Salute 16 Giugno 2021 11:57

Congresso CNOP, Lazzari: «Nel SSN solo 5 mila psicologi». Ecco quanti ne servirebbero

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ha presentato un documento che raccoglie le proposte della categoria per l’attuazione della legge 176, evidenziando il numero minino di psicologi necessari in quattro principali ambiti: le cure primarie, i servizi specialistici, gli ospedali e l’organizzazione aziendale

di Isabella Faggiano
Congresso CNOP, Lazzari: «Nel SSN solo 5 mila psicologi». Ecco quanti ne servirebbero

“Se vuoi lo psicologo o lo psicoterapeuta te lo devi pagare”: con soli 5 mila psicologi assunti nel Servizio Sanitario Nazionale, le attività psicologiche e psicoterapiche sono state trattate, fino ad oggi, come un bene di lusso e non essenziale.

Ora, la pandemia ha mostrato chiaramente che ogni situazione in cui è implicata la salute ha un importante risvolto psicologico. «L’86,6% dei ricoverati nelle terapie intensive per Covid ha problemi o sequele psicologiche significative (anche di tipo cognitivo che richiedono riabilitazione neuropsicologica), così come il 56% dei ricoverati per Covid, il 34% dei positivi in quarantena e il 25,5% della popolazione in generale», spiega David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, CNOP.

Il Congresso Nazionale degli Psicologi

Dati allarmanti che hanno spinto la categoria professionale ad elaborare un Documento che evidenziasse, anche  numericamente, i contesti di cura in cui è necessario inserire o incrementare la figura dello psicologo. Il lavoro è stato presentato oggi in occasione del Congresso Nazionale del CNOP “Per una Sanità delle persone: proposte per l’attuazione delle aree funzionali di psicologia di cui all’art.20-bis legge 176/2020 per l’implementazione dei Lea nel PNRR”.

«Questo evento, organizzato al ministero della Salute alla presenza di diversi rappresentanti istituzionali – dice Lazzari a Sanità Informazione -, nasce con l’obiettivo di esporre le proposte della comunità degli psicologi per l’attuazione della legge 176, frutto anche di un’evidenza emersa clamorosamente durante la pandemia, non solo di un’insufficienza numerica degli psicologi, ma anche di una cattiva organizzazione. La componente psicologica è presente nella prevenzione, nella promozione della salute, nella cura, nella riabilitazione, nell’assistenza alla cronicità, nelle attività di supporto al personale e all’organizzazione, compresi i problemi legati allo stress ed al burnout degli altri operatori sanitari».

Il Documento in sintesi

Le aree del SSN in cui è necessario prevedere o aumentare la presenza degli psicologi sono essenzialmente 4: le cure primarie, i servizi specialistici, gli ospedali e l’ambito dell’organizzazione. «Come evidenziato nel nostro Documento, affinché possano essere erogate le attività ambulatoriali e domiciliari previste dai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e dal PNC (Piano Nazionale Cronicità) – sottolinea il presidente del CNOP – è necessario prevedere la presenza degli psicologi nelle Case della Comunità e nell’assistenza domiciliare».

«Sulla base della rilevazione effettuata sui carichi di lavoro sulla media dei servizi e sugli standard internazionali, per questo ambito si prevede un minimo di uno psicologo ogni 9 mila abitanti. Per quanto riguarda, invece, i servizi specialistici lo standard minimo sale ad un professionista ogni 11 mila abitanti. Negli ospedali, considerando le attività previste dai LEA, la necessità è di almeno 4 dirigenti psicologi. Infine, nell’ambito organizzativo, che comprende attività rivolte al personale (per il miglioramento della comunicazione, delle relazioni, gestione del rischio, dei conflitti, dello stress e burnout) e all’organizzazione (dalla collaborazione alla rilevazione e miglioramento dei climi organizzativi, delle attività per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, della qualità, progettazione degli ambienti, implementazione del lavoro di gruppo, risk management) si prevede uno standard minimo di uno psicologo ogni 70 mila abitanti».

