Salute 26 ottobre 2018

Consulcesi Tech: «Blockchain motore dell’innovazione healthcare, stop ai farmaci contraffatti»

I massimi esperti della tecnologia Blockchain a confronto a Dubai su un nuovo paradigma digitale destinato a cambiare radicalmente molti aspetti delle nostre vite, compreso l’approccio medico-sanitario. Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Emirati Arabi pronti a cogliere la sfida della Blockchain per migliorare i servizi ai cittadini, soprattutto la sanità. Sia da monito a Ue affinché non resti ferma mentre il resto del mondo corre»

Al World Blockchain Summit di Dubai esperti del settore provenienti da tutto il mondo fanno il punto su un nuovo paradigma digitale destinato a cambiare non solo il settore finanziario ma anche le organizzazioni pubbliche, i governi nazionali e locali. Dubai, da questo punto di vista, rappresenta un’eccellenza: ha infatti lanciato il programma Dubai 2020 che mira ad essere il primo esempio di regolamentazione integrata all’interno di una città per creare una vera e propria “smart city” nella quale tutti i servizi essenziali per i cittadini saranno gestiti dalla Blockchain.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Tech, società hi-tech negli ambiti della Blockchain e della Cybersecurity, sottolinea: «Gli Emirati Arabi sono pronti a cogliere la sfida della Blockchain come avanguardia tecnologica per migliorare i servizi ai cittadini rendendoli più trasparenti, efficienti, sicuri e personalizzati. Tutto ciò anche in ambito medico-sanitario, come confermato da Ramadan AlBlooshi, CEO Dubai Healthcare City Authority, che rappresenta oltre 40mila operatori della sanità. Pensiamo, ad esempio, alla tracciabilità dei farmaci e al fenomeno della contraffazione: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa il 30% dei farmaci venduti nei Paesi in via di sviluppo è contraffatto, con gravi rischi per chi li assume e una perdita per le case produttrici che ammonta fino a 200 miliardi di dollari ogni anno. Un problema che la tecnologia Blockchain potrebbe risolvere certificando l’intero percorso del farmaco».

Consulcesi Tech è protagonista al summit grazie alla grande esperienza maturata attraverso i numerosi progetti realizzati. Si parte dal libro “Cripto-svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro”, presentato al Parlamento UE nel corso di un dibattito che ha evidenziato i ritardi dell’Europa in questo settore;  per proseguire con “ConsulCoin Cryptocurrency Fund”, il primo fondo d’investimento EU regolato dedicato a cryptocurrency e tecnologia Blockchain, realizzato in collaborazione con Mashfrog, una delle principali aziende nell’industria Fintech che ha lanciato la prima ICO europea su AI applicata al settore dell’advisory robotizzato. Senza dimenticare poi l’inaugurazione del più grande impianto fotovoltaico della Moldavia, una struttura ecosostenibile al 100% destinata alla “eco-mining farm” più estesa di tutto il Paese ed il lancio, in collaborazione con la Link Campus University, di un Master in “Blockchain ed Economia delle criptovalute”, primo corso post-laurea sul tema in tutta Europa, pagabile utilizzando le monete digitali.

«Grande interesse per la presa di posizione del Premier albanese, Edi Rama, sull’imminente arrivo di un framework regolatorio del settore fintech nel suo Paese. Il tema della regulation, infatti, è ormai centrale anche per le piattaforme exchange come, ad esempio, Kraken, tra le prime al mondo per volume di scambi, con la quale abbiamo avviato dei contatti. Tutto ciò – conclude Tortorella – deve essere da monito all’Ue affinché non resti ferma mentre il resto del mondo corre».

Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Spot, Consulcesi: «Basta odio, lanciamo Tribunale della Salute»
Massimo Tortorella, Presidente del gruppo leader della tutela medica, lancia la proposta di una camera di compensazione
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano