Salute 31 Marzo 2022 12:32

Chi è il Gen. Tommaso Petroni, il sostituto di Figliuolo alla gestione dei vaccini

Il maggior generale Tommaso Petroni sostituirà Figliuolo alla guida dell’Unità per la gestione della distribuzione vaccinale in Italia. Anche lui con una carriera militare alle spalle, vediamo chi è

Chi è il Gen. Tommaso Petroni, il sostituto di Figliuolo alla gestione dei vaccini

Termina lo stato di emergenza e arriva anche il cambio di guardia per la gestione della campagna vaccinale. L’Italia saluta, e ringrazia, il generale Francesco Paolo Figliuolo che dal 1 aprile esaurirà ufficialmente il suo incarico. Lo sostituirà il maggior generale dell’Esercito Tommaso Petroni, che con lui condivide le special skills nell’organizzazione logistica su larga scala.

A Figliuolo e al suo lavoro di quest’anno vanno i 47,8 milioni di vaccinati con ciclo completo e i 136 milioni di dosi somministrate da Nord a Sud, in spazi adattati a tempo record per la più grande campagna vaccinale della storia moderna. Ora il completamento e la gestione delle nuove misure di contrasto alla pandemia, che passa da emergenziale ad ordinaria, andranno a Petroni come direttore dell’Unità. In funzioni vicarie ci sarà invece Giovanni Leonardi, dirigente del ministero della Salute. All’interno della struttura troveranno posto lo staff del Commissario straordinario e quello del Ministero della Salute.

La carriera di Tommaso Petroni

Seppure provengano da un ambiente comune, Figliuolo e Petroni hanno seguito due percorsi diversi. Quest’ultimo, pugliese 60 anni, si è specializzato all’Università La Sapienza di Roma con un master di secondo livello in “Management dei materiali complessi”, seguito da un corso di perfezionamento in logistica.

La carriera militare di Tommaso Petroni è iniziata dopo la laurea, sempre nel campo della logistica e trasporti. Questa specializzazione lo ha portato all’estero per missioni che lo hanno coinvolto in Kurdistan, Somalia e Kosovo. In quest’ultimo è stato incaricato di gestire le operazioni ferroviari nel Comando Nato. Grazie al suo supporto ha ricevuto un Croce commemorativa ed è stato nominato Cavaliere della Repubblica.

È stato a capo della pianificazione logistica per i Rapid Nato Deployable Corps di Valencia e comandante del quarto reggimento a sostegno dell’aviazione per l’Esercito. Negli ultimi 10 anni ha ricoperto incarichi di prestigio nell’esercito: fino al 2015 come capo-ufficio Armamento al Comando logistico dell’Esercito e poi al Comando per la Formazione, specializzazione e dottrina dell’Esercito. Dal 2018 e fino al 2021 Tommaso Petroni è stato poi capo-reparto Trasporti e capo-reparto Materiali per l’Esercito.

I ruoli dell’Unità di Petroni

L’Unità guidata da Petroni ricalcherà quella di Figliuolo e proseguirà nella gestione e trasporto dei vaccini, nella rete ospedaliera e territoriale italiana, dei farmaci contro Covid-19 e di tutto il personale che si è occupato e dovrà continuare ad occuparsi della campagna. L’80% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale, ma per i restanti bisogna ancora lavorare sul recupero di indecisi e impossibilitati.

Ora con il dibattuto sulla quarta dose non è chiaro quanti e quali saranno gli italiani interessati, ma ciò che è certo è che il paese ha ancora bisogno di una struttura che sappia pensare in larga scala.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...