Salute 13 Giugno 2019

Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»

Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»

Immagine articolo

«Bisogna chiarire sempre col paziente che dietro il robot c’è il chirurgo con la sua esperienza, c’è l’intervento con le sue complicanze. Altrimenti si aprono le porte ai contenziosi». Il professor Michele Gallucci, luminare dell’urologia italiana, in occasione del convegno alla Sapienza dal titolo “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, chiarisce ai microfoni di Sanità Informazione che l’avvento delle nuove tecnologie, in urologia sempre più presenti, non mette al riparo dal rischio contenziosi.

LEGGI ANCHE: RISCHIO CLINICO E CONTENZIOSO,PAOLA FRATI (MEDICINA LEGALE): «PROMUOVERE FORMAZIONE DI QUALITÀ PER IMPLEMENTARE BUONE PRATICHE» 

Gallucci, Professore di Urologia all’Università La Sapienza, già Direttore dell’Urologia all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma, è stato da poco protagonista anche del XXVI Congresso Auro, l’Associazione degli urologi italiani, dove si è parlato delle nuove frontiere di cura in questo ambito, a cominciare dall’uso dei robot che hanno sicuramente facilitato il compito dell’urologo. Con Gallucci abbiamo fatto anche il punto sulle nuove terapie del carcinoma della prostata, uno dei tumori più diffusi tra gli uomini. «Un uomo su 7 si ammala di tumore della prostata. Abbiamo una grande curabilità del tumore della prostata in età giovanile e in età avanzata, se il cancro non è molto aggressivo, c’è la possibilità di controllarlo senza fare neanche interventi chirurgici», sottolinea Gallucci.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, CON IL 100ESIMO ROBOT DA VINCI ITALIA AL TOP IN EUROPA. UTILIZZO SEMPRE PIÙ DIFFUSO IN UROLOGIA

Professore, l’uso della robotica in urologia sta avendo molto successo…

«La robotica in urologia è molto utilizzata, l’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale come lei diceva, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione con l’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica. Questo naturalmente suscita grande interesse, solo che bisogna chiarire sempre col paziente che dietro il robot c’è il chirurgo con la sua esperienza, c’è l’intervento con le sue complicanze. Altrimenti si creano aspettative eccessive nel paziente che possono poi generare il contenzioso. Se il paziente crede che il robot faccia tutto da solo, cioè che il chirurgo preme un bottone, quindi che il robot fa tutto da solo e non può esserci una complicanza perché il robot è perfetto, beh questa non è una informazione corretta che noi diamo al paziente e questo apre, come per la chirurgia generale e la chirurgia a cielo aperto, l’argomento contenzioso».

Con l’invecchiamento della popolazione l’incidenza del carcinoma prostatico aumenta sempre di più, però è anche una malattia sempre più curabile…

«Io sono stato ‘fortunato’, tra virgolette, a fare l’urologo, perché quando io mi sono specializzato molti anni fa, la vita media arrivava a 72-73 anni. Oggi arriva a 85-86, quindi è esploso il problema del tumore della prostata: un uomo su 7 si ammala di tumore della prostata, una donna su 8 di tumore alla mammella. Abbiamo una grande curabilità del tumore della prostata in età giovanile, 50-60 anni, e nell’età avanzata è molto frequente. Però quando il tumore non è molto aggressivo c’è la possibilità di controllarlo senza fare neanche interventi chirurgici».

L’intervento è una eventualità ormai anche evitabile…

«Certo, nei casi non aggressivi si fa la sorveglianza attiva, nella persona molto anziana si sorveglia, negli altri casi c’è l’intervento ma ci sono anche altre possibilità terapeutiche come la radioterapia, la focal therapy, è un argomento oggigiorno molto discusso, quindi anche i presìdi terapeutici di giorno in giorno che ci sono presentati in termini di farmacologia, tecnologia, di tecniche radiologiche e chirurgiche: un mondo in evoluzione perché la popolazione lo richiede».

Articoli correlati
Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»
«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)
Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»
Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell'ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma
di Lucia Oggianu
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...