Salute 12 Dicembre 2019 10:45

Consultori, rapporto Iss: sono la metà del fabbisogno. Speranza: «Vanno difesi e rilanciati»

In Italia, infatti, vi è un consultorio ogni 35mila abitanti sebbene la legge 34/96 ne preveda uno ogni 20mila. Il Ministro della Salute: « Sono strutture fondamentali per la salute pubblica: a cominciare da quella delle donne e dei bambini»

Consultori, rapporto Iss: sono la metà del fabbisogno. Speranza: «Vanno difesi e rilanciati»

«I consultori vanno difesi e rilanciati. In questi anni non sono stati valorizzati come avrebbero potuto». Lo dichiara il ministro della Salute, Roberto Speranza, commentando la prima fotografia scattata dall’Istituto Superiore di Sanità sui consultori, grazie a un progetto finanziato e promosso dal ministero della Salute e coordinato dal Reparto salute della donna e dell’età evolutiva.

Secondo il rapporto Iss i consultori sono ancora troppo pochi rispetto ai bisogni della popolazione, ma offrono servizi essenziali con differenze nelle diverse aree del Paese. In base a questa prima indagine effettuata su 1.800 consultori italiani, è emerso che il numero di questi centri sul territorio è quasi la metà in rapporto ai bisogni della popolazione. In Italia, infatti, vi è un consultorio ogni 35mila abitanti sebbene la legge 34/96 ne preveda uno ogni 20mila. La differenza tra le regioni è così marcata che in ben sette il numero medio di abitanti per consultorio è superiore a 40mila.

LEGGI ANCHE: LA MAPPA DEI CONSULTORI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

«Sono strutture fondamentali per la salute pubblica: a cominciare da quella delle donne e dei bambini. Forniscono servizi di grandissima rilevanza sociale e sanitaria e sono tutte prestazioni che vengono fornite sostanzialmente in modo gratuito – aggiunge il Ministro –. Ringrazio l’Istituto Superiore di Sanità, i responsabili scientifici del ministero della Salute e tutti i soggetti coinvolti in questa accurata analisi. Un’analisi che ci mette di fronte alla grande disomogeneità territoriale e di servizi che oggi presentano i consultori. Questo sicuramente influisce sull’accesso degli utenti, ma, dove il rapporto consultori-abitanti-servizi è più virtuoso, vediamo che si arriva a punte di oltre il 60%. È il segno che dei consultori se ne sente sempre il bisogno».

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
Speranza ai Comuni: «Numeri Europa preoccupano, ora insistere e vaccinare su territorio»
All'Assemblea dei Comuni (ANCI) il ministro della Salute ha rivolto parole di stima per il lavoro sul territorio, ma ora è richiesto uno sforzo per richiami e prime dosi degli indecisi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali