Salute 20 Marzo 2023 17:46

Cibo e coinvolgimento psicologico: un italiano su due lo usa per relazionarsi

All’EngageMinds HUB, il Centro di ricerca dell’Università Cattolica campus di Cremona, è stata sviluppata e validata scientificamente una scala di coinvolgimento alimentare, la Psychological Food Involvement Scale o PFIS. La ricercatrice: «Grazie a questa scala potremmo gestire gli ‘sgarri’ dei pazienti a rischio, motivare le tendenze alimentari e orientare le campagne per la promozione del benessere»

Cibo e coinvolgimento psicologico: un italiano su due lo usa per relazionarsi

Per un italiano su cinque l’alimentazione è “questione di salute”: ci si nutre con l’obiettivo di mantenersi in forma. Per quasi uno su due, invece, il cibo è un mezzo per relazionarsi. A rivelarlo uno studio svolto presso l’EngageMinds HUB, il Centro di ricerca dell’Università Cattolica, campus di Cremona diretto dalla professoressa Guendalina Graffigna. «Grazie a questa stessa ricerca – spiega la professoressa Graffigna a Sanità Informazione -, è stato possibile sviluppare e validare scientificamente una scala di coinvolgimento alimentare, la Psychological Food Involvement Scale o PFIS».

Patologie intestinali: una protezione contro gli sgarri

Grazie a questo indice sarà possibile analizzare in modo obiettivo quale significato un determinato individuo attribuisce al cibo. «Utilizzando l’indice Psychological Food Involvement Scale, o PFIS, potremmo comprendere anche alcune motivazioni,  spesso inespresse, che orientano verso precisi consumi alimentari piuttosto che altri». I risultati che si otterranno potranno avere una duplice valenza, una soggettiva ed un’altra universale. «Sottoponendo al test un individuo che soffre di una patologia gastrointestinale, ad esempio, potremmo valutare il suo coinvolgimento emotivo nella scelta del cibo e proteggerlo da eventuali sgarri e da quelle scelte alimentari sbagliate che possano peggiorare la sua condizione di salute. Mettendo insieme, invece, i profili di più pazienti – continua la ricercatrice – i risultati ottenuti potrebbero orientare le campagne medico-scientifiche di comunicazione, educazione e sensibilizzazione, come quelle per la promozione dei corretti stili di vita, rendendole più efficaci».

Lo studio

Dallo studio, infatti, è emerso che le persone che totalizzano punteggi elevati su questa nuova scala di valutazione tendono a seguire una dieta salubre che le porta a fare scelte alimentari più sane rispetto a chi assegna al cibo un minore valore simbolico. Per validare scientificamente la Psychological Food Involvement Scale le ricercatrici hanno analizzato i test compilati da 512 diverse persone. I risultati hanno dimostrato che la scala PFIS è valida e affidabile nella misurazione della dimensione simbolica del cibo e del coinvolgimento alimentare di ciascuno.

Il cibo è un mezzo per sperimentare emozioni

«La scala indaga diverse e nuove dimensioni psicologiche relative alle nostre scelte alimentari – spiega la dottoressa Greta Castellini, che ha condotto lo studio -. Per esempio, quanto il cibo è considerato dal singolo come un mezzo attraverso il quale provare emozioni positive e raggiungere un benessere psicofisico. Ma esplora anche quanto il cibo e in particolare le scelte alimentari siano un mezzo importante per esprimere se stessi e la propria personalità. Infine, valuta quanto il cibo e le scelte alimentari siano considerate dal singolo come un mezzo attraverso cui essere accettati dagli altri e quanto il cibo sia considerato dal singolo come un tramite grazie al quale prendersi cura dei propri cari e rafforzare i legami familiari».

Ecco perché anche il cibo va di moda

Ma non è tutto. Con la PFIS è possibile dare una spiegazione anche alle “mode” del momento: «Utilizzando questa scala è possibile dare un perché ad alcune tendenze alimentari di successo, dal  consumo di bevande vegetali a quelle senza lattosio, evidenziandone proprio il valore simbolico. In questo ambito è l’influenza sociale, quindi il desiderio di affermarsi all’interno della società, a giocare un ruolo fondamentale nella decisione di acquistare un determinato prodotto. Inoltre, chi sceglie di consumare bevande vegetali – dice Graffigna – lo fa anche al fine di mostrare i propri valori e le proprie idee in tema di sostenibilità, come il rispetto per gli animali e per l’ambiente».

La fase due dello studio

Finora le ricercatrici si sono concentrare sull’analisi delle abitudini alimentari di soggetti sani. «Tuttavia – sottolinea la professoressa Graffigna – questa scala può essere potenzialmente utilizzata per valutare qualsiasi individuo. E nel caso di soggetti affetti da particolari patologie in cui l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale, può rappresentare un valore aggiunto non di poco conto». Intanto le ricercatrici sono già a lavoro per ampliare gli orizzonti del loro studio: «Vorremmo dedicarci ad una sperimentazione transculturale per verificare la validità di questo test e della scala ad esso associata – conclude l’esperta – anche tra quelle popolazioni in cui il cibo non ha una connotazione culturale forte ed evidente come tra gli italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...