosco
Coronavirus, Galli (Sacco): «In Italia situazione sotto controllo, misure assunte stanno contenendo fenomeno»

Lontano parente della SARS, il Coronavirus colpisce in prevalenza uomini con un’età media di 55 anni,  risparmia i giovanissimi sotto i 16 anni ed ha una letalità del 3%. A renderlo noto Massimo Galli, direttore del dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, intervenuto ad un incontro organizzato dall’Ordine dei medici di Milano per fare chiarezza sulla nuova epidemia.

LEGGI ANCHE: LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS IN TEMPO REALE

«In Cina è in netta crescita per quanto riguarda la zona di Wuhan, anche se negli ultimi due giorni l’incremento è stato proporzionalmente inferiore rispetto ai giorni precedenti. Quindi dobbiamo attendere una o due settimane per capire dove si andrà a parare e sarà molto importante considerare le epidemie satelliti, ovvero la presenza del virus in altre grandi aree urbane della Cina – ha spiegato il professore – . Rispetto a quanto ci si poteva attendere, la diffusione a livello internazionale di questo virus è stata molto inferiore rispetto a quanto è capitato ad esempio per la SARS nel 2003. Questo vuol dire che le misure di limitazione dei viaggi  assunte abbastanza presto hanno consentito di contenere il fenomeno e questo vale soprattutto per il nostro Paese dove abbiamo solo tre casi importati. Si tratta – ha proseguito – di due cittadini cinesi e uno italiano, persone che si sono infettate poco prima di partire dalla Cina e da Wuhan nel caso specifico. La malattia da noi difficilmente potrà diffondersi: l’esiguità del numero dei casi riscontrati fino ad ora e la modalità con cui si sono manifestati in persone che si sono infettate poco prima di partire da Wuhan, ci dà la dimensione del contenimento complessivo della problematica».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SPERANZA: “ACCORDO CON FACEBOOK. LA CORRETTA INFORMAZIONE È PARTE DELLA PREVENZIONE”

Una epidemia che oggi è sotto controllo grazie ad una tempestiva informazione. In Italia la situazione è stabile e per il professor Galli «è fondamentale prendere le distanze dalle fake news».

«Ne abbiamo sentite di tutti i colori, compreso quello del virus prefabbricato in laboratorio che ritengo estremamente improbabile. Abbiamo sentito posizioni non facilmente comprensibili nei confronti di intere popolazioni – ha aggiunto – e ritengo che guardare con sospetto le persone cinesi residenti in Italia o di origine cinese residenti in Italia o chiunque abbia vagamente l’aspetto orientale sia assolutamente inaccettabile e comunque dal punto di vista tecnico scientifico senza significato. Ricorderei che l’Organizzazione mondiale della sanità ha fissato con una certa precisione le condizioni che meritano una valutazione e un intervento e che sono ristrette, di fatto, a persone che arrivano da aree colpite dall’epidemia e che manifestano sintomi. Queste persone possono essere definite “casi sospetti” e vengono sottoposte di conseguenza ad un test.  La maggioranza delle persone arrivate con queste caratteristiche in Italia si sono rivelate negative per il virus in questione» ha concluso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 maggio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Vaccinatori, tante figure autorizzate ma pochi già all’opera. Facciamo il punto
Dalle ostetriche ai medici di medicina generale, fino a biologi e farmacisti. Tanti i professionisti coinvolti nella campagna vaccinale italiana ma, tra dosi mancanti e differenze regionali, quanti hanno iniziato a vaccinare?
di Gloria Frezza, Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
Suicidio assistito, eutanasia e rinuncia ai trattamenti salvavita: ecco cosa si può fare e cosa è vietato in Italia
Gobber (SICP): «Con la sentenza n.242 del 2019 la Corte Costituzionale aveva chiesto al Parlamento di legiferare in materia di suicidio assistito. Ad oggi, in Italia, resta una pratica illegale. È, invece, del tutto legittimo che il paziente rinunci a qualsiasi intervento sanitario, anche salvavita»
di Isabella Faggiano
Report Gimbe: i casi cominciano a incrementare, mentre rallentano le somministrazioni di vaccino
La Fondazione Gimbe avverte: è iniziato l'atteso incremento di nuovi casi di Covid-19. In crescita del 20% in 41 province in cui sono state prese misure ad hoc e istituite zone rosse. La variante inglese avanza, mentre i vaccini ritardano. Le dosi del primo trimestre non sono ancora arrivate tutte e le regioni procedono a velocità troppo diverse
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...