Salute 6 Giugno 2019 11:27

Congresso Lice, centri di cura sull’epilessia a macchia di leopardo. Il presidente Mecarelli: «La ricerca genetica è la vera frontiera»

Piemonte, Toscana ed Emilia Romagna sono le uniche tre Regioni italiane ad avere un Piano Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) dedicato alla patologia. Farmaci equivalenti: arrivano le raccomandazioni Lice per un corretto utilizzo

di Isabella Faggiano
Congresso Lice, centri di cura sull’epilessia a macchia di leopardo. Il presidente Mecarelli: «La ricerca genetica è la vera frontiera»

“Non è un Paese per epilettici”: In Italia medici e pazienti si scontrano quotidianamente con le difficoltà di prescrizione, accesso e dispensazione dei farmaci antiepilettici. Medicinali che scarseggiano soprattutto in Calabria, Liguria, Sardegna, Toscana ed Emilia Romagna, dove non sono presenti nemmeno nel Prontuario Terapeutico Ospedaliero (PTO).

«I centri per l’epilessia – spiega Oriano Mecarelli, presidente della Lega Italiana contro l’epilessia (Lice) – sono distribuiti a macchia di leopardo: ce ne sono molti al nord e al centro Italia, ma al sud e sulle isole sono assolutamente carenti».

Piemonte, Toscana ed Emilia Romagna sono le uniche tre Regioni italiane ad avere un Piano Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) dedicato alla patologia.  L’Emilia Romagna e la Toscana, assieme alla Lombardia, hanno anche il merito di aver stilato delle Linee Guida Terapeutiche ad hoc.

LEGGI ANCHE: #EPILESSIANONMIFAIPAURA: IL CLAIM DELLA LICE PER SCONFIGGERE I PREGIUDIZI

Questa “mappa dell’epilessia” è il frutto di uno studio condotto dalla Commissione Farmaco Lice: “Accesso, prescrizione e dispensazione dei farmaci antiepilettici: disuguaglianze ed uniformità nelle 20 Regioni italiane”. I risultati, ottenuti analizzando i questionari sulle disposizioni più rilevanti per la gestione dei farmaci antiepilettici, somministrati ai Coordinatori Regionali e Interregionali Lice, sono stati presentati in occasione del 42° Congresso Nazionale della Lega Italiana contro l’epilessia, in corso in questi giorni nella Capitale.

«Il Congresso Lice – continua Mecarelli – è un’occasione importante pure per sottolineare l’importanza della figura dell’epilettologo per la diagnosi, la cura, ma anche per la diffusione di informazioni scientificamente corrette». La Lega Italiana contro l’epilessia, infatti, ha deciso di dedicare un intero workshop del Congresso all’appropriato utilizzo dei farmaci generici la cui diffusione, stando ai dati dell’ultimo rapporto AIFA, è in aumentato ed è destinata a crescere ulteriormente.

«I farmaci equivalenti sono sicuri – sottolinea il presidente Lice – ma è necessario usarli con accuratezza. Innanzitutto, non bisogna passare da un generico all’altro senza valutarne rischi e benefici. Di solito, quando si prende un generico è consigliabile utilizzare sempre il medesimo. In secondo luogo, quando una persona ha un’epilessia controllata e non ha più crisi da molto tempo, passare ad un farmaco generico potrebbero essere rischioso. Ancora – aggiunge il neurologo – bisogna essere certi che un determinato equivalente sia stato prodotto da un’azienda seria e che il paziente non sia intollerante agli eccipienti contenuti. Infine, l’eventuale cambio deve essere suggerito dall’epilettologo, né dal medico curante, né dal farmacista».

LEGGI ANCHE: WORLD EPILEPSY DAY. BRINCIOTTI (LICE): «L’EPILESSIA NON E’ UNA MALATTIA MENTALE, ANCORA TROPPI PREGIUDIZI»

È soprattutto lo specialista, infatti, ad essere meglio aggiornato su tutti i progressi della ricerca scientifica in ambito terapeutico: «L’affacciarsi di nuovi farmaci sul mercato è un processo continuo – assicura Mecarelli -. Anche se è necessario favorire sempre di più, quando possibile, la terapia chirurgica dell’epilessia. Ci sono delle neuro stimolazioni, come la stimolazione del nervo vago, a cui, pur rappresentando dei palliativi, è importante ricorrere. Ma la vera frontiera di cura è la ricerca genetica – conclude – che ci permetterà di trovare delle terapie personalizzate: quella più adatta ad ogni singolo paziente».

Articoli correlati
Dalla telemedicina un aiuto ai malati di epilessia. Mecarelli (Lice) alle Istituzioni: «Serve formazione»
Il presidente Lice: «Un nuovo lockdown farebbe meno paura ai malati di epilessia con il supporto specialistico a distanza»
di Federica Bosco
43° congresso LICE: un paziente su due con epilessia escluso dal mondo del lavoro
Presentato oggi da LICE e Fondazione ISTUD, in chiusura del 43° Congresso delle Lega Italiana Contro l’Epilessia, il Position Paper sul rapporto tra occupazione ed epilessia
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
Ragazzo deceduto nell’ora di ginnastica: la Lega Italiana contro l’Epilessia fa chiarezza
Dai primi riscontri, sembra che il ragazzo deceduto a Castelfranco Veneto, per cause ancora imprecisate, durante l’ora di ginnastica a scuola, soffrisse di epilessia. Ecco le precisazioni e raccomandazioni della Lega italiana contro l’epilessia
#Epilessianonmifaipaura: il claim della LICE per sconfiggere i pregiudizi
#Epilessianonmifaipaura, un claim proposto dalla Community di Facebook e scelto da LICE per la Giornata Internazionale dell’Epilessia che si celebra lunedì 11 febbraio. Lo slogan intende sottolineare la necessità di colmare il gap tra le persone con epilessia, 500.000 solo in Italia con 36.000 nuovi casi l’anno, e quelle che, non conoscendo la malattia, nutrono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco