Salute 4 Aprile 2019 11:11

Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»

Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell’Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi

Dopo l’ennesimo caso di un neonato morto per una circoncisione clandestina, questa volta a Genova, torna d’attualità l’appello di Foad Aodi, fondatore Amsi e Co-Mai e Consigliere OMCEO di Roma.

«Ringrazio il ministro della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario Armando Bartolazzi, il viceministro agli Esteri Emanuela Del Re e Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione sanità e la regione Lazio per l’immediato e tempestivo contatto con noi per ribadire la disponibilità di trovare soluzioni condivise sul tema – sottolinea Aodi a Sanità Informazione –  Sicuramente il viceministro Emanuela Del Re ha dato un contributo decisivo, mi ha chiamato personalmente e ha instaurato un contatto con il ministro Grillo che si è detta disponibile a trovare soluzioni. A breve ci saranno degli incontri. Nel frattempo continuano ad arrivare adesioni da comunità, associazioni: l’ultimo è arrivato dal coordinamento delle comunità musulmani del Lazio, ma anche da Puglia, Emilia Romagna, Veneto, Campania».

LEGGI ANCHE: CIRCONCISIONE RITUALE, AODI-MAGI-SILERI:«SALVIAMO I BAMBINI, SERVE INSERIMENTO NEI LEA O LEGGE AD HOC. INTERVENGA IL MINISTRO»

«Io ho spiegato a tutti – continua Aodi – che il mio ragionamento è che la circoncisione la stiamo trattando cercando di trovare soluzioni dal punto di vista sanitario e non dal punto di vista religioso anche perché nella religione musulmana la circoncisione, a differenza di altre religioni, non è obbligatoria ma consigliabile per una questione igienica. Il fatto è che noi dobbiamo essere uniti. Lo slogan è: “Circoncisione nei Lea o legge ad hoc, no alle circoncisioni clandestine”. Puntiamo sul diritto alla salute per tutelare bambini. Consideriamo che l’85% dei musulmani in Italia sono laici, fanno comunque la circoncisione ma non c’è un collegamento diretto con la religione. Noi stiamo chiedendo che la circoncisione rituale sia trattata come la circoncisione terapeutica. Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni: per questo la gente fugge o nel paese d’origine o nel canale della circoncisione clandestina. Purtroppo abbiamo avuto in queste tre settimane più di cento richieste per intervenire chirurgicamente per porre rimedio. Un bambino tunisino si opererà la prossima settimana per un intervento riparatorio».

«Secondo le nostre statistiche Amsi e Co-mai – conclude il professore Foad Aodi – sono più di 11.000 le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il 35 % di quelle fatte in Italia, sono realizzate clandestinamente e a domicilio. Il costo in privato va da 2 a 4 mila euro, da 25 a 50 euro per la circoncisione clandestina. Il 99% delle famiglie musulmane lo vuole fare nei primi mesi».

Articoli correlati
Carenza sanitari, Foad Aodi (Amsi): «Il 90% delle domande e disponibilità di medici e infermieri ucraini sono senza risposte»
Amsi e UXU: «Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza»
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Anelli: «I medici mostrano disagio nel lavoro. Al governo chiediamo provvedimenti straordinari»
Ferie non godute, straordinari non pagati, contratti in attesa di rinnovo. In Italia manca personale e i medici sono stanchi di sacrifici continui. Il presidente Fnomceo Filippo Anelli fissa una nuova direzione con il ministro Speranza
La tutela dell’ambiente entra in Costituzione, Anelli (Fnomceo): «Rivoluzione che medici accolgono con favore»
La Camera ha approvato in via definitiva la proposta di legge costituzionale che modifica due articoli della Carta, il 9 ed il 41. Il testo è passato con 468 voti a favore, un contrario e sei astenuti
«I medici italiani vogliono scappare dalla dipendenza». Anelli (FNOMCeO) chiede un cambiamento
Il presidente FNOMCeO: «Inutile nascondersi dietro il passaggio a una nuova forma contrattuale per gli mmg: è demagogia, occorre cambiare i sistemi che non funzionano»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali