Salute 23 Febbraio 2020

Coronavirus, Cdm adotta decreto legge per gestire e contenere emergenza. Ecco le misure previste

Sono 79 i contagiati in Italia, compresi i due decessi ed il ricercatore guarito: 55 in Lombardia, 17 in Veneto, 2 in Emilia Romagna, 2 nel Lazio e 1 in Piemonte. 18 sono in terapia intensiva. Vietato entrare o uscire dai comuni dei focolai, stop alle manifestazioni sportive previste in Veneto e Lombardia per oggi, 23 febbraio, e sospesi tutti i viaggi d’istruzione in Italia e all’estero. Arresto fino a tre mesi e 206 euro di multa per chi non rispetta il provvedimento

Immagine articolo

Il Consiglio dei Ministri ha adottato un decreto legge che contiene una serie di misure volte a contenere e gestire l’emergenza coronavirus scoppiata nel nord Italia. «L’obiettivo è tutelare la salute degli italiani – ha detto il premier Conte in conferenza stampa – tenendo sempre presente l’adeguatezza e la proporzionalità delle misure da adottare e mantenendo la linea della massima precauzione e sicurezza che ha contraddistinto tutte le disposizioni adottate dal governo italiano nelle ultime settimane».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, I MEDICI DI FAMIGLIA AI PAZIENTI CON SINTOMI SOSPETTI: «NON VENITE NEGLI STUDI». IN ARRIVO SCHEDE PER TRIAGE TELEFONICO

A seguire le misure previste dal decreto legge, che si applicano nei Comuni o nelle aree in cui risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio:

  • Il divieto di allontanamento e quello di accesso ai Comuni e alle aree coinvolte (ad oggi, i dieci Comuni del lodigiano e Vo’ Euganeo, in provincia di Padova);
  • La sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato;
  • La sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione;
  • La sospensione dell’apertura al pubblico dei musei;
  • La sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;
  • L’applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti con persone affette dal virus e la previsione dell’obbligo per chi fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente, per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;
  • La sospensione dell’attività lavorativa per alcune tipologie di impresa e la chiusura di alcune tipologie di attività commerciale;
  • La possibilità che l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità sia condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale;
  • La limitazione all’accesso o la sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone, salvo specifiche deroghe;
  • Si introduce, inoltre, la facoltà, per le autorità competenti, di adottare ulteriori misure di contenimento, al fine di prevenire la diffusione del virus anche fuori dai casi già elencati;
  • In tal senso, il ministro dello Sport Spadafora ha annunciato la cancellazione di tutte le manifestazioni sportive previste per domenica 23 febbraio in Veneto e in Lombardia;
  • Il ministro dell’Istruzione Azzolina ha annunciato la sospensione di tutti i viaggi di istruzione su tutto il territorio nazionale e all’estero.

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Il capo della protezione civile Borrelli ha quindi aggiornato i numeri dell’epidemia: sono 79 i contagiati in Italia, compresi i due decessi ed il ricercatore italiano che ieri è stato dimesso dallo Spallanzani. In particolare, sono 54 i casi accertati in Lombardia, 17 in Veneto, 2 in Emilia Romagna, 2 nel Lazio (la coppia di turisti cinesi ricoverati allo Spallanzani) e 1 in Piemonte. Sono 33 i contagiati che sono ricoverati con sintomi, 18 sono in terapia intensiva e 11 in isolamento domiciliare perché senza sintomi particolari.

Nessuna novità invece per quanto riguarda i pazienti zero, all’origine dei focolai in Lombardia e in Veneto: «Sono in corso le indagini epidemiologiche – ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità Brusaferro – per ricostruire la catena di trasmissioni. Si stanno vagliando tutte le ipotesi e contiamo di avere delle risposte nei prossimi giorni».

«Sappiamo di imporre delle restrizioni, per un paio di settimane, ai cittadini delle aree coinvolte – ha aggiunto Conte -, ma le misure adottate intendono in primis tutelare queste comunità, oltre che evitare ulteriori contagi. Predisporremo delle misure perché i provvedimenti adottati abbiano piena attuazione. In tal senso abbiamo già dato indicazioni alle forze dell’ordine e, se necessario, ci saranno anche le forze armate. Chi non rispetterà le disposizioni del decreto legge incorrerà nelle sanzioni previste dall’art. 650 del codice penale (“Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a duecentosei euro“), ma abbiamo fiducia nei cittadini e confidiamo nella loro collaborazione. Saremo al loro fianco e nei prossimi giorni – ha annunciato – adotteremo un altro decreto legge per rimediare, con sovvenzioni e indennizzi, al disagio economico che stiamo causando alle comunità locali».

La sospensione del trattato di Schengen, e quindi della libera circolazione delle persone tra i Paesi dell’Unione europea, è stata ritenuta una «misura sproporzionata e insostenibile per la situazione attuale – ha detto Conte -, ma ci riserviamo la massima flessibilità di rivedere eventualmente le nostre valutazioni man mano che il patrimonio informativo a nostra disposizione si arricchirà».

Il governo ha informato anche le opposizioni sulle misure deliberate dal Cdm: «Questa è un’emergenza nazionale che non riguarda solo il governo – ha aggiunto il premier –. Noi ci prendiamo la responsabilità delle scelte fatte, ma ho avvertito l’esigenza di confrontarmi e informare anche gli esponenti dell’opposizione».

«La Repubblica sta facendo tutto quello che è necessario per gestire l’epidemia – ha detto il ministro della Salute Speranza -. Un grazie particolari ai medici, agli infermieri e agli operatori sanitari coinvolti. Il nostro Servizio sanitario nazionale è molto forte, dobbiamo esserne orgogliosi. È assolutamente pronto ad affrontare l’emergenza, ma per aiutarci a vincere questa sfida servono la collaborazione ed il sostegno dei cittadini che, ne sono convinto, non mancheranno».

«Gli italiani – ha concluso Conte – non devono abbandonarsi al panico o all’inutile e controproducente allarmismo. Devono fidarsi delle autorità, sanitarie, politiche e amministrative. Assicuriamo massimo impegno, determinazione e coraggio nell’adozione delle misure necessarie, considerando che la situazione è in continua evoluzione».

Foto: Palazzo Chigi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 29 maggio, il totale delle persone […]
Speranza: «Al lavoro con professioni sanitarie e sociosanitarie per futuro SSN»
«Oggi ho riunito la Consulta permanente delle professioni sanitarie e sociosanitarie. È grazie a questo pezzo del nostro Paese che possiamo ripartire con cautela e programmare il futuro. L’emergenza del coronavirus ha chiarito a tutti che il Servizio Sanitario Nazionale è la cosa più importante che abbiamo. Lavoriamo ogni giorno insieme per rafforzarlo». Queste le […]
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco