Salute 16 Luglio 2019

Concerti in reparto per dare serenità ai malati oncologici. Compiono dieci anni i “Donatori di Musica”

L’associazione è nata nel 2009, da un’intuizione del compositore e producer discografico Gian Andrea Lodovici e dell’oncologo Maurizio Cantore. L’iniziativa in dieci anni di attività ha coinvolto più di 20mila pazienti per oltre 800 concerti principalmente in Italia, ma anche in Austria e negli Stati Uniti

di Federica Bosco

Trasformare le stanze di un reparto oncologico in sale concerto per portare serenità a pazienti sottoposti ad un difficile percorso di cura: è questo l’obiettivo di Donatori di Musica, l’associazione nata nel 2009, da un’intuizione del compositore e producer discografico Gian Andrea Lodovici e dell’oncologo Maurizio Cantore, Direttore della Divisione di Oncologia Medica dell’Ospedale di Mantova che racconta: «Donatori di musica  è nato dall’incontro con il famoso produttore di musica classica Gian Andrea Lodovici, quando venne presso il mio studio di Carrara per un ulteriore parere medico sul percorso terapeutico che stava affrontando. Incontrai Lodovici in un momento di forte difficoltà, non aveva più energie e non riusciva neanche più a pensare alla sua principale fonte di ispirazione, la musica. Capii allora che – prosegue Maurizio Cantore – oltre alle terapie, dovevo proporgli qualcosa di diverso, ad esempio organizzare dei concerti nel reparto che dirigevo. Da lì iniziò il cambiamento, trascorse gli ultimi mesi con gioia, impegnato a creare eventi e stagioni musicali nel reparto dove era ricoverato. Fu l’inizio della nostra storia e da quel momento in poi, un’atmosfera di magia caratterizza da sempre i nostri concerti».

Un’iniziativa che in dieci anni di attività ha coinvolto più di 20mila pazienti per oltre 800 concerti principalmente in Italia, ma anche in Austria e negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: UN DEFIBRILLATORE SALVA LA VITA, CARDIOLOGI-MUSICISTI SUL PALCO PER LA PREVENZIONE CARDIACA

«Con Donatori di Musica si modifica il concetto della gestione della malattia: dalla terapia alla cura, o meglio ancora, al prendersi cura – afferma Claudio Graiff, Oncologo Medico e Socio Fondatore di Donatori di Musica, Presidente del convegno – e così la terapia, atto tecnico che richiede competenze scientifiche e formazione specialistica non delegabili, si inscrive compiutamente nella cura, in quel prendersi cura gli uni degli altri che tanto è importante per il vissuto di chi si trova ad affrontare esperienze difficili e dolorose quale indubbiamente è la condizione dell’ammalato oncologico. La cura quando intesa nella sua accezione più estensiva, a differenza della terapia, non compete al solo personale sanitario. L’ingresso dei Musicisti nelle comunità chiuse degli Ospedali, quali portatori di valori universali di autentica bellezza, trasforma la segregazione in inclusione e simboleggia il coinvolgimento dell’intera società umana nei percorsi di cura. I musicisti portano vita nei luoghi della sofferenza, trasformandoli con la loro arte in luoghi della speranza, della condivisione e del benessere. In occasione degli eventi di donatori di Musica, il progetto si arricchisce di nuova energia grazie allo scambio di esperienze tra diversi centri che già aderiscono e alla partecipazione di nuovi reparti che intendono unirsi alla rete». 

Una nuova cultura del prendersi cura che permetta alle persone coinvolte nel percorso terapeutico di diventare protagonisti in luoghi solitamente deputati al trattamento medico, rappresenta il valore aggiunto del progetto come rimarca Andrea Mambrini, Direttore Divisione di Oncologia Medica Ospedale di Massa Carrara, Segretario e Socio Fondatore di Donatori di Musica.

«I pazienti non sono solo spettatori, ma vengono coinvolti direttamente nella preparazione delle quattro fasi che costituiscono il format degli eventi, dalla preparazione e organizzazione, al concerto vero e proprio, ad un’occasione conviviale, fino a quella che noi definiamo di tutti i giorni dopo. Quest’ultima fase è quella più importante, quando si mantiene la relazione instaurata, a tratti magica, e che si è creata durante l’evento».

Studi scientifici hanno dimostrato i benefici del progetto sui pazienti, con diminuzione dei livelli di ansia e alleggerimento del peso psicologico legato alla cura.  Creare un legame emotivo con i medici, infatti, aiuta il paziente ad abbattere le barriere, facilitando il dialogo e lo scambio per tutta la durata del trattamento.

Quest’anno, in occasione dei dieci anni di attività, la rete di Donatori di Musica ha organizzato tre momenti musicali il 6 e 7 luglio scorsi a Malosco in provincia di Trento con la partecipazione del Trio Broz (composto dai fratelli Barbara (violino), Giada (violino e viola) e Klaus (violoncello) -, della “Bifo Combo”, ensemble musicale molto noto della scena musicale veronese) e di Roberto Prosseda, tra i pianisti più attivi della scena concertistica internazionale, oltre che socio fondatore e direttore artistico di Donatori di Musica. Un successo in termini di affluenza di pubblico e di partecipazione che sottolinea la bontà dell’iniziativa come stimolo ad un percorso attivo per i malati.

 

Articoli correlati
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”
Il racconto di un oncologo sul New England Journal of Medicine: «Mi aspetto un picco bimodale, le morti dei pazienti oncologici con Covid e quelle dei tanti che hanno visto le cure indebolite o rimandate»
di Tommaso Caldarelli
Ospedale sicuro, Santini (Campus): «Con triage telefonico e televisita meno attese e maggiore tutela per i pazienti oncologici»
Al Campus Bio-Medico riorganizzato il Day-Hospital di oncologia. Il Responsabile Daniele Santini: «Nessun caso di covid nei nostri pazienti: attivati percorsi protetti e tutte le precauzioni necessarie per ridurre al massimo la possibilità di infezione»
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»
Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]
di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...