Salute 15 Maggio 2019 14:49

Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite

Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»

di Lucia Oggianu
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite

Responsabile di circa 3,3 milioni di decessi ogni anno e del 5,1% di anni di vita persi al netto della disabilità in tutto il mondo. Sono i dati presentati in occasione dell’Alcohol Prevention Day all’Istituto Superiore di Sanità (ISS), che raccontano la molteplicità delle conseguenze negative del consumo di alcol sulla salute.

Le malattie

Più di 200 le malattie connesse al consumo di alcol tra cui il cancro, le malattie cardiovascolari e le disfunzioni metaboliche con diverse conseguenze sociali. Ma quali sono i principali danni alcol correlati sui giovani e sugli anziani? Risponde il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS che a Sanità Informazione dichiara: “I danni sono in funzione della generazione di riferimento, del target di popolazione. L’alcol è un tossico e l’organismo normalmente elabora la molecola per poterla eliminare attraverso l’urina e la traspirazione. Nei giovani l’effetto è maggiore”.

Danni alcol correlati nei giovani

«Nei giovani il danno è maggiore perché il sistema di metabolismo non consente di distruggere l’alcol – ci spiega il professor Scafato – e quello che loro consumano circola nel sangue arrivando sulle cellule di organi e apparati, primo tra tutti il cervello e poi il fegato, organo bersaglio, portando via i fosfolipidi di membrana, distruggendo o creando delle instabilità che portano alla morte cellulare sia dei neuroni sia dell’epatocita. Un danno irreversibile – prosegue – poiché tra i 12 e i 21 anni, momento della vita in cui è ancora in atto la modificazione cerebrale, la lesione non viene più rimpiazzato da cellule nuove. Se, infatti, andiamo a monitorare i giovani che si ubriacano il fine settimana per 2-3 mesi – aggiunge Scafato – riscontriamo una riduzione della memoria e riduzione della capacità di adattarsi nello spazio. Ciò ovviamente li rende poco performanti, in particolare nelle attività scolastiche. Se i giovani vogliono avere un cervello integro, che si maturerà a 25 anni, devono evitare di consumare alcol e anche cannabis o, peggio, sommarlo tra di loro con un risultato di danno esponenziale. È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica».

Danni alcol correlati negli anziani

Gli anziani sono considerati un target molto sensibile ai rischi causati dal consumo di alcol. La vulnerabilità agli affetti tossici delle bevande alcoliche si collega a una riduzione, con il passare degli anni, della capacità dell’organismo di metabolizzare l’alcol come una conseguenza del mutamento fisiologico e metabolico dell’organismo. La scarsa attenzione ai dati del consumo di alcol per questa categoria di persone impedisce l’adozione di politiche o misure preventive e di contrasto al fenomeno, il cui impatto sulla salute e sul benessere degli anziani è rilevante in termini di costi sociali e sanitari. «Oggi abbiamo circa 2.700.000 anziani a rischio alcol correlato e non sono intercettati da nessuno» afferma Scafato. Con l’avanzare dell’età, il consumo di alcol spesso si unisce alla presenza di una o più malattie oppure all’assunzione di farmaci incompatibili: «Il medico dovrebbe specificare che l’alcol non deve essere assunto in concomitanza dell’uso di alcuni farmaci oppure, se in presenza di alcune malattie, di non consumarlo per niente. A volte il medico curante prescrive un bicchiere di vino per la prevenzione cardiovascolare. Se è vero che è utile per la prevenzione cardiovascolare è anche vero che aumenta il rischio di tante altre patologie».

Strategie di prevenzione

Le strategie di prevenzione si suddividono in interventi sulla comunità e interventi sull’individuo. Nei giovani, l’approccio educativo è molto importante ma anche l’identificazione e la presa in carico precoce dei soggetti a rischio. «L’identificazione precoce – commenta Scafato – sicuramente è la più importante ma anche carente in Italia. I medici di medicina generale e i settori di primary care non sono preparati a identificare precocemente il rischio nei giovani, perché i ragazzi, specialmente i maschi, non vanno molto dal medico. Da questo punto di vista potrebbe essere utile l’introduzione di visite di controllo a livello scolastico, per favorire una serie di interventi di prevenzione prima che i fattori di rischio abbiano efficacia. L’integrazione di un’ora alla salute nelle scuole è qualcosa di fondamentale importanza per cercare di spiazzare quelle iniziative del bere consapevole. Bere consapevole, bere responsabile – prosegue il professore – sono slogan che vanno a inserirsi in un momento di sviluppo in cui questa razionalità da parte dei giovani non c’è, se non prima dei 25 anni. Prima di questa età, l’intervento di slogan non consente di modificare i comportamenti. È importante invece far si che un comportamento non si avvii oppure che non si consolidi».

Il rafforzamento delle azioni di contrasto all’offerta di alcol ai minorenni rappresenta la misura più efficace: la stretta sorveglianza sulla adeguata applicazione della legge che vieta la vendita di alcolici ai minori, la formazione del personale che serve alcol, il controllo delle licenze degli esercizi pubblici che vendono alcolici. «Più tardi si comincia a bere – conclude Scafato – e minore sarà la possibilità che un ragazzo possa andare incontro in età adulta a problemi alcol correlati. La prevenzione è tutta da creare perché attualmente manca il coordinamento tra gli interlocutori».

Articoli correlati
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...