Salute 4 Aprile 2022 17:22

Come vincere ansia e paura della guerra? Il parere dell’esperto

Gianluca Castelnuovo (Direttore del Laboratorio di ricerche di psicologia clinica dell’Auxologico Italiano IRCCS) «Filtrare le notizie sui social e mettere a tacere il senso di impotenza con azioni di solidarietà. Questi i pilastri intorno a cui costruire il proprio bagaglio emotivo per far fronte alla destabilizzazione psicologica, che suscita la guerra Russo Ucraina negli italiani».

Come vincere ansia e paura della guerra? Il parere dell’esperto

Senso di incredulità e destabilizzazione psicologica, sono questi gli effetti che la guerra tra Russia e Ucraina sta generando sugli italiani. In particolare, sembrano essere i giovani i più colpiti dopo due anni di pandemia e lockdown ad intermittenza, devono ora confrontarsi con un nuovo pericolo che fa vacillare le loro certezze e pone molti quesiti sul futuro. Come gestire allora ansia e paura da guerra? La risposta arriva dal centro di psicologia dell’Istituto Auxologico di Milano diretto dal professor Gianluca Castelnuovo che ha stilato una sorta di vademecum per sopravvivere ai timori che suscita il conflitto.

Una tempesta perfetta con aumento del 30,40% di ansia e depressione

«Sono i giovani ad essere più a rischio – spiega Gianluca Castelnuovo, psicologo, specialista in psicoterapia e professore ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università Cattolica di Milano –, si sono trovati a vivere una sorta di tempesta perfetta, somma di più fattori che hanno portato a togliere sicurezze e certezze. La crescita sana ed equilibrata per i nostri ragazzi in una famiglia che cura, dà risposte alle loro domande, in un ambiente dove possono divertirsi, studiare, fare sport, dopo essere stato messo a dura prova dal Covid, ha impattato in un’altra situazione di vulnerabilità rappresentata dalla guerra».

Lo scontro russo-ucraino ha spazzato via anche la convinzione secondo cui, dopo l’esperienza drammatica della Seconda guerra mondiale, i conflitti si sarebbero risolti con negoziazioni diplomatiche.  «Un errore di valutazione che oggi ha delle conseguenze sulla psiche degli italiani – ammette il direttore del centro di ricerche di Psicologia Clinica dell’Istituto Auxologico Italiano che ha riscontrato negli ultimi mesi un incremento di casi di ansia e depressione del 30,40% -. Sui traumi da Covid rimasti, che hanno generato un’onda lunga che stiamo ancora curando, si è innescata la paura della guerra. il messaggio che arriva ai ragazzi, ma anche agli adulti, è che sia in atto un conflitto che potrebbe espandersi e che, con il nucleare, potrebbe pure degenerare coinvolgendo aree molto più vaste».

Good news per tenere a freno l’ansia

Per gestire l’ansia da guerra il responsabile del servizio di psicologia clinica dell’Istituto Auxologico suggerisce innanzitutto di dosare e filtrare le informazioni che tutti i giorni provengono dal fronte. «Il consiglio che posso dare nelle persone che si sentono congelate e che vivono un senso di frustrazione nel non vedere alcun miglioramento nel conflitto – dice Castelnuovo -, è di limitare l’accesso ai media a pochi momenti di aggiornamento, massimo tre o quattro al giorno, e di rivolgere l’interesse verso altre informazioni, dando maggior spazio alle good news per evitare un alone di catastrofismo legato alla guerra, alla crisi economica e al Covid».

Una lettura dunque più distaccata, il che non significa evadere dalla realtà, ma imparare a dosare e filtrare le informazioni che arrivano, in particolare dal mondo dei social network dove tutto sembra essere amplificato. «Il rischio concreto è di pensare che non c’è più speranza, invece proprio in questo momento si stanno facendo grandi cose e questo pensiero positivo deve trovare spazio».

Vincere il senso di impotenza con la solidarietà

Evitare dunque di farsi sopraffare dalle notizie negative, ma non solo, Castiglione spiega anche come mettere a tacere il senso di colpa. «Soldi, tempo e ospitalità rappresentano la miglior terapia per scaricare la tensione. Il passaggio all’azione rimane nella memoria, abbatte l’ansia e anestetizza la paura. Di fronte alla sensazione di impotenza, soprattutto in relazione alle condizioni di sofferenza dei profughi, è importante perciò abbandonare un atteggiamento di immobilismo emotivo per passare a una praticità che si basa su un semplice principio: “Cosa posso fare io di concreto in questa situazione senza pretendere di essere il salvatore del mondo?” – sottolinea il direttore del centro di psicologia dell’Istituto Auxologico -. Un aiuto economico, la disponibilità di ospitare profughi quando arriveranno nelle nostre città, le azioni di supporto alle associazioni di volontariato: questi sono tutti gesti in cui l’aiuto si può esprimere in maniera concreta, dando la sensazione di aver messo un tassello nel grande puzzle della solidarietà».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
Faroni (Gruppo Ini): «No a medici di Serie A e B. Noi tra i primi a sottoscrivere rinnovo del contratto dei medici»
Il Direttore Generale del Gruppo INI, Cristopher Faroni, ribadisce l’importanza dell’impegno firmato lo scorso anno: «Un anno fa abbiamo intrapreso un percorso virtuoso e innovativo. Il medico è una figura sempre più centrale nelle nostre organizzazioni ed è necessario valorizzarne adeguatamente la professionalità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...