Salute 17 Aprile 2020

Conferenza Iss, Brusaferro: «82% dei decessi con 2 patologie pregresse, nuovi contagi sono intra-familiari e nelle Rsa»

Il 40% dei deceduti nelle residenze assistenziali aveva virus o sintomi, Rezza (direttore Malattie infettive Iss): «Zone rosse intorno alle Rsa»

di Gloria Frezza
Immagine articolo

Il trend dei contagi si conferma in discesa, ma è presto per parlare di “Fase 2”. È il messaggio che emerge dalla conferenza stampa dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sull’emergenza Covid-19. «L’analisi dei deceduti attraverso le cartelle cliniche è chiara – ha affermato il presidente Iss Silvio Brusaferro –: in oltre il 60% dei decessi erano presenti tre o più patologie, con 2 patologie siamo all’82%. La fragilità delle persone e la concomitanza delle patologie sono elementi determinanti nel caso di decesso». La complicanza maggiormente riscontrata si conferma la polmonite; in quantità minore il danno renale (23%), poi altre infezioni (12%) e infine i danni miocardici (9%). Anche nel caso della Lombardia la curva mostra un decremento, e la stessa tendenza si osserva in Veneto ed Emilia Romagna. «La curva – ha proseguito Brusaferro – mostra sempre la storia di un Paese che ha zone diverse, con intensità di circolazione del virus diverse, che si mantengono tali. Ma ci racconta anche che l’adozione delle misure restrittive ha funzionato».

Sull’origine dei nuovi contagi si è espresso Gianni Rezza, direttore Malattie infettive dell’Iss, e le strutture più colpite si confermano le residenze assistenziali. «Le Rsa –  ha evidenziato l’esperto – sono indicatori dell’epidemia, ma anche degli amplificatori. Nel senso che, quando vediamo un focolaio in una Rsa, vuol dire che in qualche modo in quella zona il virus sta circolando ed è stato introdotto all’interno di quella struttura». Molte zone rosse sono infatti nate da focolai originatisi nelle Rsa, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: CONFERENZA ISS, IL PRESIDENTE BRUSAFERRO: «EFFETTO TRASCINAMENTO SUL NUMERO DEI MORTI, TRA CONTAGIO E DECESSO DA 2 A 5 SETTIMANE»

«Complessivamente più del 40% dei residenti deceduti nelle Rsa aveva sintomi riconducibili all’infezione o il tampone positivo» ha spiegato Graziano Onder, direttore del Dipartimento Malattie cardiovascolari, endocrino-metaboliche e invecchiamento dell’Iss, illustrando l’indagine effettuata in questi giorni. La survey ha coperto oltre 80mila residenti, con maggiore distribuzione nel nord Italia.

«Abbiamo chiesto alle strutture quanti decessi sono stati registrati dal 1 febbraio al 15 aprile – ha concluso Onder –. Le informazioni che ci sono state date riguardano tra i 6-7mila decessi, un campione pari al 7-8% di tutti i residenti. Abbiamo chiesto poi quanti di questi avessero un tampone positivo (circa un migliaio) e quanti i sintomi riconducibili al Covid-19 o simil influenzali».

Ma il virus si trasmette anche nelle case, dove oltre 75mila italiani contagiati sono in isolamento domiciliare. «Chiaramente l’isolamento domiciliare comporta un rischio maggiore di trasmissione intra-familiare – ha specificato Rezza –, se non ci sono le condizioni adatte e se non si rispettano le regole. Magari l’Asl fa il controllo ogni giorno, ma bisogna essere molto disciplinati». Una disciplina che, ha ammesso l’esperto, può rivelarsi complessa in abitazioni piccole, con un solo bagno in comune.

In Cina la scelta di allontanare i soggetti contagiati dalle proprie abitazioni sembra aver avuto effetti positivi sull’isolamento del virus. «Sia le persone malate che i contatti sono stati portati in strutture apposite – ha analizzato Rezza – con le buone o le cattive maniere. È il bello e il brutto di democrazie e regimi. Credo che in Italia, come in altre democrazie occidentali, ciò non sia molto possibile».

Per la “Fase 2” gli esperti invitano alla costruzione di una strategia impeccabile. Per il direttore Rezza: «Sarà cruciale l’identificazione rapida dei focolai, che vuol dire identificazione rapida dei casi, diagnosi, isolamento, rintraccio dei contatti e loro isolamento, e azioni di contenimento». Tornerà centrale la misura sulle “zone rosse”. «Può sembrare un paradosso – ha osservato Rezza – ma se la circolazione del virus si riduce, tanto più c’è bisogno di zone rosse, che non a caso sono più frequenti nelle aree meno colpite».

Per recuperare un tracciamento più chiaro dei nuovi casi, gli esperti ribadiscono l’importanza del contact tracing. La “strategia della rinascita” suona così: «Dovremo usare un po’ di distanziamento sociale e un po’ dell’hi-tech coreano per il tracciamento dei contatti – ha concluso l’infettivologo – ma soprattutto dovremo essere 10 volte più pronti nell’identificare e controllare».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 3 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus in Africa, Emergency: «Il problema sarà l’impatto sui trattamenti delle patologie ordinarie»
Intervista alla coordinatrice della divisione medica della ONG Michela Paschetto: «Le misure di contenimento sociale affaticano la quotidianità di paesi già fragili»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...