Salute 3 Febbraio 2020

Coronavirus, Ambasciatore cinese incontra ricercatrici Spallanzani. Zingaretti: «Allarmismi infondati, non cedere a isteria»

Capobianchi, Colavita e Castilletti in Regione Lazio per incontrare l’Ambasciatore della Cina in Italia. Il Direttore Laboratorio Virologia: «Nonostante la scoperta non è detto che si riesca ad avere vaccino prima della fine della fase epidemica». Li Junhua: «Grazie per il sostegno alla guerra al coronavirus». Bollettino: per ora 19 ricoverati allo Spallanzani in osservazione

Immagine articolo

Sono arrivate passando per l’ingresso principale della Regione Lazio, accolte da una selva di flash e telecamere, le tre ricercatrici dello Spallanzani che hanno isolato in laboratorio il virus responsabile dell’epidemia da coronavirus che sta imperversando in Cina. Questa mattina erano attese in regione per una riunione operativa e per un colloquio con l’ambasciatore della Repubblica Cinese in Italia Li Junhua che ha voluto ringraziarle personalmente.

«L’identificazione del virus è un passo indispensabile per fare il vaccino – ha affermato Maria Rosaria Capobianchi, Direttore Laboratorio Virologia Spallanzani -. I tempi sono difficili da stimare. La scienza ha fatto dei passi da gigante negli ultimi anni. Sono ipotizzabili diverse piattaforme, bisognerà studiarle tutte. Però dall’avere a disposizione il primo materiale con il quale poi lavorare e il momento in cui sarà disponibile un prodotto utilizzabile passa del tempo, non è detto che questo succeda prima che questa fase epidemica si risolva» Accanto a lei le altre due componenti del team, Francesca Colavita e Concetta Castilletti.

A fare il punto della situazione il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha parlato di colloquio “programmato” da tempo con l’ambasciatore: «La visita è stata anche l’occasione, visti gli sviluppi delle ultime ore, per presentargli l’equipe di medici e ricercatrici che hanno isolato il coronavirus. Noi lo interpretiamo anche come un messaggio da dare a tutti gli italiani e le italiane che vuole rilanciare l’amicizia nei confronti del popolo cinese, abbassare i timori assolutamente infondati rispetto a una crisi legata al virus molto seria ma che non deve cedere all’isteria o agli allarmismi che sono totalmente infondati. Siamo molto orgogliosi che sia stata un’equipe medica e scientifica composta di donne che opera nella nostra regione a raggiungere questo obiettivo. L’incontro con l’ambasciatore è stata anche una occasione per rilanciare lo scambio di relazioni in campo scientifico e medico».

Per Zingaretti lo straordinario lavoro compiuto dalle ricercatrici dello Spallanzani è anche un segnale della necessità sempre più impellente di investire nella ricerca: «Mi auguro che il governo italiano, anche alla luce di quanto avvenuto in queste ore, comprenda fino in fondo quanto il tema della ricerca, dell’università, del sostegno alla scienza e alla buona sanità non sia una spesa ma sia un immenso investimento e quindi in queste ore nelle quali si fanno tante chiacchere sulle verifiche o sui litigi forse è proprio la società italiana che ci indica la priorità. Se bisogna dare un segnale il segnale è investire nell’università, nella scuola, nella ricerca scientifica e noi nel nostro piano per l’Italia lo abbiamo detto chiaramente: più soldi alla ricerca e assunzioni di 10mila nuovi ricercatori nelle nostre università proprio per far voltare pagina all’Italia».

Anche l’ambasciatore della Cina a Roma Li Junhua ha voluto ringraziare il lavoro svolto dalle ricercatrici e tutto lo Spallanzani per le cure che stanno prestando ai cittadini cinesi colpiti dal virus: «Con il presidente Zingaretti abbiamo scambiato opinioni sulla cooperazione tra Cina e Italia nella lotta al coronavirus. Ho già trasmesso al presidente cinese questo messaggio. Prima di tutto vogliamo ringraziare il popolo italiano per il sostegno alla guerra al coronavirus. Il governo cinese ha piena fiducia nella vittoria contro questa epidemia. Ringraziamo sinceramente l’impegno dell’ospedale Spallanzani che sta fornendo un’ottima cura dei nostri pazienti».

LEGGI ANCHE: NUOVO BOLLETTINO DELLO SPALLANZANI: “PAZIENTE IN RIANIMAZIONE, FATTO TEST PER SCOPRIRE SE E’ CORONAVIRUS”

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Cossolo (Federfarma): «Tre farmacisti morti, trenta contagiati. E siamo ancora in attesa dei DPI»
Il presidente Marco Cossolo a Sanità informazione: «Abbiamo predisposto sul banco le barriere in plexiglass, produciamo i gel disinfettanti per rispondere ai bisogni dei cittadini e abbiamo stretto un accordo con la Croce Rossa per la consegna dei farmaci a domicilio alle persone più a rischio». E sulla carenza di farmaci: «Manca solo l’idrossiclorochina»
Coronavirus, De Luca: «Da Roma arrivate mascherine del coniglietto Bunny»
«Ecco una delle 552mila mascherine arrivate dalla Protezione civile. Ci vuole veramente una fantasia molto accesa per definirle mascherine, a meno che non si pensi a quelle che usano i nostri nipoti a Carnevale». Così Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, in una diretta Facebook in cui ha fatto il punto della situazione regionale […]
Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa
L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a distanza, ma se le cure vengono iniziate precocemente sono pochi i pazienti da ospedalizzare. È una strategia che può cambiare la storia di questa malattia»
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
Contagi tra medici, Fadoi: «Subito i test e studio su personale». Aderiscono all’appello associazioni e società scientifiche
«Il bollettino quotidiano degli operatori sanitari contagiati dal virus SARS -Cov-2 cresce ogni giorno – si legge nel comunicato della Fadoi, Federazione dei medici internisti – . Solo ieri l’Istituto superiore di sanità ha registrato oltre 6.400 casi e la Fnomceo segnalava tra il personale medico ben 41 decessi». «E negli ultimi giorni – continua […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...