I benefici

Tutti questi interventi non solo migliorerebbero la salute dei cittadini, ma costituirebbero un evidente risparmio per le casse dello stato. «Il Washington State Institute for Public Policy ha dimostrato che per ogni euro speso per interventi psicologici per depressione ed ansia si genera una riduzione dei costi tra 15 e 50 euro – aggiunge il presidente CNOP -. Prevenendo comportamenti a rischio, disturbi e malattie, effettuando abilitazione e riabilitazione in età evolutiva e adulta, rendendo più efficaci le cure e la gestione delle situazioni croniche si aiuta la psiche. E aiutare la psiche – conclude Lazzari – vuol dire aiutare la vita».

Speranza: «Necessario rafforzare ruolo e funzione dell’area psicologica all’interno del nuovo Ssn»

«Abbiamo vissuto mesi drammatici» ma «ci troviamo ancora in una pandemia», anche se riusciamo a guardare con «maggiore fiducia al futuro». In mesi «così complicati abbiamo però potuto contare sulla vostra professione e sulle vostre competenze. Nei momenti più delicati abbiamo attivato un numero verde per rispondere alle paure e alle ansie di tantissime persone e tanti psicologi si sono messi a disposizione dell’interesse comune». Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo al Convegno nazionale del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi. Speranza ha poi aggiunto che in questa fase dobbiamo «necessariamente tenere insieme due indirizzi fondamentali». Il primo è «quello che è stato prevalente negli ultimi mesi, ovvero la sfida della pandemia. Il quadro è di certo migliorato – ha spiegato – e grazie ai vaccini siamo in condizione di pianificare una fase di gestione diversa della circolazione del virus». Una fase che prevede anche «un percorso di riapertura» e che, con ogni probabilità, poterà «il 99% del Paese ad entrare in zona bianca». L’altro indirizzo a cui fa riferimento Speranza è quello «di lungo periodo: il Covid verrà sconfitto», in quanto «ci sono le condizioni per vincere questa sfida. Ma dobbiamo imparare da questa lezione», e dunque è necessario «programmare e progettare una nuova stagione del nostro Ssn». Trasformare «la crisi in un’opportunità di rilancio», dunque, è la vera sfida che abbiamo davanti: «Costruire la sanità del futuro, dentro cui ci sono un ruolo e una funzione dell’area psicologica che vanno assolutamente rafforzati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Global Mental Health Summit 22 sarà a Roma, Lazzari (CNOP): «Ora psicologi nel pubblico per arginare psicopandemia»
Il presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi David Lazzari: «Prevenzione e promozione al centro, servono normative non più "in emergenza" ma in risposta strutturale a problematiche della popolazione»
Lazzari (CNOP): «Dati Unicef drammatici su disagio giovani, Istituzioni prendano in mano situazione»
«Un giovane su tre con problemi di malessere psicologico, uno su cinque con problemi di depressione, uno su sette con una patologia psichica strutturata, il suicidio come seconda causa di morte (4 casi su 100 mila): questi i dati del Rapporto Unicef presentato oggi. La London School of Economics stima 400 miliardi di dollari all’anno […]
Francia rimborsa visite psicologiche, Lazzari (CNOP): «In Italia tante parole e pochi fatti, basta bla bla bla»
Il presidente del CNOP, Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, David Lazzari ha salutato positivamente la decisione presa in Francia di rimborsare le visite dallo psicologo nel post pandemia: oltralpe sarà lo Stato a pagarle a tutta la popolazione, a partire dai tre anni. «C’è una epidemia silenziosa di cui nessuno si sta occupando; dopo due […]
Psicologo scolastico, CNOP chiede il rinnovo del protocollo con il Ministero dell’Istruzione. E alla Camera arriva un nuovo ddl
Nel primo anno, coperte dall’assistenza psicologica il 70% delle scuole: il 50% delle attività dedicata ai docenti. Ora alla Camera un nuovo ddl del deputato Emilio Carelli. Lazzari (CNOP): «Servono interventi tempestivi. Mettere questa figura a sistema sarebbe importante. I ragazzi hanno risentito della psicopandemia»
Europei, Lazzari (CNOP): «Vittoria Italia nutre speranza e prospettiva di ritorno alla normalità»
«La vittoria degli azzurri agli Europei di calcio, sul piano psicologico, nutre la speranza delle persone ed è un’affermazione della normalità, con la prospettiva di un ritorno a una dimensione meno emergenziale. Avvicina anche ad una situazione di ripartenza». Così David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi che aggiunge: «L’affermazione della nazionale di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?